Crea sito

 

Una aspirina al giorno per la vostra salute

 

 

back to HomePage

 

 

indice

 

Prefazione

Capitolo 1. Aspirina: le evidenze

Capitolo 2. Aspirina: il farmaco delle meraviglie?

Capitolo 3. La storia dell’aspirina

Capitolo 4. Come lavora l’aspirina

Capitolo 5. Dolore, febbre e infiammazione

Capitolo 6. Il cuore e la circolazione

Capitolo 7. L’ictus

Capitolo 8. Arterie e vene. L’aspirina in gravidanza

Capitolo 9. Aspirina e demenza

Capitolo 10. Il cancro: una breve panoramica

Capitolo 11. Il cancro al colon-retto

Capitolo 12. Il cancro ai polmoni

Capitolo 13. Il cancro al seno

Capitolo 14. Il cancro alla prostata

Capitolo 16. La depressione

Capitolo 17. La pelle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

prefazione

 

back to Index

 

Ancora nel 1970 l'aspirina era usata solamente come antidolorifico e per abbassare la temperatura durante l'influenza. Il primo grande studio internazionale fu il trial ISIS-2 pubblicato su The Lancet del 1988, che ebbe vasta risonanza. Il trial era la valutazione fattoriale di due farmaci, l'aspirina a 160 mg con rivestimento e la infusione di streptokinasi 1.5, subito dopo un infarto miocardico. Ciascuno dei due agenti preso da solo abbassava la mortalità vascolare nei successivi 35 giorni del 25%, mentre l'uso congiunto dei farmaci abbassava la mortalità oltre il 40%

Nel 2002 la Antithrombotic Trialists' Collaboration permise di raccogliere dati su pazienti individuali da tutti i trial di prevenzione secondaria che erano stati condotti, e in non vi fu alcun dubbio che l'aspirina riduceva gli eventi vascolari di 1/4, la mortalità di 1/6, l'infarto non fatale del miocardio di 1/3 e l'ictus e non fatale di 1/4. Era chiaro che il beneficio dell'aspirina superava di molto il rischio di un serio sanguinamento, cosicché l'aspirina divenne un trattamento standard per coloro che avevano avuto episodi cardiovascolari.

Il valore dell'aspirina nella prevenzione secondaria sollevò l'ovvia domanda se fosse utile anche nella prevenzione primaria, cioè per prevenire il primo attacco in quelli che non ne avevano avuto precedentemente nessuno. A tutt’oggi, sei importanti trial di prevenzione sono stati riportati e la loro esperienza combinata è stata riassunta su The Lancet nel 2009. Come nel caso della prevenzione secondaria, l'aspirina produceva una grande riduzione, di circa il 20%, degli attacchi cardiaci non fatali. Ma, a differenza della prevenzione secondaria, non c'erano chiari benefici in termini sia di ictus sia di morte per attacchi cardiaci fatali. La mortalità vascolare non è ridotta. Paragonati ai risultati della prevenzione secondaria questi risultati lasciano perplessi. Da un lato è ragionevole pensare che il processo di deterioramento delle arterie coronariche è continuo, ed è difficile immaginare un punto in cui l'aspirina non conferisca nessun beneficio ma oltre il quale improvvisamente risulti benefica. Dall'altro lato è altrettanto ragionevole ritenere che il background patologico e la reazione all'aspirina potrebbero essere stati cambiati dagli eventi clinici.

Quale che sia la spiegazione è emerso un chiaro contrasto tra prevenzione primaria e secondaria. Mentre il beneficio attribuibile all'aspirina in coloro che hanno avuto precedenti eventi vascolari chiaramente supera i rischi del sanguinamento, lo stesso bilancio non può essere fatto nel contesto della prevenzione primaria, dove i benefici cominciano solo a superare i pericoli in coloro che sono a rischio di eventi cardiaci. Questo dovrebbe far sì che i dottori raccomandino l'aspirina solo con cautela, nel caso di pazienti che non hanno avuto problemi di attacchi cardiaci e di ictus. Inoltre, potrebbe essere che coloro che si danno all'auto prescrizione con l'aspirina stiano facendosi più danno che vantaggio.

Recentemente l'aspirina ci ha riservato un'altra sorpresa, il fatto che dopo essere stata presa per cinque anni, mostra di ridurre i tassi di mortalità per diversi tipi di cancro e in modo consistente, particolarmente per quelli del tratto gastrointestinale.

Considerando anche i benefici anticancro nel bilancio, forse questo va rivisto per il caso dell'uso nella prevenzione primaria. Sia nel caso della prevenzione primaria che di quella secondaria sembra che una dose giornaliera di 75 mg di aspirina sia altrettanto efficace di dosi più alte e quasi certamente con meno rischi di sanguinamento grave. Se l'aspirina è usata con cautela, è relativamente priva di seri rischi, sebbene la possibilità di un serio sanguinamento gastrointestinale cerebrale non dovrebbe mai essere sottostimata.

Il dottor Keith Souter, basandosi sugli anni di pratica di medicina generale è la persona ideale per rispondere a questi dilemmi.

Professor Tom Meade FRS

 

 

capitolo 1. aspirina: le evidenze.

 

back to Index

 

È provato che l'aspirina è di aiuto alle persone che hanno già avuto un attacco cardiaco. In questi pazienti, l'assunzione di aspirina a basse dosi giornaliere riduce il rischio di avere un attacco cardiaco di almeno 1/3

L'aspirina riduce il rischio del primo attacco cardiaco nei pazienti ad alto rischio di avere un attacco cardiaco o un ictus. In alcuni studi il rischio era ridotto fino al 44%

L'aspirina somministrata dopo un attacco cardiaco riduceva il tasso di mortalità del 42% nei pazienti che ricevevano oltre all'aspirina un trattamento con la streptokinasi.

Mentre esistono prove dei benefici nel prendere un'aspirina per le persone che sono ad alto rischio di avere un attacco cardiaco o un ictus, la stessa evidenza non esiste per persone con un basso rischio che non hanno nessun sintomo manifesto di disturbo. Mentre ci potrebbe essere una lieve riduzione del rischio di eventi gravi per tali pazienti a basso rischio, la decisione di prendere un'aspirina dovrebbe essere confrontata con rischio di avere un grave sanguinamento.

Se un paziente ha sofferto di un ictus non emorragico, il Royal College of Physicians raccomanda 50-300 mg di aspirina giornalmente a tempo indefinito.

I pazienti che hanno avuto un mini ictus dovrebbero prendere l'aspirina. Gli studi hanno dimostrato che prendere un'aspirina riduce le probabilità di avere un altro ictus del 15%.

Secondo il National Institute for Health and Clinical Excellence, i pazienti con fibrillazione atriale che sono caratterizzati da un basso o moderato rischio di ictus dovrebbero assumere un'aspirina in una dose giornaliera da 75-300 mg per prevenire ictus e attacchi cardiaci

 

aspirina e cancro

Una piccola dose giornaliera di aspirina ha dimostrato di poter ridurre il tasso di morte per cancro di almeno 1/5.

L'aspirina deve essere presa per almeno cinque anni prima che si veda un effetto nella riduzione del rischio di cancro. Dopo cinque anni di aspirina il tasso di morte per cancro si riduce per tutti i tipi di cancro del 34%

Più a lungo si usa l'aspirina più grande la riduzione del rischio: 20-25 anni di uso danno la migliore protezione. Dopo di questo ci possono essere più rischi di sanguinamento

Il tempo per iniziare sembrerebbe essere quando i pazienti sono alla fine dei loro anni 40 e 50.

Non c'è nessuna differenza preventiva per quanto riguarda la dose di aspirina: 75 mg sembrano sufficienti

Dopo cinque anni di uso di aspirina il tasso di morte per cancro gastrointestinale scende del 54%.

L'uso di aspirina a lungo termine è associato con una diminuzione dal 30 al 50% dei polipi che potrebbero portare a cancro del colon retto. Uno studio ha mostrato che l'aspirina riduceva il rischio di cancro al colon nel tratto vicino all’intestino tenue piuttosto che vicino al retto del 70%

L’aspirina riduceva le morti dovute a tumori cerebrali primari durante il primo anno di monitoraggio.

Il rischio di cancro alla prostata si riduceva dopo 15 anni di uso di aspirina

Dopo vent'anni di uso d'aspirina si avevano i seguenti risultati:

-        cancro alla prostata ridotto del 10%;

-        cancro ai polmoni ridotto del 30%, ma soprattutto per il tipo con adenocarcinoma;

-        cancro al colon retto ridotto del 40%;

-        cancro all'esofago ridotto al 60% (tipo adenocarcinoma).

Uno studio che ha monitorato i pazienti che già avevano cancro alla mammella ha mostrato che l'aspirina era associata a una diminuzione del rischio di metastasi del 45-60% e a una riduzione da 64 a 71% delle morti correlate a questo tipo di cancro. Mentre questo studio è promettente, non c'è però ancora una sufficiente ricerca che suggerisca che le donne in buona salute dovrebbero prendere l'aspirina a fronte di un rischio di sanguinamento.

L'effetto dell'aspirina sul cancro allo stomaco, al pancreas e al cervello è difficile da determinare al momento. Anche gli studi sugli effetti dell'aspirina sul cancro al seno o sui tipi di cancro ginecologici mancano ancora di sufficienti dati.

 

aspirina e demenza

L'aspirina riduce il rischio di sviluppare Alzheimer del 23%. Gli studi hanno indicato che l'impiego a lungo termine di aspirina potrebbe ridurre l'incidenza dell'Alzheimer, purché la si cominci a utilizzare molto prima dell'inizio del disturbo. Più a lungo è stata usata l'aspirina, più grande la riduzione del rischio. Sembra che il beneficio maggiore si abbia usando l'aspirina da almeno cinque anni

 

potete prendere l'aspirina?

Non dovreste mai prendere l'aspirina se avete uno dei seguenti fattori di rischio:

-        avete avuto ulcere allo stomaco

-        avete avuto asma

-        avete avuto un ictus emorragico

-        avete un disordine del sangue di qualsiasi tipo o avete ereditato una condizione tipo la malattia di Osler-Weber-Rendu

-        avete avuto una reazione allergica l'aspirina in qualche momento della vostra vita

-        avete avuto allergie ai salicilati

-        siete al di sotto dei 16 anni

-        state allattando

-        siete incinta

-        state tentando di concepire

-        state utilizzando farmaci come anticoagulanti o altri farmaci che possono interagire con l'aspirina nell'incrementare il rischio di sanguinamento

 

 

capitolo 2. aspirina: il farmaco delle meraviglie?

 

back to Index

 

Ci sono diverse forme di aspirina:

-        Pastiglie standard: possono essere prese con o senza cibo, sebbene a stomaco pieno sia più probabile che non causino disturbi gastrici. Prenderle con un po' di latte o un bicchiere d'acqua sembra anche essere di aiuto

-        Pastiglie che si sciolgono in acqua. In questa forma, è meno probabile che l'aspirina eroda il rivestimento dello stomaco come fa invece una compressa direttamente a contatto con la mucosa.

-        Aspirina rivestita: la teoria è che il rivestimento impedisca all'aspirina di dissolversi nello stomaco ma solo nell'intestino. Questo riduce il rischio di irritazione gastrica fino a un certo punto, ma gli effetti collaterali dannosi per lo stomaco sono ancora possibili.

-        Supposte: sono assorbite dalla mucosa rettale piuttosto dello stomaco e si penserebbe che gli effetti collaterali spariscano. Tuttavia effetti collaterali a carico dello stomaco sono ancora possibili.

 

aspirina e paracetamolo

L'aspirina ha un significativo effetto antinfiammatorio mentre il paracetamolo ha scarso effetto antinfiammatorio

Il paracetamolo ha un minor effetto irritante sul sistema gastrointestinale

 

Fino agli anni ’70 era noto che l’aspirina era un farmaco efficace come analgesico (antidolorifico), antipiretico (abbassa la febbre), anti-infiammatorio (riduce l’infiammazione).

Questi effetti benefici lo rendevano un rimedio efficace in molte condizioni patologiche, incluso il reumatismo e l’artrite, i dolori mestruali, dolori vari di modesta entità e nel trattamento sintomatico di forme febbrili.

Era un farmaco importante nella cura della febbre reumatica, prima dell’avvento degli antibiotici. Era anche uno dei farmaci più efficaci contro la gotta, sebbene le alte dosi tendessero a produrre effetti collaterali a carico dello stomaco.

Per tutti questi disturbi era utilizzata la dose standard da 300 mg.

 

l’aspirina come farmaco di prevenzione

Negli anni ’70 si scoprì che l’aspirina era efficace nel prevenire l’aggregazione delle piastrine, un tipo di cellule ematiche. Impedendo che l’aggregazione avvenga, si previene uno dei primi stadi della formazione dei coaguli nel sangue. I coaguli possono essere pericolosi, condurre ad attacchi cardiaci e ictus, tra le altre patologie, quindi la scoperta delle proprietà dell’aspirina fu una scoperta molto importante.

Inizialmente vennero prescritte le dosi standard, ma le ricerche mostrarono che base dosi giornaliere di 75-150 mg erano più che sufficienti per un effetto positivo e preventivo.

Negli ultimi vent’anni, sempre più ricerche hanno rivelato che l’aspirina a basse dosi può giocare un ruolo importante nella prevenzione di varie patologie gravi e potenzialmente pericolose per la vita del paziente:

-        Negli anni ’80, una serie di studi dimostrò che l’aspirina era efficace nel ridurre il rischio di un secondo attacco cardiaco in persone che ne avevano avuto uno, o che avevano una angina instabile.

-        Seguirono altri studi, che mostrarono che l’aspirina aveva anche un ruolo nel prevenire il primo attacco cardiaco in persone che erano a rischio di patologia cardiaca. Allo stesso tempo, fu dimostrata la sua efficacia nel ridurre il rischio di certi tipi di ictus.

-        Altre ricerche suggerirono che l’aspirina aveva una marcata efficacia nel ridurre il rischio di tutta una gamma di patologie, incluso l’Alzheimer, la depressione e varie forme di cancro. Molti pensavano che giocasse un ruolo nel ridurre il rischio di complicazioni nel diabete.

-        Verso la fine del 2010, fu pubblicata una importante analisi basata sulle ricerche presso l’Università di Oxford e altri centri, che interessava oltre 25.000 pazienti. Questo studio riscontrò che una piccola dose giornaliera di aspirina poteva ridurre il rischio complessivo di cancro di almeno un quinto.

 

l’uso terapeutico dell’aspirina

L'aspirina a dose normale viene utilizzata per la cura di:

-        dolori lievi o moderati

-        mal di testa o emicrania;

-        osteoartrite;

-        artrite reumatoide;

-        artropatia da psoriasi;

-        altre infiammazioni reumatiche;

-        pericardite;

-        febbre reumatica (ad alte dosi);

-        trattamento immediato dopo un attacco cardiaco;

-        infezioni respiratorie

-        malattie da raffreddamento con febbre

L'aspirina a basse dosi viene utilizzata per:

-        disordini caratterizzati dalla coagulazione del sangue;

-        tromboflebite;

-        trombosi venosa profonda;

-        emboli polmonari;

-        fibrillazione atriale;

-        patologie delle coronarie;

-        prevenzione dell'ictus;

-        prevenzione dell'Alzheimer;

-        diabete (per prevenire complicazioni);

-        trombosi delle vene della retina;

-        retinopatia (quando c’è danno alla retina dell'occhio);

-        nefropatia (quando ce danno al rene);

-        cataratta;

-        vari tipi di cancro (inclusi cancro al colon, al retto, all'esofago, al pancreas, al seno, alla prostata, al cervello, ai polmoni)

Però per la tromboflebite e la trombosi venosa profonda e l'embolo polmonare non è stata dimostrata l'efficacia.

L'utilizzo per prevenire le complicanze del diabete non è attualmente indicato a meno che non vi sia evidenza di un precedente disturbo cardiovascolare.

 

Gli effetti collaterali più comuni dell’aspirina sono:

-        irritazione dello stomaco e dell'intestino;

-        indigestione e bruciori di stomaco;

-        nausea

Effetti collaterali meno comuni ma importanti sono:

-        asma

-        spasmi delle vie respiratorie (broncospasmo);

-        ulcere allo stomaco; sanguinamento dello stomaco;

-        eruzioni cutanee;

-        allergia;

-        ictus emorragico;

-        sindrome di Reye

 

 

capitolo 3. la storia dell’aspirina

 

back to Index

 

Capitolo omesso

 

 

capitolo 4. come lavora l'aspirina

 

back to Index

 

la formula chimica dell’aspirina

La formula dell'aspirina molto semplice: C9H8O4. I creatori dell'aspirina aggiunsero alla forma base costituita dall'acido salicilico un gruppo acetilico, che si è dimostrato una felice idea in quanto potenzia notevolmente l'azione dell'acido salicilico.

 

aspirina e prostaglandine

Gli scienziati hanno scoperto che l'aspirina inibisce il rilascio delle prostaglandine. Esse sono molecole create dal corpo a partire dagli acidi grassi. Sono prodotte da molti organi e tessuti del corpo. Sono molecole messaggere che hanno una grande varietà di funzioni. Alcune delle funzioni sono benefiche e protettive per il corpo, come la regolazione della funzionalità renale, la protezione dello stomaco e il controllo della crescita delle cellule. Alcuni effetti sono decisamente negativi, come il broncospasmo, lo shock anafilattico, l’ infiammazione e il dolore eccessivi.

Le prostaglandine, quando sono rilasciate hanno moltissimi effetti: regolano la funzionalità renale; controllano la crescita delle cellule; rendono più sensibili le cellule nervose al dolore; innalzano la temperatura del corpo durante le infezioni; proteggono lo stomaco dal suo proprio succo acido; regolano le funzioni mestruali nelle donne; aiutano a guarire le ferite provocando l'infiammazione; dilatano o restringono i vasi sanguigni; causano la contrazione o il rilassamento della muscolatura liscia; influenzano la pressione nell'occhio; e molto altro

 

cosa capita quando c'è un danno ai tessuti

Stadio 1

Quando una cellula è danneggiata, per esempio per una ferita o un'infezione, rilascia una sostanza conosciuta come acido arachidonico, un acido grasso essenziale che compone la membrana delle cellule.

Stadio 2

Un enzima chiamato cicloossigenasi (COX) converte l'acido arachidonico nelle prostaglandine. Sono stati scoperti tre tipi di COX. Ciascuno di essi è responsabile per la conversione in un differente tipo di prostaglandine: alcuni portano alle prostaglandine buone, mentre altri a quelle cattive.

-        COX-1 è presente dell'intero corpo per tutto il tempo a bassi livelli. Fornisce una continua e piccola provvista di prostaglandine per mantenere le funzioni del corpo. Ha una funzione protettiva dello stomaco e dell'intestino.

-        COX-2 diventa attivo in risposta a un'infezione o danneggiamento cellulare. Tende a promuovere cambiamenti infiammatori, l'aumento della temperatura corporea e la sensazione di dolore.

-        COX-3 ha funzioni che non sono state ancora pienamente studiate è presente nel cervello e potrebbe avere un ruolo nel mal di testa

 

l’azione dell’aspirina sugli enzimi cox

Gli scienziati hanno trovato che l'aspirina inibisce l'azione sia gli enzimi COX-2 che COX-1. La maggior parte degli effetti benefici dell'aspirina appaiono quando è inattivato l'enzima COX-2. Gli effetti collaterali dell'aspirina (negativi) sembrano invece sorgere dalla inattivazione del COX-1.

Il gruppo acetilico è responsabile in parte per l'effetto inibitore delle COX. Esso lega il sito dei recettori nell'enzima COX-1 o COX-2 e ne blocca l'azione in modo permanente.

Dovete pensare ai siti ricettori dell'enzima COX come un lucchetto, e all'acido arachidonico come una chiave. Ciò che accade quando prendiamo l'aspirina è che il gruppo acetilico dell'aspirina blocca il lucchetto, cosicché l'acido arachidonico non può entrare nel recettore, il che significa che la reazione non può aver luogo. In questo modo l'enzima COX non può unirsi all'acido arachidonico e il resto della catena di reazioni per la produzione di prostaglandine non può aver luogo. La maggior parte dei benefici si ha con il blocco del COX-2:

-        viene ridotto il dolore impedendo le prostaglandine di aumentare la sensibilità delle cellule nervose.

-        è ridotta l'infiammazione impedendo le prostaglandine e di rafforzare altri mediatori dell'infiammazione

-        viene ridotta la febbre bloccando una prostaglandina che stimola direttamente il centro di controllo della temperatura corporea nel cervello

-        si consente ai vasi sanguigni di dilatarsi per dissipare meglio il calore corporeo

 

gli effetti collaterali negativi del blocco degli enzimi cox

L'enzima COX-1 d'altro lato, consente al corpo di mantenere un certo livello di prostaglandine benefiche. Così, bloccandolo, l'aspirina può avere effetti negativi:

-        l'irritazione dello stomaco proviene dal fatto che l'acido cloridrico del vostro stomaco è un acido molto potente, e il rivestimento dello stomaco è normalmente protetto da uno strato di bicarbonato e di muco. La formazione di questo strato è stimolata dalle prostaglandine che sono create dall'azione del COX-1. Così, se l'enzima inibito, questo strato protettivo non è mantenuto, e ne può venire ogni tipo di complicazioni, dalla semplice infiammazione all'ulcera, al sanguinamento.

-        Senza prostaglandine buone viene ostacolato il controllo della muscolatura liscia e può capitare un broncospasmo che causa attacchi d'asma e difficoltà respiratoria

-        il tessuto dei reni è stimolato a ridurre la sua funzione e il flusso di urina, il che provoca disturbi renali

-        Sanguinamento (vedi sotto)

 

il problema del sanguinamento

La tendenza a sanguinare si ha perché l'aspirina inibisce anche l'enzima COX-1, che è trasportato da ciascuna piastrina del sangue.

Le piastrine sono le più piccole delle cellule ematiche, la loro funzione è quella di aggregarsi insieme per produrre un coagulo per sigillare i piccoli vasi sanguigni quando c'è stato un danno di un tessuto. L'enzima COX-1 nelle piastrine è responsabile della trasformazione di una prostaglandina chiamata prostaglandina H in una sostanza chiamata tromboxano-2. Il tromboxano fa sì che le piastrine siano “appiccicose”, il che le rende in grado di aggregarsi più facilmente.

Quando è inibito l'enzima COX-1 dall'aspirina e viene ridotta la produzione di tromboxano, è ridotta la capacità di aggregazione delle piastrine e c'è una tendenza ad aumentare il sanguinamento.

Mentre questa ridotta capacità di aggregazione può essere per alcuni un effetto negativo, per altri può effettivamente aiutare a diminuire il rischio di disturbi cardiovascolari riducendo la possibilità che si formi un coagulo sanguigno nelle arterie cerebrali o coronariche.

 

aspirina e gotta

L'effetto dell'aspirina sui reni può spiegare perché è benefica nel trattamento della gotta. Il problema della gotta è un difettoso metabolismo dell'acido urico, che fa sì che spesso il corpo abbia troppo acido urico. L’aspirina riduce la capacità dei reni di riassorbire l'acido urico nel sangue che passa attraverso i tubuli renali. Così facendo consente ai reni di liberarsi dell'eccesso di acido urico mettendolo nelle urine.

 

la vita di una piastrina

una piastrina vive per sette o otto giorni. L'aspirina fa sì che perda per tutta la durata della sua vita la sua capacità di aggregarsi. Una piastrina è un tipo particolare di cellula che non ha un nucleo contenente DNA, perciò non può creare più COX-1. Questo significa che dopo che avete preso una compressa di aspirina, le vostre piastrine saranno meno adesive, e l'effetto durerà per una settimana.

 

altri effetti del blocco degli enzimi cox

Bloccare gli enzimi COX anche altri effetti sul corpo:

-        stimolare la produzione di sostanze chimiche naturali chiamate resolvine che bloccano la risposta infiammatoria del corpo

-        formazione di radicali dell'ossido nitrico, che possono essere importanti per la depressione

 

meccanismo di azione dell’aspirina a basso dosaggio

Sebbene siamo riusciti a comprendere come l'aspirina blocchi gli enzimi COX, non è completamente chiaro come produce i suoi effetti benefici nel lungo termine. Potrebbe darsi che la sua capacità di ridurre la capacità di aggregazione delle piastrine sia il meccanismo principale. D'altro lato, la sua capacità di ridurre il rischio di cancro potrebbe essere legata principalmente al blocco del COX-2.

Nel prevenire a basso dosaggio disturbi importanti come cancro attacco cardiaco, l'aspirina sembra lavorare con un meccanismo differente rispetto a quello di quando è presa dosaggi standard per ridurre il dolore l'infiammazione e la febbre.

 

 

capitolo 5. dolore, febbre e infiammazione.

 

back to Index

 

il meccanismo di azione dell’aspirina contro il dolore

Il meccanismo di azione dell’aspiriona contro il dolore è stato scoperto dal ricercatore britannico John Vane alla fine degli anni ’60. Bloccando l’azione degli enzimi COX, l’aspirina riduce l’azione delle prostaglandine, molte delle quali sono mediatrici dell’infiammazione e stimolano i recettori sensoriali che mandano segnali di dolore ai nervi.

 

il meccanismo di azione dell’aspirina nel ridurre la temperatura

Una parte del cervello chiamata ipotalamo è responsabile del controllo della frequenza cardiaca e della temperatura corporea. Quando la temperatura diviene troppo alta, l’ipotalamo entra in azione per promuovere traspiraizone e dilatazione dei vasi sanguigni della pelle per provocare perdita di calore. In molte condizioni patologiche, però, le prostaglandine riducono la capacità dell’ipotalamo di promuovere questi cambiamenti, e in tal modo la temperatura aumenta. Riducendo la produzione di prostaglandine, si consente all’ipotalamo di abbassare la temperatura.

 

il meccanismo dell’infiammazione

La risposta infiammatoria è un meccanismo naturale con cui il corpo  enta di riparare un danno o di rimuovere un’infezione. Nel caso di un piccolo taglio, ad esempio, dei microrganismi invasori sono entrati nella pelle e cercano di sopraffare le difese del corpo riproducendosi rapidamente. Il corpo attiva allora le sue difese.

Una lesione o un'infezione causa un aumento del flusso sanguigno verso l'area interessata, che talvolta produce un arrossamento visibile della pelle e un maggiore calore al tocco.

Un fluido ricco di globuli bianchi e di speciali sostanze chimiche naturali filtra attraverso la parete dei vasi sanguigni nei tessuti per circondare le cellule danneggiate all'ingresso dell'infezione. Questo causa un gonfiore dell'area interessata e nel caso di infezione un'accumulazione di pus.

Vengono stimolati i recettori del dolore nell'area da parte di prostaglandine altre sostanze

La risposta infiammatoria continua finché non viene segnalato dismettere.

Il problema è che la risposta infiammatoria, una volta iniziata, è difficile da controllare. La risposta infiammatoria continuerà finché tutti gli organismi invasori non siano stati rimossi e il tessuto non sia riparato il meglio possibile. Talvolta va avanti per più tempo di quanto sia necessario, se il corpo ha in qualche modo sviluppato degli anticorpi nei confronti di se stesso ed è iniziato un processo infiammatorio cronico. Questa infiammazione impossibile da fermare potrebbe essere una parte delle cause di molte condizioni croniche.

 

 

capitolo 6. il cuore e la circolazione

 

back to Index

 

le malattie cardiocircolatorie

Abbiamo due denominazioni per le malattie del cuore e della circolazione:

-        Malattie cardiovascolari, che interessano il cuore e i vasi sanguigni

-        Malattie delle coronarie, che si riferiscono alle patologie delle arterie coronariche, che riforniscono di sangue il muscolo cardiaco.

 

il cuore e la circolazione

Per capire il cuore e la circolazione consideriamo i seguenti fatti:

-        Il cuore è una pompa muscolare cava

-        Il cuore ha quattro camere: due superiori chiamate atri e due inferiori chiamate ventricoli.

-        In realtà il cuore è costituito da due pompe che sono unite insieme: la parte sinistra riceve sangue ricco di ossigeno dai polmoni e lo pompa ai tessuti. Questa è chiamata la circolazione sistemica.

-        La parte destra riceve sangue povero di ossigeno dai tessuti e lo pompa nei polmoni. Questa è chiamata la circolazione polmonare.

-        Ci sono quattro valvole nel cuore, il cui proposto di assicurare che il sangue fluisca attraverso il cuore nella direzione giusta tra le quattro camere

-        Ci sono tre tipi di vasi sanguigni: arterie, vene e capillari

-        Le arterie trasportano il sangue dal cuore agli organi ai tessuti e le vene lo portano indietro al cuore

-        Le arterie trasportano sangue ricco di ossigeno ai tessuti per nutrirli. Le vene trasportano sangue povero di ossigeno al cuore per pomparlo nei polmoni e fargli ricevere più ossigeno

-        I capillari sono dei vasi sanguigni sottili come dei figli che uniscono la circolazione arteriosa con la circolazione venosa. Essi nutrono i tessuti.

-        L'arteria polmonare èun'eccezione, visto che trasporta sangue povero di ossigeno ai polmoni, sangue che viene riportato il cuore dalla vena polmonare. La vena polmonare è anch'essa unica perché l'unica vena che porta sangue ossigenato.

 

 

l’epitelio

Quasi senza eccezioni, i vasi sanguigni sono foderati con uno strato singolo di cellule piatte chiamate cellule epiteliali. Questo rivestimento è noto come “epitelio”. In un individuo in buona salute è liscio.

 

la composizione del sangue

Il sangue composto da:

-        un fluido chiamato plasma che è al 91% acqua e al 9% sostanze solide (proteine, sali, prodotti della digestione, prodotti di scarto, ossigeno e ossido di carbonio, ormoni, enzimi, messaggeri chimici).

-        globuli rossi, che trasportano l'ossigeno

-        globuli bianchi di vario tipo che combattono le infezioni proteggono il corpo

-        piastrine che si aggregano per produrre e i coaguli che eliminano le brecce nei vasi sanguigni

 

le arterie coronariche

Le arterie coronariche sono i vasi sanguigni che alimentano direttamente il cuore. Sebbene un danno a una qualsiasi di esse sia una faccenda seria, tuttavia il tipo di arteria che è interessato ha un effetto cruciale sulla prognosi del paziente, e influenza anche le sue possibilità di sopravvivenza

Ci sono due principali arterie coronariche, l'arteria coronarica destra e l'arteria coronarica sinistra. Entrambi originano dall'aorta subito dopo che questo vaso sanguigno si diparte dal ventricolo sinistro. Ogni arteria coronarica alimenta una parte differente del cuore di sangue ricco di ossigeno.

L'arteria coronarica destra fornisce sangue ossigenato alle pareti dei ventricoli e all'atrio destro.

L'arteria coronarica sinistra fornisce sangue ossigenato e si divide in due vasi:

-        arteria coronarica sinistra discendente, che alimenta le pareti dei ventricoli e l'atrio sinistro. Essenzialmente alimenta la parte frontale del cuore.

-        Arteria sinistra circonflessa, che alimenta le pareti dei ventricoli e l'atrio sinistro. Sostanzialmente, il retro del cuore.

 

 

cosa può andare storto col cuore?

Ci sono quattro cose che possono fondamentalmente andare male con il cuore.

-        Può battere ad un ritmo anormale (esempio fibrillazione atriale)

-        Può essere privato temporaneamente di ossigeno in modo che si produce un attacco di angina

-        Può essere completamente deprivato di ossigeno così a lungo (ci vogliono solo alcuni minuti) da produrre la morte di una parte del muscolo cardiaco. Questo è chiamato infarto del miocardio. Un infarto del miocardio e la forma più comune di ciò che generalmente chiamiamo un "attacco di cuore" e per ragioni di semplicità mi riferirò d'ora in avanti a questa condizione come "attacco di cuore".

-        Il cuore può fermarsi. Questa è chiamato arresto cardiaco. Se il cuore non si rimette in moto spontaneamente e non viene fatto rimettere in moto col defibrillatore ne consegue la morte immediata.

Una malattia alle arterie coronariche è spesso (ma non sempre) causa di tutte queste condizioni.

Vediamo ora in dettaglio a questi eventi patologici

 

anomalie del ritmo cardiaco

Ogni battito del cuore è iniziato da pace-maker naturale del cuore, il nodo sino-atriale che è situato nell'atrio destro.

Certe condizioni patologiche fanno sì che questo pace-maker naturale non lavori correttamente cosicché altre parti del cuore possono assumere il ruolo di pace-maker. Questi altri pace-maker lo possono fare in modo erratico, causando irregolarità del battito cardiaco. Talvolta questo farà sì che il cuore acceleri e si produce la sensazione di palpitazioni, che talvolta lo può far rallentare così che non lavori modo efficiente.

Le cause principali sono:

-        alcuni problemi di valvole cardiache

-        una tiroide iperattiva

-        una malattia delle coronarie che quasi che le arterie siano bloccate che ci sia una deficienza di sangue per il cuore

-        fibrillazione atriale

 

la fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è una condizione in cui gli atri si contraggono ripetutamente, completamente fuori fase con i ventricoli, cosicché il cuore batte molto irregolarmente. Come risultato, l'azione di pompaggio può non essere sufficiente per ossigenare il cuore e l'individuo si può sentire stanco e col fiato corto.

Ancora più importante è il fatto che il battito irregolare predispone alla formazione di coaguli sanguigni nel cuore. Se se ne produce uno può arrivare attraverso sistema circolatorio cervello e causare un tipo di ictus è chiamato ictus ischemico.

 

angina pectoris

Questo è il nome per il dolore al petto che viene dal restringimento delle arterie coronariche, normalmente da una malattia delle stesse.

Tipicamente produce un dolore nella parte centrale del petto che si irradia giù per il braccio sinistro fino alla mano.

Normalmente è peggiorato con l'esercizio mentre il riposo gli dà sollievo.

Una storia clinica di angina aumenta drammaticamente il rischio di attacco cardiaco.

L’angina dovrebbe sempre essere indagata dal medico e trattata con appropriati farmaci

 

sindrome coronarica acuta

L'angina instabile, cioè l'angina che ricorre spesso e imprevedibilmente, e gli attacchi cardiaci, sono entrambi inclusi nella sindrome acuta coronarica (ACS). Sono il risultato di una ischemia del miocardio cioè una mancanza di ossigeno del muscolo cardiaco

 

infarto del miocardio (mi)

Questo è ciò che generalmente viene descritto come attacco cardiaco. Infarto del miocardio è il nome dato alla morte di una parte del muscolo cardiaco come risultato di una diminuita provvista di sangue e di una privazione di ossigeno. Un attacco di cuore è sempre una cosa seria:

-        circa 240.000 persone hanno un attacco in Inghilterra e Galles e ogni anno

-        il 50% di quelli che muoiono per attacco cardiaco lo fa entro la prima ora

-        La morte normalmente è dovuta a un ritmo anormale che è stato provocato dall'attacco

-        il rischio di morte va scendendo di ora in ora

-        il trattamento di emergenza è essenziale, incluso l'uso immediato di aspirina e l'accesso defibrillatore

Ci sono parecchie complicazioni di questi attacchi cardiaci che devono essere individuate trattate energicamente:

-        aritmie

-        shock cardiogenico: diversi organi possono iniziare a mal funzionare perché il cuore non è capace di fornirgli un'adeguata provvista di sangue

-        rottura cardiaca: dopo le sopraddette complicazioni entrambe le quali possono condurre alla morte, questa è la causa più comune di evento mortale. Può ricorrere nel 10% dei casi, normalmente tra 5 e 10 giorni dall’evento, quando il muscolo cardiaco si sta risanando. La rottura ha luogo in questo muscolo indebolito

-        insufficienza cardiaca: attacco cardiaco può avere indebolito il cuore compromesso la sua abilità di funzionare propriamente con una pompa con questo può necessitare la somministrazione di un medicinale su base stabile

-        rottura dei muscoli papillari: questi sono i muscoli nel cuore che azionano le valvole cardiache. Questo può portare a inefficienza della valvola e a rapida insufficienza cardiaca.

-        Pericardite: infiammazione della sacca che contiene il cuore. Interviene tra 24 e 72 ore dopo l'evento traumatico e causa ulteriore dolore al petto. Si verifica nel 20% dei pazienti. Normalmente guarisce spontaneamente

 

fattori di rischio per una malattia cardiaca

Ci sono numerosi fattori che pongono le persone ad alto rischio di sviluppare una sindrome coronarica acuta e quindi soffrire di angina attacco di cuore:

-        fumo

-        pressione alta

-        obesità è sovrappeso

-        colesterolo elevato

-        inattività e vita sedentaria

-        dieta povera con troppi grassi animali

-        diabete (sebbene si disputi se il diabete senza una ipertensione sia un fattore di rischio)

-        precedente storia familiare

-        gruppi etnici

 

l’indurimento delle arterie

Il termine medico è arteriosclerosi. Tutti i vasi sanguigni hanno un rivestimento costituito da un singolo strato di cellule epiteliali. Finché questo rivestimento epiteliale intatto, allora il sangue fluisce fluidamente.

Se voi pensate le arterie come dei fiumi allora li potrete farvi un’idea di come l'arteriosclerosi si produce. È un po' come il depositarsi della sabbia in un fiume. Presso le curve dei vasi sanguigni ci sarà una tendenza al deposito: l'ateroma.

 

cosa accade dopo

La placca è come una striscia di grasso nella parete del vaso sanguigno. Le molecole di grasso assorbite attraverso il rivestimento epiteliale formano un rigonfiamento nella parete. Il calcio ed altri minerali possono anche rimanere intrappolati in esso, e si forma tessuto fibroso per creare un bozzo duro che restringerà il calibro del vaso sanguigno e lo renderà anche più duro e meno flessibile.

Moltissime placche possono formarsi nella lunghezza di un'arteria, e l'effetto complessivo è di restringerla, riducendo il flusso di sangue attraverso di essa. Se questo capitale arterie coronariche che riforniscono il cuore, l'angina potrebbe essere risultato.

 

trombosi

Finché l'integrità del rivestimento epiteliale mantenuta allora il sangue fluirà senza ostacoli.

Però se quel rivestimento viene rotto dalla rottura di una placca, allora dei messaggeri chimici metteranno in allerta le cellule del sangue, che si sposteranno in quell'area per formare un coagulo in modo da sigillare la parte danneggiata del vaso sanguigno. Le piastrine si accumuleranno e una struttura fibrosa come una tela di ragno si formerà per catturare ancora più cellule e sigillare il danno. Questo è chiamato un trombo. Il processo della formazione del trombo è chiamata trombosi

Se l'arteria coronarica è molto ristretta e il trombo diviene grande abbastanza da bloccare il flusso del sangue allora è probabile un attacco cardiaco. La parte del cuore che viene rifornita da quell'arteria morirà.

 

il ruolo dell'aspirina nel ridurre la trombosi

Da ciò che sappiamo sul modo in cui l'aspirina agisce, sembra che aiuti a ridurre il rischio di trombosi attraverso due meccanismi principali

1.     Riduce direttamente l'infiammazione nel vaso sanguigno bloccando l'enzima COX-2

2.     Blocca anche l'enzima COX-1, che previene la formazione di tromboxano. Questo riduce la adesività  delle piastrine e la loro aggregazione, cosicché riduce la tendenza a formarsi del coagulo. L'effetto durerà per i 7-9 giorni che sono la vita di una piastrina

 

differenti tipi di attacco cardiaco

L'attacco cardiaco avviene quando il blocco dell'arteria coronarica impedisce all'ossigeno di raggiungere il cuore. Gli attacchi cardiaci sono classificati secondo quale parte del cuore è colpita, ciò che può essere normalmente diagnosticato da un elettrocardiogramma. Le principali aree colpite dagli attacchi sono:

-        la parte frontale del cuore. Un attacco in quest'area è chiamato "infarto anteriore". Questo tipo di attacco cardiaco è causato dal blocco dell'arteria coronarica sinistra. Questo tende a colpire il ventricolo sinistro, che fornisce sangue a tutto il corpo, eccetto che ai polmoni. Questi tendono ad essere "grandi" attacchi cardiaci e sono i più pericolosi.

-        Il fondo del cuore (infarto inferiore). Questo è causato dalla trombosi di uno dei rami dell'arteria coronarica destra. Di solito sono attacchi cardiaci di minor entità.

-        dietro cuore (infarto posteriore) questi non sono sempre rilevati e possono essere talvolta sorprendentemente difficili da diagnosticare.

 

indagine su un sospetto attacco cardiaco

Se si sospetta che sia avvenuto un attacco cardiaco, l’indagine deve essere fatta appena possibile dal momento che la mortalità è più grande subito dopo l'attacco stesso.

-        elettrocardiogramma. La parte del cuore colpita sarà elettricamente neutra così la sua posizione potrà essere individuata dall'elettrocardiogramma

-        test del sangue per enzimi cardiaci, che sono rilasciati nel sangue dal tessuto necrotico, che mostrano un aumento dei loro livelli. Altre sostanze chimiche del sangue possono anche mostrare un livello più elevato

-        imaging nucleare. È un test molto sofisticato e usa isotopi nucleari che si accumuleranno nel tessuto cardiaco e saranno rapidamente eliminati dal corpo. Determinano precisamente l'area del danno cardiaco

-        test di stress: è fatto spesso dopo un attacco cardiaco e anche prima che la persona lasci l'ospedale per determinare quanto bene funzioni il cuore. Se il test indica la necessità, può essere fatto un angiogramma coronarico

-        angiografia coronarica iniettare un colorante nel sistema arterioso che metterà in evidenza le arterie coronariche a un'analisi speciale era X. Questo deve essere fatto in un laboratorio dotato di raggi X e di strumentazione per un catetere. Mostrerà tutti i blocchi che possono essere migliorati ponendo uno stent per tenerli aperti o che devono essere riparati attraverso un'operazione di by pass

-        ecocardiogramma. Anche questo esame può essere fatto per vedere il modo in cui il cuore funziona

 

trattamento immediato di un attacco cardiaco

Lo scopo principale di un trattamento è di sciogliere il trombo o il coagulo, di ridurre la adesività delle piastrine e il loro aggregarsi e di fermare l'adesione delle piastrine alla placca danneggiata (questo è infatti un processo inutile, che aumenta solamente le proporzioni del trombo restringendo ulteriormente le arterie). Se questo può essere fatto, allora si riuscirà a ridurre una ulteriore ischemia miocardica può essere ridotta o minimizzata.

-        L'aspirina è il farmaco di eccellenza per trattare gli attacchi di cuore deve essere data una dose di 300 mg immediatamente.

-        Altri farmaci antiaggreganti come il clopidogrel possono essere somministrati in ospedale.

-        Farmaci trombolitici e per disgregare i coaguli come la streptokinasi possono essere somministrati in ospedale.

-        Altri farmaci potrebbero essere necessari per trattare il dolore.

 

l’aspirina e la prevenzione degli attacchi cardiaci

Gli uomini hanno 20 volte più probabilità di avere un attacco di cuore se ne hanno già avuto uno. Il primo grande studio del 1988 è stato l’ISIS-2. Esso riguardava aspirina a basse dosi (160 mg). Esso mostrò che l'aspirina, esattamente come la streptokinasi, nei 35 giorni successivi abbassava la mortalità del 25%. Somministrando entrambe le sostanze la mortalità si riduceva del 42%

Nel 1994 l'Antithrombotic Triaists' Collaboration effettuò una meta-analisi di 145 trial randomizzati di agenti anti-aggregazione, principalmente aspirina, confrontati a gruppi di controllo. Furono inclusi anche 29 confronti randomizzati fra differenti regimi anti-aggregazione. Lo studio riguardò 70.000 pazienti ad alto rischio. I risultati furono i seguenti:

-        una riduzione di 1/3 di attacchi cardiaci non fatali

-        una riduzione dell'ictus è di 1/3

-        una riduzione degli altri disturbi vascolari di 1/3

Molte delle prove cliniche durarono due-tre anni. Sembrava esserci un'ulteriore riduzione dopo due-tre anni implicando che un uso più lungo portava vantaggi maggiori.

Alcune persone a basso rischio sembrarono avere una riduzione del rischio di attacco cardiaco non fatale ei 1/3. Questo sembrerebbe implicare una prevenzione primaria.

 

le conclusioni sull’impiego dell’aspirina nella prevenzione degli attacchi cardiaci

-        Le persone che hanno avuto un evento grave, come un attacco di cuore, possono vedere ridotto dell'aspirina il rischio di avere un ulteriore attacco di cuore o un ictus ischemico

-        Negli studi citati, non c'era ancora una stabile evidenza dei benefici dell'aspirina o di altri antiaggreganti nella prevenzione primaria.

 

il primo studio sull’aspirina e la prevenzione primaria degli attacchi cardiaci

Nel 2002, l'Antitrhombotic Trialists' Collaboration fece un'altra meta-analisi. Questo includeva sia gli studi clinici di prevenzione primaria che quelli di prevenzione secondaria che riguardavano agenti contro la trombosi, principalmente aspirina.

Lo studio ha analizzato 287 studi clinici che riguardavano 135.000 pazienti e facevano confronti tra vari agenti antiaggreganti, comparati con placebo o trattamenti blandi. Erano inclusi anche altri 77.000 pazienti interessati da confronti tra differenti tipi di farmaci attivi contro l'aggregazione.

I risultati furono i seguenti:

-        c'era una riduzione di qualsiasi serio evento vascolare di circa ¼

-        c'era una riduzione di un attacco cardiaco non fatale di 1/3

-        c'era una riduzione di un ictus e non fatale di ¼

-        c'era una riduzione della mortalità vascolare di 1/6

-        i benefici netti sostanzialmente superavano i rischi di sanguinamento

-        l'aspirina era il farmaco anche aggregazione più usato.

Gli autori dello studio hanno concluso che l'aspirina è efficace sia per la prevenzione primaria che per la prevenzione secondaria in pazienti che hanno un alto rischio di attacco cardiaco o ictus non emorragico.

 

pazienti ad alto e basso rischio

Lo studio che abbiamo visto confermava la validità dell'aspirina anche per la prevenzione primaria, ma solo per pazienti ad alto rischio. La domanda è: le persone che non hanno ragione di temere un attacco cardiaco un ictus dovrebbero prendere un'aspirina al giorno "giusto nel caso che"?

Ci sono stati sei studi principali sulla prevenzione primaria, che vengono esaminati qui di seguito.

 

1. british doctors' trial (bdt)

Riguardò 5139 dottori in buona salute a cui fu data una dose di aspirina o nessun aspirina. I risultati furono i seguenti:

-        La mortalità totale era ridotta del 10% nel gruppo che assumeva aspirina.

-        Non c'era nessuna è significativa riduzione di attacchi cardiaci o di ictus.

-        C'era una lieve riduzione di mini ictus (conosciuti come ischemia cerebrale transitoria o TIA)

I risultati furono considerati statisticamente non significativi perché l'entità numerica del campione era piccola e il 30% del gruppo comprendeva aspirina smise di prenderlo.

 

2. the physicians' health study (phs)

Era uno studio randomizzato fattoriale che riguardava 22.000 medici americani. Ricevettero in alternativa una dose di aspirina o una di betacarotene per determinare se ci fosse una riduzione dell'incidenza del cancro. Sebbene lo studio non era concepito per esaminare gli effetti dell'aspirina sul cuore i ricercatori tuttavia notarono questi risultati:

-        c'era una riduzione del 44% del primo attacco cardiaco non fatale

-        c'era una riduzione del 18% di ictus e non fatale

-        c'era una riduzione del 18% gli eventi fatali

 

3. hypertension optimal treatment (hot)

Questo studio riguardava gli effetti dell'aspirina in trattamenti contro l'ipertensione. I pazienti furono randomizzati con una bassa dose di aspirina cosicché 9.399 pazienti ricevettero aspirina e un numero identico ricevette placebo. Tutti ricevettero un trattamento contro l'ipertensione. I risultati furono i seguenti:

-        l'aspirina riduceva tutti gli attacchi cardiaci, sia fatali che non fatali, del 36%

 

4. thrombosis prevention trial (tpt)

Includeva 5.499 uomini tra i 49 e i 65 anni, tutti considerati ad alto rischio di avere un attacco cardiaco grave o un ictus. Fu usato uno schema fattoriale: gli uomini vennero assegnati a caso a una combinazione di aspirina e warfarin; a un placebo; a un'aspirina e a un placebo al posto del warfarin; a un plaebo al posto dell’aspirina e a warfarin; oppure a un doppio placebo. Sia l'aspirina che il warfarin furono somministrati a basse dosi. I risultati furono i seguenti:

-        l'effetto principale del warfarin fu una riduzione delle malattie cardiache ischemiche (IHD) del 21%, dovuta a una riduzione del 39% degli attacchi fatali, cosicché il warfarin riduceva il tasso di morte per tutte le cause del 17%

-        l'effetto principale dell'aspirina era una riduzione delle malattie cardiache ischemiche del 20% dovuta a una riduzione del 32% di eventi non fatali

-        La combinazione di entrambi i farmaci riduceva tutte le malattie cardiache ischemiche del 34%, in confronto al placebo.

In conclusione, questo studio aggiungeva altre prove all’osservazione che l'aspirina riduce le malattie cardiache non fatali. L'aspirina riduce tutte le malattie cardiache non fatali principalmente attraverso una riduzione degli eventi fatali.

 

5. the primary prevention project (ppp)

È un altro studio clinico fattoriale in cui ai pazienti veniva somministrata un'aspirina a basse dosi (100 mg) nella forma rivestita insieme o senza vitamina E, oltre che altri consigli riguardanti lo stile di vita e trattamenti di fattori di rischio per vedere se poteva essere ridotto il rischio di un evento grave nel cervello o nel cuore (cioè un ictus o un attacco di cuore).

Sono stati interessati 4.495 pazienti, maschi e femmine dai 50 anni in su, tutti quanti che avevano almeno un fattore di rischio per un attacco cardiaco (diabete, colesterolo alto, età avanzata, obesità, alta pressione sanguigna, una storia clinica familiare negativa).

Lo studio fu interrotto prematuramente a causa dei risultati mostrati negli studi TPT e HOT.

 

6. the women's health study (whs)

In questo studio in doppio cieco con un placebo al gruppo di controllo, donne dai 45 anni in su, apparentemente in buona salute, ricevettero un'aspirina a basse dosi a giorni alterni oppure vitamina, oppure placebo. La prova incluse almeno 40.000 donne che furono seguite per 10 anni. I risultati sono stati pubblicati nel 2005:

-        riduzione del 17% del rischio di ictus

-        riduzione del 19% di ictus non fatale

-        riduzione del 22% del rischio di mini ictus

-        nelle donne oltre i 65 anni riduzione del 26% di eventi cardiovascolari

-        non sembra esserci un beneficio riguardo gli attacchi cardiaci

 

il quadro più recente

Nel 2009 l'Antitrhombotic Trialists' Collaboration svolse un'altra meta analisi sui sei studi di prevenzione primaria che erano stati appena effettuati (95.000 persone con un basso rischio medio di avere un evento grave), e inoltre esaminò 16 studi di prevenzione secondaria (7.000 persone con alto rischio)

Negli studi di prevenzione primaria:

-        l'aspirina mostrò una riduzione del 12% di eventi vascolari seri, principalmente attraverso la riduzione di attacchi cardiaci.

-        Nessuna riduzione significativa per gli ictus

-        L'aspirina aumentò il rischio di significativo sanguinamento gastrointestinale e di sanguinamento nel cervello.

Negli studi di prevenzione secondaria:

-        L'aspirina mostrato una riduzione maggiore degli eventi vascolari gravi

-        C'era una riduzione dell'incidenza dell'ictus è del 20%

In entrambi gli studi di prevenzione primaria e secondaria:

-        La riduzione proporzionale sembra essere la stessa per maschi e femmine.

Conclusioni: sebbene esiste una certa evidenza dei benefici di prender aspirina per quelle persone che hanno un disturbo occlusivo accertato (prove del restringimento delle arterie), e per quelle che sono ad alto rischio di avere un attacco cardiaco o un ictus, la stessa prova non c'è per le persone a basso rischio con nessuna evidenza di disturbo.

Mentre ci potrebbe essere una lieve riduzione del rischio di eventi gravi per questi pazienti a basso rischio, questo dovrebbe essere attentamente confrontato con gli svantaggi di avere un sanguinamento.

 

riassunto del capitolo

possiamo trarre tre conclusioni generali sull'uso dell'aspirina per prevenire un disturbo cardiaco:

-        L'aspirina è efficace sia per la prevenzione primaria che per la prevenzione secondaria in pazienti ad alto rischio in alcuni studi il riso è stato ridotto il 44%

-        In pazienti che hanno già sofferto di un evento grave, con attacco cardiaco o ictus ischemico, una bassa dose giornaliera di aspirina può ridurre il rischio di avere un ulteriore attacco cardiaco o ictus ischemico fino al 33%. Il rischio di effetti collaterali (come sanguinamento) è inferiore al rischio di un mancato trattamento con l'aspirina. Perciò l'aspirina è stata raccomandata a pazienti che hanno sofferto in precedenza di un attacco di cuore o di un ictus ischemico per prevenire un evento secondario

-        L'aspirina produce benefici non chiari nel ridurre il rischio di un evento cardiovascolare in persone che sono a basso rischio. Inoltre se si beneficio dovrebbe essere confrontato con il rischio di effetti collaterali. Comunque, i benefici dell'aspirina contro altre condizioni patologiche come il cancro, dovrebbero essere tenuti in considerazione quando si discute col produttore se prenderla non prenderla. Il suo effetto complessivo su diverse condizioni patologiche può persuadervi ad assumerla su base regolare con una misura preventiva contro una varietà di disturbi, indipendentemente dal rischio di possibili effetti collaterali. Ma questa è una decisione che riguarda voi il vostro dottore.

 

 

capitolo 7. l’ictus

 

back to Index

 

alcune statistiche riguardo l'ictus

-        Il cervello riceve il 25% dell'ossigeno richiesto dal corpo, ma non lo può conservare.

-        Se la provvista di ossigeno a parti del cervello è interrotta, le cellule cerebrali cominciano a morire molto velocemente.

-        Secondo la World Health Organization Ogni anno ci sono 1,4 milioni di morti in Europa per ictus

-        Secondo la World Stroke Organization ogni sei secondi una persona muore nel mondo per ictus

-        Secondo la World Stroke Organization una persona su sei alla probabilità di avere un ictus durante il corso della propria vita

-        in Gran Bretagna ci sono circa 110.000 ictus all'anno.

-        In Gran Bretagna ci sono circa 30.000 ripetizioni di ictus all'anno

-        L’ictus è, da solo, la terza più comune causa di morte (l'11% delle morti in Inghilterra nel Galles

-        L’ictus è la causa più comune di disabilità a lungo termine in Inghilterra

-        Ci sono 500.000 vittime di ictus è che vivono in Inghilterra

 

tipi di ictus

Un accidente cerebro-vascolare o ictus è il nome dato a un attacco in cui un'area del cervello è privata della sua provvista di sangue. Come risultato, le cellule nervose cominciano a morire e altre possono essere danneggiate.

Molti ictus se si verificano quando un coagulo sanguigno blocca un'arteria nel cervello. Questo è chiamato ictus ischemico. Ci sono diversi tipi di ictus ischemico:

-        Attacco ischemico transitorio TIA). Questo è un mini ictus è che dura meno di ventiquattr'ore. Il blocco è transitorio e il normale flusso ristabilito dal corpo. Deve essere comunque trattato seriamente, perché potrebbe essere un segno premonitore di un ictus è più grave

-        Trombosi cerebrale. E la formazione di un coagulo sanguigno è una delle arterie cerebrali che è già ristretta e con rivestimento parzialmente ingrossato

-        Embolo cerebrale. È un ictus è dovuto a un coagulo che si è formato in un'altra parte del corpo e che è stato portato dalla circolazione nel cervello e blocca un'arteria già ristretta. Le cause più probabili sono battito cardiaco irregolare, come la fibrillazione atriale.

Un altro tipo pericoloso di ictus è l'ictus emorragico. Capita quando un vaso sanguigno nel cervello esploda e il sangue filtri nel tessuto cerebrale, causando danno se il flusso sanguigno non viene interrotto questo ictus e rapidamente essere fatale.

 

sintomi di ictus

-        debolezza da un lato della faccia, magari con il labbro che pende da un lato

-        Debolezza paralisi da un lato del corpo

-        Biascicamento difficoltà di discorso

-        Difficoltà di deglutizione

-        Perdita parziale divisione o difficoltà di visione

-        Mal di testa

-        Confusione

-        Evacuazione involontaria dall'ano o dalla vescica

-        Consapevolezza diminuita o perdita di coscienza

 

trattamento dell'ictus

L'ospedalizzazione è importante per diagnosticare il tipo di ictus:

-        L'ictus ischemico può ricevere agenti trombolitici o per disgregare i coaguli, come la streptokinasi e agenti contro le piastrine come l'aspirina

-        nel caso di ictus emorragico, invece, il paziente non deve assolutamente ricevere agenti trombolitici o aspirina che potrebbero peggiorare le faccende. Questi pazienti non dovrebbero mai ricevere aspirina per tutta la vita

 

fattori di rischio per l'ictus

-        Battito cardiaco irregolare, specialmente fibrillazione atriale. Tra il 2 e il 4% delle persone con fibrillazione atriale senza storia di attacco ischemico transitorio o ictus avranno un ictus entro un anno

-        Storia pregressa di attacco ischemico transitorio ictus

-        Pressione alta

-        Fumo

-        Diabete (sebbene è disputato che questo sia un segno premonitore nei pazienti che non hanno un'alta pressione sanguigna)

-        alcol. Qualsiasi livello al di sopra del limite di 28 unità per settimana per un uomo e 21 unità per una donna. Le persone che bevono troppo sono anche al rischio di malattie del fegato e demenza

 

l'aspirina previene l'ictus?

Vari studi sono stati condotti per dare risposta a questa importante domanda. I principali studi sono indicati di seguito insieme loro risultati.

 

lo studio del 1977

Era uno studio di piccole dimensioni in doppio cieco sull'effetto dell'aspirina sull'ischemia cerebrale e incluse 178 pazienti. I pazienti ricevettero l'aspirina un placebo. Furono misurati gli effetti come attacco ischemico transitorio, morte, infarto cerebrale della retina. I risultati furono i seguenti:

-        dopo sei mesi c'era una significativa riduzione degli attacchi ischemici transitori di morte di infarto cerebrale retinico

-        i risultati più impressionanti ci furono per coloro che avevano una storia di ripetuti attacchi ischemici transitori

 

uk-tia trial

Questo studio, condotto tra il 1979 al 1985, ha riguardato 2.435 pazienti che avevano una storia pregressa di attacchi ischemici transitori. Ricevettero 600 mg di aspirina due volte al giorno oppure un placebo. I risultati furono i seguenti:

-        non c'era differenza tra maschi e femmine

-        non c'era differenza tra 300 mg al 1200 mg, ma il gruppo con 1200 mg sperimentò maggiori effetti avversi collaterali

-        il rischio di soffrire di ictus, di attacco di cuore o di morte erano abbassati del 15% nei gruppi che prendevano l'aspirina

 

international stroke trial

È un grosso studio pubblicato nel 1997, su 19435 pazienti che avevano avuto un ictus ischemico. Furono randomizzati tra aspirina ed eparina.

L'aspirina mostrò di essere associata a una ridotta incidenza di morte o successiva dipendenza (dependency) in 13 eventi per 1000 pazienti.

 

chinese acute atroke trial

Test clinico randomizzato su 20.000 pazienti con un ictus ischemico acuto.

Per quattro settimane fu somministrata la terapia anti-trombotica. L'aspirina fu associata a una riduzione del 12% delle morti in ospedale o degli ictus non fatali nelle prime quattro settimane. Riduceva anche la morte o la dipendenza (dependency) al momento delle dimissioni di 11,4 eventi ogni 1000 pazienti.

 

fibrillazione atriale ictus

Chiunque abbia la fibrillazione atriale è a rischio di avere un ictus. La fibrillazione atriale, in breve, e il battito irregolare del cuore che rende probabile la formazione di coaguli nel cuore. Questi coaguli possono entrare nel flusso sanguigno e raggiungere cervello causando un ictus.

Ci sono tre gruppi di persone:

1)     Soggetti ad alto rischio (sei-12 probabilità su 100 di avere un ictus e nei successivi 12 mesi)

- età superiore a 75 anni

- ictus è precedente

- problemi valvolari al cuore

- condizione esistente di insufficienza cardiaca

2)     Soggetti a rischio moderato (3-5 probabilità su 100 di avere un ictus e nei successivi 12 mesi)

- età oltre 65 anni

- età fino a 75 anni insieme ad una delle seguenti condizioni patologiche:

- ipertensione

- diabete

- malattia cardiaca

- patologia delle arterie periferiche

3)     Soggetti a basso rischio (una-due probabilità su 100 di avere un ictus e nei successivi 12 mesi)

- anziani più giovani di 65 anni con nessun altro fattore di rischio.

 

le statistiche sulla fibrillazione atriale

-        Una persona su 200 tra i 50 e i sessant'anni a fibrillazione atriale

-        Una persona su 10 sopra gli ottant'anni a fibrillazione atriale

 

aspirina e fibrillazione atriale

L'aspirina è solo uno dei modi di trattare la fibrillazione atriale ma è efficace. Il National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) dà i seguenti consigli:

-        In pazienti con fibrillazione atriale a basso rischio di ictus, una aspirina giornaliera tra 75 e 300 mg può essere somministrata, se non ci sono controindicazioni

-        In pazienti con fibrillazione atriale classificati a moderato rischio di ictus, una dose 75-300 giornaliera o di anticoagulanti dovrebbe essere considerata come possibilità

-        In pazienti con fibrillazione atriale classificati ad alto rischio di ictus, il warfarin dovrebbe essere somministrato  per mantenere sotto controllo la coagulazione sanguigna, purché non ci siano controindicazioni.

 

la cura della fibrillazione atriale

Ci sono tre modi di trattare la fibrillaizone atriale:

-        ridurre la frequenza cardiaca con farmaci tipo betabloccanti

-        ridurre il ritmo cardiaco: 1) con la cardioversione in alcuni casi (shock elettrico al cuore); 2) con farmaci anti-aritmia

-        contrastare l’ispessimento del sangue: 1) con anticoagulanti come il warfarin, per prevenire la formazione di coaguli sanguigni che possono essere prodotti dalla azione dei ventricoli che si contraggono irregolarmente e funzionano come una zangola  da burro. Questo può arrivare a prevenire coaguli all'80%; 2) oppure farmaci contro l'aggregazione delle piastrine come l'aspirina. Questi possono arrivare a prevenire coaguli fino al 20%

-        altri trattamenti: trattamento di problemi alla tiroide, chirurgia delle valvole cardiache, trattamento dell'ipertensione

 

lo studio bafta

Nel corso degli anni ci sono stati sette trial sul warfarin e l'aspirina per la prevenzione degli ictus. Hanno mostrato che il warfarin era efficace nell'80% dei casi e l'aspirina nel 20%. Tuttavia non è stato ancora stabilito se il beneficio per i pazienti anziani sia superiore al rischio potenziale dell'uso di anticoagulanti.

Il rischio è di produrre sanguinamento nel cervello o nello stomaco. Il fatto che i pazienti che assumono warfarin devono fare test del sangue regolari per stabilire se il sangue non sia troppo fluido deve essere considerato, perché questo è stressante per alcuni pazienti.

Nel 2007, uno studio importante, il Birmingham Atrial Fibrillation Treatment of the Aged Study, fu condotto in 200 ospedali dell'Inghilterra per confrontare l'uso dell'aspirina e del warfarin nel trattamento della fibrillazione atriale in pazienti sopra i 75 anni di età per prevenire ictus. È conosciuto come BAFTA Study. Furono reclutati 973 pazienti di età sopra i 75 anni e furono distribuiti a caso per ricevere warfarin o aspirina. Ci furono 24 eventi di primaria importanza (ictus ed embolia) nel gruppo del warfarin. Ci furono 48 eventi di primaria importanza (ictus ed embolia) nel gruppo dell'aspirina

In conclusione, questo studio sostiene l'uso di una terapia tramite anticoagulanti per persone sopra i 75 anni che hanno fibrillazione atriale, a meno che non vi siano controindicazioni

 

riassunto del capitolo

L'aspirina si è rivelato efficace sia come trattamento attivo il preventivo degli ictus.

Come trattamento attivo:

-        Il Royal Colleg of Physicians e il National Institute for Health and Clinical Excellence raccomandano attualmente che ai pazienti venivano somministrati 300 mg di aspirina dopo un ictus quando è stata esclusa la ricorrenza di un ictus emorragico

-        chiunque abbia avuto un ictus emorragico non dovrebbe ricever aspirina

Come trattamento preventivo:

-        I pazienti che hanno avuto un mini ictus dovrebbero assumer aspirina. Un disturbo ischemico transitorio potrebbe essere un segno che sta per arrivare un evento più grave. L'aspirina dimostrato di essere efficace nel ridurre la probabilità di ictus attacco cardiaco in morte in pazienti con attacco ischemico transitorio del 15%. Riduce anche il rischio di altri mini ictus

-        I pazienti con fibrillazione atriale hanno un rischio aumentato di avere un ictus: tra il 24% delle persone con fibrillazione atriale avrà un ictus importante entro un anno. Una bassa dose giornaliera di aspirina è raccomandata per i pazienti con fibrillazione atriale classificati come al rischio moderato ribasso e per i pazienti ad alto rischio che non possono prendere anticoagulanti

-        Dopo il loro primo ictus non emorragico i pazienti dovrebbero assumere 50-300 mg di aspirina al giorno indefinitamente, per prevenire ulteriori accidenti

 

 

capitolo 8. arterie e vene. l'aspirina durante la gravidanza

 

back to Index

 

In questo capitolo cominciamo a considerare l'alimentazione sanguigna al resto del corpo. La materia può diventare complicata, e così considereremo prima il problema del sistema arterioso, che porta sangue ossigenato ai tessuti, poi quello del sistema venoso.

Si è sempre pensato che l'aspirina possa aiutare in entrambi i tipi di problemi. Ma come vedremo le ricerche mostrano che non è questo il caso.

 

il sistema arterioso

 

l’arteriopatia periferica

L'arteriopatia periferica è un disturbo del sistema arterioso delle gambe delle braccia. In pratica si tratta del restringimento della provvista di sangue gli arti anteriori. La patologia è esattamente la stessa dei disturbi cardiaci che abbiamo già illustrato. È un'arteriosclerosi (irrigidimento delle arterie) che riguarda le arterie delle gambe.

-        Il classico sintomo è chiamato claudicazione intermittente. Si tratta di un dolore che si sviluppano i muscoli dei polpacci e talvolta del sedere quando si cammina per una certa distanza, che può essere variabile, da qualche centinaio di arte a 30 iarde. Fermarsi allevia il dolore.

-        Questi sintomi devono sempre essere indagati.

-        Se l'arteriopatia periferica è presente allora è probabile che l'individuo possa avere una malattia dell'arteria coronarica e una malattia cerebro-vascolare. La metà di queste persone hanno episodi precedenti di ictus o attacco di cuore

-        Essi sono dunque al rischio di ictus attacco di cuore

 

l'aspirina può aiutare?

Guardiamo le ricerche che sono state condotte sinora. Lo studio CAPRIE, pubblicato nel 1996 era randomizzato e in doppio cieco e confrontava il clopidogrel con l'aspirina in pazienti a rischio di ictus ischemico. Era uno studio di prevenzione secondaria che riguardava 19.158 pazienti. Furono divisi in tre sottogruppi, coloro che avevano avuto un ictus recente; coloro che avevano avuto un attacco cardiaco recente; coloro che avevano sintomi di arteriopatia periferica.

Il clopidogrel era lievemente più efficace dell'aspirina nel proteggere contro un secondo ictus, un secondo attacco cardiaco o la morte.

Tuttavia, lo studio ha trovato che l'aspirina non sembra avere alcun effetto su persone il cui principale problema è l'arteriopatia periferica. Nonostante questo, la conclusione dello studio fu che i pazienti con arteriopatia periferica dovrebbero assumere clopidogrel oppure aspirina in dosi tra 75 e 300 mg giornalmente. Sebbene sia difficile valutarlo, il fatto è che almeno la metà delle persone che hanno arteriopatia periferica avranno anche disturbi coronarici o cerebrali, e quindi essi effettivamente beneficeranno dell'aspirina.

 

l’aspirina in gravidanza

Quest'argomento è omesso dalla sintesi

 

il sistema venoso

Sembrerebbe logico aspettarsi che se l'aspirina un effetto benefico sui problemi dell'arterie possa essere anche utile in problemi che riguardano le vene.

C'è una grossa differenza fra arterie e vene però. Le vene hanno delle valvole. Non solo questo, ma sono valvole a senso unico. Lo scopo è evitare che il sangue fluisca indietro tra un battito e l'altro del cuore, quando il cuore si sta riempendo e la circolazione non è spinta avanti dalla forza della pompa.

 

vene varicose

Il numero di valvole che le persone hanno per segmento di vena varia da persona a persona. Se siete fortunati ne avete molte, e allora è meno probabile che soffiate di vene varicose. Resto perché ciascuna valvola venosa deve sopportare il peso della colonna di sangue sopra di essa fino alla valvola successiva. Se avete un sacco di valvole, allora la colonna di sangue che ciascuna valvola deve sopportare è piuttosto breve e il peso del sangue non sarà troppo. La valvola può reggere facilmente la pressione.

Invece, se la colonna di sangue è lunga e pesante, ci sarà pressione su quella valvola a ogni battito cardiaco. La valvola può diventare inefficiente e permettere al sangue di fruire indietro. Questo causa un rigonfiamento intorno alla valvola. Alla fine l'intera vena si riconoscerà. Vale a dire che le vene cominciano a diventare varicose.

Le vene varicose possono capitare in varie parti del corpo, il luogo più comune è la parte inferiore delle gambe e l'ano (emorroidi). Possono anche essere localizzate nell'esofago (la parte del corpo che connette la gola allo stomaco), in particolare quando c'è un disturbo del fegato una condizione chiamata ipertensione portale (che è più facile da riscontrarsi negli alcolisti).

Purtroppo per chi soffre di vene varicose non c'è alcuna prova che l'aspirina abbia un qualsiasi effetto.

 

coaguli sanguigni nelle vene

La trombo-embolia venosa (VTE) è il nome che viene dato allo svilupparsi un coagulo sanguigno che si forma negli arti inferiori o nelle vene della pelvi. Il coagulo si può frammentare e produrre un embolo che può essere portata ai polmoni, dove si può inserire in un vaso sanguigno con risultati potenzialmente catastrofici. È chiamato embolia polmonare.

-        Una trombosi venosa profonda (DVT) è il nome di un trombo o coagulo che si forma in una di queste vene degli arti inferiori più spesso in una vena del polpaccio

-        Un coagulo che si frammenta e fluisce il flusso sanguigno è chiamato un embolo

-        Un embolo polmonare (PE) è il nome per un coagulo libero flusso sanguigno o un embolo da una trombosi venosa profonda che si va a infilare in un vaso sanguigno dei polmoni.

-        Il 20% delle trombosi venosa profonda non trattate svilupperanno un embolo polmonare.

-        Nell'Inghilterra, 25.000 persone muoiono ogni anno di trombo embolia venosa

-        La sindrome Post trombosi è una complicazione che si verifica dopo una trombosi venosa profonda la gamba può rimanere gonfia di fluido chiamato edema. Ne possono conseguire ulcerazioni.

Le condizioni che possono rendere più probabile la formazione di un trombo venoso in una persona con trombosi venosa profonda sono le seguenti:

-        Danno al rivestimento interno dell'arena

-        Stasi venosa (a causa dell'immobilità: ecco perché è ragionevole prendere precauzioni contro lo sviluppo di un trombosi venosa profonda quando si siede immobili per lunghi periodi di tempo, come in voli di lunga distanza).

-        Anomalie del meccanismo di coagulazione

I fattori di rischio per la trombosi venosa profonda sono i seguenti:

-        Storia pregressa di trombo-embolia

-        Condizioni che possono aumentare la coagulo abilità del sangue, come ad esempio vari disordini del sangue cancro

-        Un particolare fattore genetico chiamato V Leiden Gene

-        Insufficienza cardiaca

-        Immobilità in persone che sono ad esempio state colpite da ictus o che sono ospedalizzati al letto, o che hanno avuto delle ingessatura

-        Trauma ai vasi sanguigni

-        Gravidanza

-        Trattamenti ormonali, inclusa la pillola contraccettiva

-        Disidratazione

 

l'aspirina può prevenire la trombosi venosa profonda?

Alcuni studi in passato hanno suggerito dei benefici connessi all'assunzione di aspirina come misura preventiva. Tuttavia le ricerche recenti non sembrano appoggiare queste conclusioni.

 

l'aspirina nella prevenzione della trombosi venosa profonda dopo intervento chirurgico

Sono state svolte molte ricerche sul potenziale dell'aspirina per prevenire la trombosi venosa profonda in pazienti che sono stati operati. Uno di questi studi è stato pubblicato nel 1977 e riguardava l'uso dell'aspirina in pazienti sopra i quarant'anni che avevano subito un intervento di sostituzione dell'anca. Essi ricevettero l'aspirina in dosi da 600 mg due volte al giorno. Ecco i risultati:

-        La trombo-embolia venosa si sviluppò in 11 su 44 pazienti che ricevevano l'aspirina

-        La trombo-embolia venosa si sviluppo in 25 su 55 pazienti che ricevevano il placebo.

-        La protezione era significativamente più grande per gli uomini rispetto alle donne.

Molte ricerche successive sono state fatte su pazienti che hanno avuto una sostituzione delle anche una sostituzione del ginocchio, condizioni che possono provocare un'immobilità con rischio di stasi venosa e trauma ai vasi sanguigni.

Un gruppo di esperti confrontò le varie strategie per la prevenzione della trombo-embolia venosa. Essi non raccomandano l'uso di routine dell'aspirina come agente preventivo in pazienti ospedalizzati o che hanno subito chirurgia. Ciò detto, una qualche riduzione della trombo-embolia venosa è stata notata a seguito dell'assunzione dell'aspirina, ma è stata considerata insufficiente per la prevenzione della trombo embolia venosa.

 

conclusioni riguardo l’aspirina e la trombo-embolia venosa

-        L'aspirina non è attualmente raccomandata con un agente preventivo per la trombo embolia venosa postoperatoria. Sebbene l'aspirina abbia dimostrato di produrre qualche riduzione della trombo embolia venosa, gli esperti la considerano attualmente insufficiente a consigliarne l'uso.

-        Gli anticoagulanti si sono rivelati migliori per la prevenzione della trombo embolia venosa

 

il problema dei viaggi lunghi

Questo è un argomento importante, dal momento che i viaggi sulle lunghe distanze sono diventati una parte normale della vita dei paesi sviluppati. L'immobilità sugli aeroplani, nelle auto sui treni, insieme alla pressione delle sedie sui muscoli del sedere e delle cosce e dietro le ginocchia per lunghi periodi è stata considerata un fattore di rischio per lo sviluppo della trombo embolia venosa.

Inoltre, è stato suggerito che la pressione ridotta negli abitacoli degli aeroplani possa in qualche modo scatenare meccanismi di coagulazione in alcune persone. Tuttavia, recenti ricerche con volontari sani che sedevano in camere ipobariche non hanno trovato che venisse favorita la formazione di coaguli sanguigni. Non è noto se essi si possono formare in persone con rischio più alto di coagulazione sanguigna.

L'associazione tra voli di lunga durata e trombo-embolia venosa è stata descritta per la prima volta nel 1954 da un dottore di 54 anni che la sviluppò durante un volo di 14 ore.

L'aspirina può abbassare il rischio di trombo embolia venosa nei voli di lunga durata?

È stato logico avanzare l'ipotesi che l'aspirina possa avere un effetto benefico nel ridurre la trombo-embolia venosa associata con i viaggi su lunghe distanze, dal momento che ha dimostrato che riduce la formazione di coaguli di sangue nelle arterie.

Nel 2001 l'organizzazione mondiale della sanità ha messo in piedi il progetto World Health Organization Research into Global Hazards of Travel (WRIGHT). I ricercatori hanno considerato tutti i fattori di rischio coinvolti, dalla posizione corporea, alle dimensioni del corpo ai fattori medici, al tempo di viaggio eccetera. La fase uno della ricerca ha dato i seguenti risultati:

-        Il rischio di trombo embolia venosa raddoppia quando si viaggia in aereo per più di quattro ore.

-        Il rischio assoluto di trombo embolia venosa dopo quattro ore di volo e di 1 su 6000.

-        Le manifestazioni più comuni di trombo embolia venosa sono la trombosi venosa profonda è l'embolo polmonare.

-        Il rischio aumenta dopo viaggi a lungo termine e rimane elevato per quattro settimane

-        I viaggi multipli a lungo termine in un breve periodo di tempo aumentano il rischio

Noi ancora non sappiamo se l'aspirina possa prevenire la trombo-embolia venosa dovuta a lunghi viaggi viaggi aerei. Se lo fa, sembra dare modesti benefici. Si stima che occorra trattare 17.000 persone con aspirina per prevenire un solo caso di trombo-embolia venosa. Questo dato è stato fornito da un articolo pubblicato nel 2002, che calcolava i benefici potenziali dell'aspirina nel ridurre il rischio di trombo-embolia venosa applicando i dati dell'aspirina nella prevenzione della trombo-embolia venosa in pazienti con frattura dell'anca alle percentuali stimate di trombo-embolia venosa da viaggi aerei. Questo articolo è bassato su un rapporto di trombo embolia venosa legata ai viaggi di 20 per 100.000 viaggiatori.

In conclusione, l'aspirina non è raccomandata come agente preventivo della trombo-embolia venosa in un viaggio di lungo termine o per persone a basso rischio. Se proprio si vuole prendere l'aspirina, consultandosi con il proprio medico, si può prendere aspirina da 75 mg nel giorno del viaggio e per tre giorni successivi.

 

riassunto del capitolo

-        L'aspirina è efficace nel trattare i disturbi arteriosi ed è raccomandata per pazienti con arteriopatia periferica. Anche se non cura o previene l'arteriopatia in sé, riduce il rischio dei pazienti di avere un evento più serio legato alle arterie come un ictus o un attacco di cuore causato da un blocco dell'arteria. I pazienti con arteriopatia hanno un rischio aumentato di avere un ictus o un attacco cardiaco e l'aspirina può significativamente ridurlo.

-        L'aspirina non è raccomandata per le donne in stato di gravidanza, perlomeno di routine

-        L'aspirina attualmente non ha mostrato efficacia nel trattamento di problemi venosi: non ha effetto sulle vene varicose; è stato notato che produce qualche riduzione di trombo-embolia venosa postoperatoria, ma gli esperti ritengono questi effetti insufficienti per consigliare l'uso dell'aspirina; non è raccomandato l'uso dell'aspirina per prevenire la trombo-embolia venosa derivante da lunghi viaggi.

 

 

capitolo 9. aspirina e demenza

 

back to Index

 

i differenti tipi di demenza

Ci sono diversi tipi di demenza, inclusa la malattia di Creutzfeldt-Jakob, la psicosi di Korsakoff, la demenza fronto-temporale e la corea di Huntington. I più comuni sono:

-        Alzheimer: costituisce il 60-70% dei casi di demenza

-        Demenza vascolare: il secondo caso più comune (20%)

-        Demenza con corpi di Lewy (10%)

 

la malattia di alzheimer

È una malattia del cervello che è associata con ben definiti cambiamenti patologici nel cervello e nella chimica del cervello.

-        Il rischio di sviluppare una malattia di Alzheimer raddoppia ogni cinque anni dopo i 65 anni.

-        Non c'è nessuna cura conosciuta per l'Alzheimer ma ci sono trattamenti che possono ritardare la progressione.

-        L'Alzheimer è un disturbo progressivo.

 

non tutte le perdite di memoria sono il segno di un disturbo di alzheimer

Questo è un punto importante. Moltissime persone anziane dimenticano le cose e sperimentano un deterioramento delle loro capacità cognitive. Questo non significa che stiano sviluppando la malattia di Alzheimer. La condizione di lieve insufficienza cognitiva (MCI)

non è una malattia. È una caratteristica che sviluppano alcune persone che invecchiano. La malattia di Alzheimer d'altro canto è una malattia e non è una forma di invecchiamento normale.

Solo il 10-15% delle persone che sviluppano una condizione di lieve insufficienza cognitiva proseguiranno con lo sviluppo della malattia di Alzheimer.

Se qualcuno mostra segni di perdita della memoria o difficoltà cognitiva, il primo passo dovrebbe essere un esame da parte del loro medico se necessario possono essere indirizzati una clinica della memoria per ulteriori test.

 

i cambiamenti nel cervello a seguito dell'Alzheimer

Nella malattia di Alzheimer il cervello cambia fisicamente in molti modi. L'effetto complessivo di questi cambiamenti e di ridurre il funzionamento del tessuto cerebrale.

La caratteristica assolutamente predominante che si trova nel cervello di persone con la malattia di Alzheimer sono le placche senili. Sono accumuli di materiali formati da cellule cerebrali deteriorate e da un tipo di proteina chiamata beta amiloide.

Si pensa che questa proteina beta amiloide possa innescare un circolo vizioso. La presenza di questa sostanza sembra scatenare infiammazione. Infiammazione produce maggiore quantità di questa proteina, e così il ciclo continua.

Altre caratteristiche possono essere degli intrecci di fibre nervose, il restringimento del cervello e l'allargamento dei ventricoli.

 

come può aiutare l'aspirina?

Gli studiosi hanno scoperto che i livelli dell'enzima COX-2 in alcune parti del cervello dei malati di Alzheimer sono elevati. Questa non è una scoperta conclusiva, ma può indicare che le prostaglandine giocano un ruolo nella produzione della proteina beta amiloide e nella formazione delle placche senili.

Questo può essere un meccanismo in cui l'aspirina può giocare un ruolo nel ridurre il rischio dello sviluppo di questa condizione, dal momento che blocca l'azione della COX-2.

 

demenza vascolare

Questa demenza è causata da perturbazioni che interessano la provvista vascolare al cervello. Ci sono diversi tipi che includono:

-        La demenza da infarto singolo, quando il danno deriva da un singolo ictus

-        La demenza da infarto multiplo, quando il danno sopravviene a seguito di una successione di piccoli ictus

-        La demenza da malattia dei piccoli vasi, quando sono danneggiati molti piccoli vasi all'interno del cervello

 

come può l'aspirina aiutare a combattere la demenza?

Da quanto abbiamo appena detto si può vedere che ci sono varie vie possibili in cui l'aspirina potrebbe essere in grado di ridurre il rischio di sviluppare sia alla malattia di Alzheimer che la demenza vascolare.

-        Bloccando l'enzima COX-2, potrebbe ridurre la produzione di prostaglandine che potrebbero (questa è solo un'ipotesi) avere un ruolo nella formazione della placca di proteina beta amiloide e nello sviluppo del circolo vizioso a cui abbiamo accennato

-        Bloccando il COX-2, l'aspirina potrebbe ridurre l'infiammazione generale che potrebbe essere legata al morbo di Alzheimer in un modo ancora da identificare

-        Riducendo il rischio della formazione di emboli in persone con un basso rischio di fibrillazione atriale, potrebbe ridurre il rischio di demenza vascolare.

 

ciò che dice la ricerca

Nel 1996 fu fatta una revisione di 17 studi effettuati in nove paesi. Questi studi hanno esaminato se l'uso di farmaci antinfiammatori fosse un fattore protettivo per il morbo di Alzheimer. La revisione dei dati ha trovato che sebbene molte delle prove cliniche erano su piccola scala, c'era una evidenza sufficiente a suggerire che i farmaci antinfiammatori, categoria cui appartiene l'aspirina, potrebbe avere un effetto protettivo nei confronti del morbo di Alzheimer

 

il cache county study

Tra il 1995 il 1996 pazienti di 65 anni e oltre, residenti nella Cache County, furono esaminati per scoprire prove di demenza e per gli effetti del loro uso di farmaci antinfiammatori, inclusi l'aspirina, oltre che dell'uso di vari altri farmaci. Tre anni più tardi i ricercatori ottennero ulteriori dati storici e trovarono che:

-        104 di 3227 pazienti ancora viventi avevano sviluppato Alzheimer

-        L'incidenza dell'Alzheimer era ridotta marginalmente in coloro che avevano usato per qualche tempo farmaci antinfiammatori.

-        Maggiore era la durata dell'uso di farmaci antinfiammatori più grande la riduzione del rischio

-        Schemi simili sono stati notati per l'uso dell'aspirina

Lo studio è stato pubblicato nel 2002 e ha concluso che l'uso a lungo termine di farmaci antinfiammatori e di aspirina può ridurre l'incidenza del morbo di Alzheimer, purché l'assunzione sia iniziata prima del sopravvenire della demenza.

 

women's health study cognitive cohort

E' un grosso studio, con risultati negativi, pubblicato nel 2007. 6377 donne sono state monitorate per un periodo di 10 anni per indagare l'effetto dell'aspirina sulle loro funzioni cognitive. Un gruppo ebbe 100 mg di aspirina e un altro un placebo. Le funzioni cognitive non furono trovate differeire di molto.

 

us veterans study

Studio pubblicato nel 2008, per indagare se farmaci anti-infiammatori assunti per 5 o più anni potevano ridurre l'incidenza dell'alzheimer. Sono state interessate 49.349 persone con alzheimer e vennero identificati anche 196.850 controlli. I risultati sono stati i seguenti:

-        I farmaci anti-infiammatori riducono il rischio di alzheimer

-        l'ibuprofen sembra essere il farmaco più efficace

-        I ricercatori hanno concluso che l'uso a lungo termine di farmaci anti-infiammatori era protettivo.

 

six pooled cohort studies

Altro studio pubblicato nel 2008 dalla John Hopkins Bloomberg School of Public Health e da altri ricercatori in vari luoghi degli USA. Sono stati raggruppati i dati da sei studi prospettivi per esaminare il rischio  di alzheimer in utenti di vari tipi di farmaci anti-infiammatori.

Precedenti ricercatori avevano suggerito che un sottogruppo di anti-infiammatori conosciuti come SALA (es. diclofenac e ibuprofen) potevano essere più efficaci degli altri. Gli anti infiammatori SALA agiscono  abbassando selettivamente i livelli del peptide beta-amiloide che si trovano nel cervello dei pazienti. Sono stati esaminati i dati di 13.499 pazienti senza alzheimer all'inizo dello studio; 820 persone svilupparono Alzheimer durante il corso dello studio; i farmaci antinfiammatori hanno ridotto il rischio di sviluppare il disturbo del 23%.  Non è stata riscontrata differenza fra i vari tipi di antiinfiammatori. In conclusione l'aspirina è efficace esattamente quanto gli altri farmaci antinfiammatori nel ridurre il rischio dell'Alzheimer del 23%.

 

riassunto del capitolo 9

Le ricerche suggeriscono che l'Alzheimer potrebbe essere una condizione infiammatoria, e così potrebbe essere utile provare un farmaco antinfiammatorio come l'aspirina. Però ci sono prove contrastanti. Alcuni studi hanno risultati molto positivi e suggeriscono che l'aspirina e altri farmaci antinfiammatori abbiano un effetto protettivo, mentre altri indicano che non c'è nessun effetto. Mentre risultati negativi suggeriscono cautela riguarda una conclusione definitiva, c'è tuttavia sufficiente evidenza positiva per intavolare una discussione riguardo l'opportunità per gli individui che rischiano di sviluppare Alzheimer di utilizzare l'aspirina. Dopo tutto, negli studi che sono stati esaminati in questo capitolo, 4 su 5 suggeriscono che l'aspirina possa ridurre il rischio di sviluppare Alzheimer. Uno studio suggerisce addirittura che può ridurre il rischio fino al 23%.

Si noti che in tutti gli studi l'aspirina, per dare beneficio, deve essere presa a lungo termine, probabilmente per almeno cinque anni prima dell'arrivo della demenza.

L'aspirina gioca un ruolo favorevole anche nella prevenzione della demenza vascolare, la seconda forma più comune di demenza dopo Alzheimer. La demenza vascolare e causata principalmente da ictus e nel cervello. Poiché la prevenzione dell'ictus può limitare il rischio di demenza vascolare l'aspirina, che si è dimostrata efficace nel prevenire ictus, potrebbe anche prevenire la demenza vascolare, principalmente in quelle persone che hanno un rischio aumentato di avere un ictus o un attacco cardiaco, come è stato indicato nei capitoli precedenti.

 

 

capitolo 10. il cancro: una breve panoramica.

 

back to Index

 

le statistiche del cancro

-        una persona su tre è destinata sviluppare cancro in qualche momento della sua vita

-        quattro tipi di cancro formano il 54% dei nuovi casi di cancro: al seno, allo stomaco, ai polmoni e alla prostata.

-        Il 64% dei nuovi casi di cancro si verifica in persone oltre i 65 anni di età.

-        Meno dell'1% dei tumori si sviluppa in bambini fino a 14 anni

-        Il cancro al seno e il cancro più diffuso in Inghilterra.

-        Normalmente le più comuni cause di morte per cancro sono il cancro ai polmoni, il cancro lo stomaco e il cancro al fegato.

-        I casi di cancro con causa primaria sconosciuta (le metastasi sono già diffuse da una fonte ignota) danno conto del 4% dei nuovi casi di cancro

-        Globalmente ci sono 12,7 milioni di nuovi casi di cancro ogni anno

-        Globalmente ci sono 7,6 milioni di morti per cancro ogni anno

 

crescita e riparazione cellulare normale

L'essere umano adulto medio è fatto di circa 25-100 miliardi di cellule. Le cellule sono i mattoni fondamentali del corpo. Esse sono organizzate in tipi diversi di tessuto e i vari tessuti creano i vari organi del corpo.

Nel corso dell'intera vita c’è uno stupefacente programma di continua crescita e riparazione degli organi e dei tessuti che continua senza sosta. Coinvolge le cellule di ogni tessuto vivente, che svolgono le loro funzioni per un determinato periodo di tempo e poi muoiono. Man mano che diventano vecchi o danneggiate, muoiono e sono rimpiazzate da cellule nuove che si sviluppano per prendere il loro posto. Tutto questo è coordinato in modo superbo. La maggior parte delle cellule sono programmate per dividersi in maniera ordinata e controllata, in modo tale che nuove cellule prendono il posto di quelle che muoiono e sono rimosse.

 

la formazione di un tumore

Se il normale ciclo di crescita e riparazione ha un malfunzionamento, alcune cellule non muoiono, ma continuano a vivere e continuano a dividersi per produrre una massa anormale di cellule. Questa massa può produrre un ammasso chiamato tumore. Questo può avvenire in qualsiasi parte del corpo

Un tumore può causare problemi per il suo ingrandirsi e per la pressione che esercita sugli organi e tessuti circostanti. Come risultato può interferire con le funzioni del sistema nervoso, digestivo, circolatorio o respiratorio. Alcuni tumori possono anche produrre ormoni che hanno un effetto destabilizzante sul corpo.

Ci sono due tipi di tumori:

-        Tumori benigni. Sono localizzati in un unico punto dell'organismo, non emettono ormoni e non producono problemi esercitando pressione sulle strutture circostanti.

-        Tumori maligni. Sono fatti di cellule che hanno l'abilità di spostarsi nel corpo attraverso il flusso sanguigno al sistema linfatico. Un tumore maligno viene chiamato cancro.

 

il sistema linfatico

Il sistema linfatico è composto da tubi molto piccoli chiamati vasi linfatici che collegano vari linfonodi in tutto il corpo. Il suo scopo è di trasportare la linfa o fluido linfatico che contiene globuli bianchi a tutti tessuti, in modo simile a come la circolazione trasporta sangue. Le tonsille, le adenoidi, la ghiandola del timo e la milza sono tutte ghiandole del sistema linfatico e insieme formano il grosso del sistema immunitario.

 

la diffusione di un cancro

I tumori maligni sono pericolosi perché possono diffondersi. Il tumore originario è chiamato tumore primario.

-        Se le cellule cancerose si fondono in un'altra parte del corpo, il processo è chiamato metastasi

-        Metastasi è anche il nome dato al gruppo di cellule che si è localizzato in un altro punto del corpo a partire dal tumore primario. Così, la metastasi chiamata tumore secondario e il tumore primario si dice che ha metastasizzato.

-        Se ci sono tumori secondari multipli, allora la condizione patologica chiamata cancro metastatico.

Sono coinvolti due processi:

-        Invasione, quando le cellule cancerogene si liberano dal tumore primario e si sviluppano nei tessuti circostanti (inasione locale), e poi si diffondono un'altra parte del corpo attraverso il flusso sanguigno e il sistema linfatico. Possono cominciare a crescere da divisioni cellulari ripetute. Questo distrugge anche gli altri tessuti normali che invadono.

-        Angiogenesi: le cellule cancerogene stimolano la crescita di vasi sanguigni, in modo da derivare la propria provvista di sangue, che fornirà loro i nutrienti necessari per crescere ulteriormente.

Le metastasi possono capitare in tessuti differenti. Forme di cancro differenti hanno differenti tendenze riguardo la diffusione. Per esempio, il cancro ai polmoni, al seno, alla tiroide, alla prostata e ai reni si può diffondere nelle ossa. Il cancro gastrointestinale e al pancreas si può diffondere nel fegato. Il cancro al colon, ai reni e i melanomi maligni della pelle si possono diffondere nel cervello.

 

i sintomi del cancro

I sintomi sono molto variabili. Ci possono essere sintomi:

-        Associati col tumore primario se sta alterando la struttura locale tessuti o premendo su un organo o alterando la sua funzione. Per esempio un tumore canceroso del colon può causare un'improvvisa alterazione delle abitudini di evacuazione della persona. Un cancro ai polmoni può produrre una tosse persistente. Un cancro all'utero può causare un inaspettato sanguinamento vaginale.

-        Associati con le metastasi: per esempio depositi secondari nelle ossa possono produrre un estremo dolore osseo. Depositi secondari nel cervello possono produrre cambiamenti psicologici cognitivi.

-        Associati con l'infiammazione che il cancro sembra scatenare. È comune trovare che certi test del sangue registrano che un'infiammazione presente da qualche parte.

-        Associati con una inappropriata secrezione di ormoni: un disturbo ormonale potrebbe essere il primo segno di un tumore maligno.

-        Associati ai cambiamenti nel metabolismo come risultato dei processi tumorali. Questo potrebbe avere come conseguenza il calo dei livelli generali d'energia, il soggetto potrebbe sentirsi nauseato, poco bene, febbricitante, perdere peso.

 

le cause di cancro

Ci sono moltissimi fattori che sembrano avere il potenziale di far divenire cancerose le cellule normali. Qualsiasi cosa che può produrre modificazioni nel DNA della cellula può trasformarla in una cellula cancerosa. Una cellula cancerosa non muore, ma continua a dividersi a formare nuove cellule funzionano autonomamente e che non hanno alcuna utilità per il corpo.

 

carcinogeni

I carcinogeni sono sostanze chimiche o agenti che sembrano avere un diretto effetto intossicanti sulle cellule e produrre danno il DNA.

Ciò detto, non tutti causano danno al DNA; invece causano un cambiamento tumorale inducendo mutazioni in modi che non sono stati ancora completamente compresi. Un modo che è conosciuto è semplicemente causare un incremento nella divisione delle cellule. Quando ciò avviene, c'è una probabilità aumentata del prodursi di una mutazione.

Alcuni noti carcinogeni sono:

-        Tabacco e prodotti della combustione del tabacco.

-        Radiazioni.

-        Arsenico

-        Berillio

-        Asbesto

-        Cadmio

-        Vari coloranti organici e chimici

 

i geni

Ci sono quattro tipi di geni che giocano un ruolo fondamentale nella divisione cellulare. Questa sembra essere una parte cruciale del processo.

Se questi geni subiscono interferenze, potrebbero non prendere parte nel processo normale di crescita e riparazione e il risultato potrebbe essere il cancro.

-        Oncogeni. Istruiscono la cellula su quando dovrebbe dividersi. Se questa funzione è impedita dalla mutazione allora ci sarà una divisione incontrollata e non coordinata fuori fase con resto del corpo.

-        Geni soppressori del tumore. Chiamati anche anti-oncogeni istruiscono le cellule su quando non dovrebbero dividersi. Quando questa funzione è ostacolata dalla mutazione, le cellule continuano a dividersi e la formazione del tumore più probabile.

-        Geni suicidi. Istruiscono le cellule su quando dovrebbero morire. Sono attivati quando una cellula mostra danno del DNA e il corpo necessita di rimuoverla. Questo processo di morte cellulare chiamato apoptosi. Se questa funzione soppressa, la cellula non si auto eliminerà e proseguirà vivere.

-        Geni di riparazione del DNA. Istruiscono la cellula a iniziare la riparazione del DNA danneggiato. Se questi geni non funzionano, una cellula non sarà capace di correggere la mutazione e continuerà a riprodurre la mutazione attraverso ulteriori divisioni cellulari.

 

tendenze familiari

Ci sono anche delle condizioni che sono apportate dal materiale genetico che si è ereditato.  Alcuni geni possono essere attivati e altri disattivati, rendendo l'individuo più suscettibile allo sviluppo del cancro. Il cancro allo stomaco è una condizione del genere che sembra essere ereditaria. Ci sono certi geni che potrebbero essere testati per il cancro ereditario. Per esempio:

-        Poliposi adenomatosa familiare (gene APC) una rara condizione che causa l'1% dei cancri all'intestino.

-        Sindrome di Lynch,o hereditary non polyposis colon cancer, è un disordine ereditario di tre geni di riparazione del DNA. Causa dal 2 al 5% dei cancri all'intestino è associato anche a un rischio accresciuto di sviluppare piccoli cancri all'intestino, fegato, alla cistifellea, alle ovaie, all'utero del cervello.

 

infiammazione non specifica

Il ruolo dell'infiammazione nel cancro sta guadagnando sempre più attenzione. Come sappiamo da capitoli precedenti, le prostaglandine sono coinvolte nell'infiammazione, e si stanno accumulando prove che sono coinvolte nella formazione di polipi nel colon.

 

virus a lenta azione

Ci sono parecchi virus che sono stati associati con lo sviluppo di alcune forme di cancro.

I virus e consistono in frammenti di DNA o RNA normalmente circondati da un rivestimento proteico. Non vivono indipendentemente, ma assumono il controllo del DNA della cellula che invadono, facendole riprodurre copie del virus. Il corpo gradualmente sopprime questo processo, ma qualche frazione del DNA o del RNA può rimanere incluso nell'acido nucleico delle cellule ospiti, causando successivamente una tendenza alla mutazione. Alcuni di questi virus associati al cancro sono:

-        HPV (papilloma virus umano), collegato al cancro della cervice uterina.

-        Virus di Epstein Barr associato con alcune forme di cancro infantile, il linfoma di Burkitt e la malattia di Hodgkin, il linfoma post trapianto e il cancro naso faringeo.

-        L'epatite B, l'epatite C e il cancro al fegato

 

classificazione del cancro

È importante classificare il cancro per scegliere il tipo più appropriato di cura. Di seguito sono elencate le principali categorie di cancro:

-        Carcinomi. Sono tumori che sorgono delle cellule epiteliali, cioè il tipo di cellula che foderano gli organi interni e formano la pelle.

-        Sarcomi. Sono tumori che nascono dalle cellule del tessuto connettivo, come ossa, cartilagini, muscoli, grasso o tessuto fibroso.

-        Linfomi e mielomi. Sono tumori che nascono dal tessuto linfatico del sistema immunitario.

-        Leucemie. Sono tumori del sangue e dei tessuti del corpo che producono il sangue. Potrebbe non esserci formazione di tumore ma una produzione anormale di vari tipi di cellule ematiche. Organi come la milza e il fegato e le linfoghiandole possono essere colpiti.

-        Sistema nervoso centrale. Tumori che nascono dalle cellule del cervello o del midollo spinale.

 

gli stadi del cancro.

È di vitale importanza stabilire lo stadio a cui si trova il cancro per determinare il trattamento più adeguato. Prima il cancro diagnosticato e meglio è. Il cancro che ha fatto metastasi è più difficile da curare.

Tutto un insieme di indagini speciali potrebbe essere richiesto, inclusi test del sangue, raggi X, diagnosi ultrasoniche, TAC, risonanza magnetica. Possono essere usate varie indagini endoscopiche con una sonda a fibra ottica introdotta nel corpo per esame visuale o prelievo di materiale per biopsie.

L'esame microscopico delle cellule rimosse con un processo chiamato biopsia può fornire la diagnosi definitiva.

 

i sistemi usati per determinare lo stadio del cancro.

Ci sono due sistemi principali utilizzati per determinare lo stadio del cancro

-   il sistema TNM

l'acronimo sta per Tumour, Nodes and Metastasis. A ciascuno di questi ed ad 1°, in maniera tale che un dottore può descrivere le dimensioni del tumore primario che si tratti di nodi che il cancro diffuso e anche nel caso in cui il cancro si sia diffuso altre parti del corpo questo sistema è utilizzato con il cancro della mammella, dei polmoni e al colon retto.

-   Il cancro al colon retto e anche misurato con il sistema di Duke dove le lettere a, B, C, D danno un'indicazione di quanto il cancro si sia diffuso. Il grado a significa che ha interessato solo lo strato più interno dell'intestino. Il grado di e il grado ci si riferiscono a un ulteriore diffusione, che ancora trattabile con un'operazione chirurgica. Il grado di si riferisce al cancro che ha già migrato in parti distanti del corpo come il fegato e polmoni.

-   Sistemi numerici

I sistemi numerici sono usati con certi tipi di cancro. Normalmente hanno 4°, con lo stadio 4 che è il più grave. Il cancro all'utero e classificato in questo modo come pure il cancro al fegato e linfomi.

 

il trattamento del cancro

Il trattamento dipende molto dal tipo di cancro dal suo stadio e dall'età, dalla salute generale dell'individuo. Ci può essere un trattamento principale che è poi affiancato da uno o più altri tipi di trattamento. I trattamenti potrebbero mirare a curare il cancro o potrebbero essere delle cure palliative per alleviare il dolore.

Il trattamento potrebbe comportare:

-        Chirurgia. Per rimuovere il tumore primario o migliorare la funzione di una parte del corpo. Generalmente, è un'opzione caratteristica delle fasi in cui le metastasi non hanno ancora avuto luogo.

-        Radioterapia. L'irradiazione del tumore con radiazioni concentrate ad alta energia con l'intenzione di uccidere le cellule cancerogene pur potrebbe essere combinato con chemioterapia in alcuni tipi di cancro come il cancro al seno.

-        Chemioterapia l'uso di potenti farmaci che interferiscono col metabolismo delle cellule cancerose facendoli morire facendo le auto eliminare.

-        Altri trattamenti. La terapia ormonale può aiutare in certe forme di cancro che dipendono dall'equilibrio ormonale. L'immunoterapia per stimolare il sistema immunitario potrebbe essere d'aiuto. La terapia genetica è una grande promessa per il futuro.

 

misure generali per prevenire il cancro

Si ritiene che circa 1/3 dei tumori possa essere evitato con un'azione di prevenzione mediante il cambiamento del proprio stile di vita.

 

tabacco e cancro

Questa è la più grande causa di cancro che può essere prevenuta nel mondo

-        Causa l'80-90% di tutti i decessi per cancro ai polmoni.

-        Causa il 30% di tutte le morti per cancro nei paesi sviluppati.

-        L'organizzazione mondiale della sanità si sta dedicando a ridurre le morti per cancro e la World Health Organization framework convention on Tobacco Control è stata adottata nel maggio 2003. È stata firmata da 168 paesi ed è vincolante in 172 paesi. Stabilisce restrizioni all'uso del tabacco. E forse una delle più importanti misure di salute pubblica di tutti i tempi.

 

dieta e cancro

Una dieta salutare è essenziale per la buona salute.

-        L'obesità è associata con il cancro all'esofago, al colon retto, al seno, all'endometrio e ai reni.

-        Una dieta ricca di frutta e vegetali può essere protettiva contro molte forme di cancro.

-        Una dieta ricca di carne rossa può essere associata al cancro al colon retto.

 

esercizio fisico e cancro

L’esercizio è noto per essere un fattore di salute generale e benessere.

-        L’esercizio fisico è valido per la funzione cardiorespiratorio e per la fitness, che possono avere un effetto protettivo loro proprio.

-        L’esercizio regolare può aiutare gli individui a evitare l'obesità.

 

infezioni e cancro

È noto che certi microrganismi infettivi possono predisporre il cancro. Vanno prese misure per evitare queste infezioni.

-        I virus dell'epatite B e dell'epatite C sono associati con il cancro.

-        Il virus del papilloma è associato col cancro alla cervice dell'utero.

-        L'Helicobacter pylori è associato a un incrementato rischio di cancro allo stomaco. Questo microrganismo causa anche ulcere allo stomaco e parecchi disturbi di stomaco. Può essere rivelato da test del sangue o test della respirazione.

-        In alcuni paesi la schistostomiasi è associata col cancro alla cistifellea. E' anche chiamata bilharziosi o febbre delle lumache, ed è un'infestazione parassitica di vermi che è comune ai tropici. Questa possibilità deve essere valutata per quelli che tornano dei tropici.

 

radiazione solare e cancro

È ben documentato che l'eccessiva esposizione alla radiazione solare può indurre tutti i tipi di cancro alla pelle. È sensato usare creme solari quando ci si espone al sole.

 

rischi occupazionali e cancro

Certe occupazioni sono associate a un aumentato rischio di contrarre certi tipi di cancro.

Nel 1981 due studiosi riportarono al congresso americano che circa il 4% delle forme di cancro erano attribuite al lavoro svolto.

L'amianto è il più grande agente cancerogeno industriale.

È estremamente difficile diagnosticare provare una causa di cancro legata al lavoro.

 

aspirina e prevenzione del cancro.

Varie linee di ricerca suggeriscono che l'aspirina può avere una parte nella prevenzione di alcuni tipi di cancro.

 

studi sugli animali.

L'enzima COX-2 è stato considerato un potenziale bersaglio per la prevenzione del cancro, con i seguenti risultati:

-        Livelli elevati dell'enzima COX-2 sono stati trovati in tessuti cancerosi e pre-cancerosi.

-        Gli animali da laboratorio che sono stati nutriti per avere delle deficienze di COX-2 hanno mostrato una riduzione nella formazione nella crescita dei tumori.

-        Gli animali da laboratorio che sono stati curati con inibitori di COX-2 hanno mostrato una ridotta formazione e sviluppo del cancro.

A metà degli anni 70 i ricercatori hanno trovato che i livelli di prostaglandina E2 erano elevati nei tumori maligni al retto e al colon. Questa prostaglandina è stata identificata come una delle principali prostaglandine associate con l'infiammazione.

Questo ha condotto a una salva di esperimenti in cui gli antinfiammatori non steroidei hanno dimostrato di poter ridurre o inibire tumori che sono stati chimicamente indotti nei ratti nei topi.

Questi esperimenti sugli animali hanno provato in modo conclusivo che l'aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei possono inibire sperimentalmente i cancri indotti in ratti e topi.

 

ricerca sulle cellule.

Nel 1998, i ricercatori di parecchi centri hanno investigato sia il COX-1 che il COX-2 per quanto riguarda i loro effetti e hanno postulato che l'aspirina funzioni in due maniere nel ridurre il rischio del cancro:

-        COX-2 inibizione. Questo impedisce alle cellule cancerose dallo sviluppare nuovi vasi sanguigni (angiogenesi). Questo significa che il tumore non può ottenere una sua propria provvista di sangue per nutrirsi.

-        COX-1 inibizione. Può avere un effetto sul rivestimento epiteliale delle cellule di vasi sanguigni, inibendo la crescita di vasi sanguigni nel tumore, il che significa, anche qui, che il tumore mancherà dei nutrienti di cui necessita per crescere.

 

osservazioni e studi sugli esseri umani.

Parecchi studi su soggetti della popolazione generale che usano regolarmente aspirina hanno mostrato una più bassa incidenza di polipi adenomatosi nell'intestino e una minor incidenza di cancro al colon e di morti per cancro al colon, paragonate a coloro che non osavano aspirina.

Di fatto, l'uso a lungo termine di antinfiammatori non steroidei è associato con una riduzione dal 30 al 50% dell'incidenza di polipi, cancro al colon e morte tranne che in uno studio che è stato rivisto.

Questi risultati supportano fortemente l'ipotesi che l'aspirina e gli antinfiammatori non steroidei possano ridurre l'instaurarsi di una progressione del cancro al colon nella popolazione generale.

Significativamente, gli studi di osservazione suggeriscono che l'aspirina deve essere presa per almeno cinque anni prima che il suo effetto sia visto in relazione alla riduzione del rischio di cancro.

 

Adenomi e tumori adenomatosi.

-        Un adenoma è un tumore che sorge da un tessuto ghiandolare. Possono capitare in tutti i tipi di organi.

-        Un polipo adenomatoso è un altro nome per un adenoma. È un tumore benigno.

-        Un adenocarcinoma è un tumore maligno che sorge da un tessuto ghiandolare in un organo. Laddove la seconda parte della parola è "carcinoma" significa che si tratta di un cancro e che è un tumore maligno.

 

l'aspirina il rischio a lungo termine di morte per cancro.

Alla fine del 2010 all'inizio del 2011, furono pubblicati due importanti articoli sulla rivista The Lancet.

Il primo era un follow-up di cinque trial randomizzati in cui era stata usata l'aspirina. Mostrava che l'uso a lungo termine di basse dosi giornaliere di aspirina (75-300 mg) riduceva a rischio di morte per cancro al colon di 1/3.

Il secondo articolo è un'analisi di otto studi che coinvolgevano 25.570 pazienti, studi che erano stati originariamente condotti per determinare l'effetto protettivo di aspirina a basse dosi sui disturbi cardiovascolari. Alcuni di questi trial sono stati già analizzati nei capitoli precedenti di questo libro.

I trial analizzati il secondo studio furono:

-        British Doctors Aspirin Trial (BDAT)

-        UK Transient Ischaemic Attack Trial  (UK-TIA)

-        Early Treatment Diabetic Retinopathy Study (ETDRS)

-        Swedish Angina Pectoris Aspirin Trial (SAPAT)

-        Thrombosis Prevention Trial (TPT)

-        Japanese Primary Prevention of Atherosclerosis with Aspirin for Diabetes (JPAD)

-        Prevention of Progression of Arterial Disease and Diabetes (POPADAD)

-        Aspirin for Asymptomatic Atherosclerosis (AAA)

Tre degli studi hanno continuato ad accumulare dati sulle morti per cancro dopo il completamento dei trial questi sono stati:TPT, BDAT, UK-TIA. I trial sono durati da quattro a otto anni. I pazienti sono stati seguiti dopo gli studi per i 20 anni successivi.

Durante i trial il tasso complessivo di morte per cancro era caduto del 21% degli utenti dell'aspirina. Il beneficio per alcuni tipi di cancro non appare prima dell'uso protratto per cinque anni.

Ecco i risultati principali esposti negli articoli su The Lancet:

-        Dopo cinque anni dell'uso di aspirina, il tasso di morte per tutti i tipi di cancro cade del 34%.

-        Dopo aver preso l'aspirina per cinque anni, il tasso di morte per i tipi di cancro gastrointestinale cade del 54%

-        I rischio di cancro allo stomaco al colon retto cade dopo 10 anni.

-        L'aspirina ha ridotto le morti dovute a tumori primari del cervello durante i primi 10 anni di follow-up.

-        Il rischio di cancro alla prostata si abbatte dopo 15 anni.

-        Non c'è nessuna differenza dipendente dalle dosi dal sesso o delle abitudini di fumo.

-        I benefici incrementano con l'età-maggiore è il periodo in cui è stata presa all'aspirina, migliori sono i risultati, fino a raggiungere 20-25 anni di uso

-        I tassi di morte crollarono dopo 20 anni di uso di aspirina:

-        Il rischio totale e morte di cancro risultava ridotto del 20% in un periodo di vent'anni.

-        Riduzione del 10% per il cancro alla prostata

-        Riduzione del 30% per il cancro ai polmoni aperta parentesi ma solo per il tipo adenocarcinoma, che è più comune non fumatori)

-        Riduzione del 40% nel cancro al colon retto.

-        Riduzione del 60% per cancro all'esofago.

Tuttavia questi articoli hanno anche mostrato che necessitano maggiori ricerche:

-        L'effetto sul cancro allo stomaco, al pancreas e al cervello è stato difficile da determinare perché i numeri erano insufficienti per fare una chiara analisi statistica

-        Non c'era un effetto significativo sui tumori del sangue

-        C'erano troppo poche donne per determinare gli effetti dell'aspirina sul cancro al seno o sui cancri di tipo ginecologico.

Il tipo di cambiamento tumorale sembrava essere critico. il cancro si può verificare in ogni tipo di cellula che costituisce un tessuto.

-        Il carcinoma delle cellule squamose è un cancro che nasce dalle cellule epiteliali squamose. Sono cellule piatte, del tipo di mattonelle da pavimento che rivestono i tubi o gli organi cavi come i reni, i polmoni, la cistifellea, la superficie della pelle, la bocca, l'esofago le labbra.

-        Gli adenocarcinoma sono forme di cancro che nascono dalle cellule adenomatosi ghiandolari che rivestono vari tubi e organi.

-        Alcuni cancri possono essere cancri delle cellule squamose o adenocarcinoma. Il cancro l'esofago e il cancro ai polmoni possono essere entrambi i tipi.

Nello studio, sembrava che l'aspirina non avesse nessun effetto solo nel ridurre la morte per adenocarcinoma, piuttosto che altri tipi di cancro, come i  carcinomi delle cellule squamose.

Questo fenomeno è particolarmente notevole nel cancro ai polmoni e all'esofago, ma anche importante per altre forme di cancro dove l'adenocarcinoma predomina su altri forme di cambiamento tumorale, come il cancro allo stomaco, all’intestino tenue, al colon, al retto, al pancreas, al seno, le ovaie e alla prostata.

 

riassunto del capitolo

-        L'uso a lungo termine dell'aspirina e associato con una riduzione complessiva di diversi tipi di cancro, inclusi quelli al colon, al retto, allo stomaco, all'intestino, ai polmoni, all'esofago, alla prostata, al cervello. Il beneficio era notevole in tutti gli studi.

-        L'effetto impiega cinque anni per manifestarsi.

-        Sembra esserci un effetto più grande nella riduzione di certi tipi di cancro, in particolare gastrointestinale per i quali il tasso di morte si riduce del 54%.

-        Il totale di tasso di morti per cancro è stato ridotto del 34% dopo cinque anni di uso dell'aspirina.

-        Non c'è differenza nella dose dell'aspirina-75 mg sembrano sufficienti per produrre l'effetto

-        Più lungo dell'uso maggiore è la riduzione del rischio: 20-25 anni di uso danno la migliore protezione. Dopo di quello ci può essere un maggiore rischio di emorragie.

-        Il momento di tempo migliore per iniziare a beneficiare sembra essere quanti pazienti sono alla fine dei loro 40 o dei loro cinquant'anni.

 

 

capitolo 11. cancro al colon-retto.

 

back to Index

 

Il termine cancro al colon-retto significa un cancro che attacca il colon, l'intestino crasso e il retto, gli ultimi pollici dell'intestino crasso.

 

il colon: più che un tubo.

Il colon è un largo tubo muscolare che connette l'intestino tenue con il retto. È sorprendentemente lungo cinque piedi ed è curvato nell'addome in una serie di anse, prima di terminare nel retto. Le sue funzioni sono:

-        assorbire acqua, minerali e sali dal cibo parzialmente digerito che riceve dall'intestino tenue. Due pinte di materiale liquido entrano nel colon e ogni giorno e circa 1/3 di pinta entra nel retto. Il resto è riassorbito al colon.

-        trasportare questo materiale per tutta la sua lunghezza fino al retto attraverso le contrazioni muscolari che hanno luogo diverse volte al giorno.

-        aiutare il proseguimento della degradazione e digestione del cibo, in virtù della flora intestinale.

 

il retto: non solo un tubo dritto

È un tubo muscolare di sei pollici di lunghezza. Si attacca al colon sigmoideo (la parte del colon che forma il deposito per la materia fecale (proprio sopra la pelvi, e scende giù attraverso la pelvi nel canale anale. La sua funzione è di immagazzinare le feci e il gas. È capace di espandersi in modo da poter contenere un considerevole ammontare di materie fecali finché la persona non decide di espellerle.

 

cancro al colon-retto

Il cancro può attaccare qualsiasi parte del corpo, ma alcune parti con maggiore frequenza rispetto ad altre. Il cancro dell'intestino tenue è raro, ma il cancro al colon retto è relativamente comune.

-        Il cancro al colon retto è più comune nei paesi sviluppati che in quelli sottosviluppati

-        Ci sono 1.000.000 di nuovi casi l'anno

-        Ci sono 600.000 morti per colon retto ogni anno

-        106 nuovi casi di colon retto sono diagnosticati ogni giorno in Gran Bretagna.

-        Il cancro al colon retto e il terzo cancro più comune in Gran Bretagna dopo il cancro alla mammella e il cancro ai polmoni

-        Nel 2007 ci sono stati 38.608 nuovi casi di cancro al colon retto in Gran Bretagna. 2/3 erano al colon e 1/3 nel retto.

-        Il cancro del collo distale e del retto sono molto più comuni che quello del colon prossimale.

-        Molti cancri al colon retto si sviluppano da folle che adenomatosi

-        Il cancro al colon retto e fortemente legata all'età: l'84% sorge dopo i 65 anni.

-        Il rischio di sviluppare un cancro del colon retto riferito all'intera vita ad una persona è di un uomo su 16 e di una donna su 20.

 

fattori di rischio per il cancro al colon retto

-        Progredire dell’età

-        Storia familiare positiva

-        Predisposizione genetica: 1) poliposi adenomatosa familiare (il gene APC), una rara condizione che causa l'1% dei cancri all'intestino. 2) sindrome di Lynch o il cancro al colon retto non poliposi.

-        Malattie infiammatorie dell'intestino (colite ulcerosa o morbo di Crohn)

-        Obesità

-        stile di vita: fumo, sedentarietà, dieta povera, eccesso di alcol

 

fattori protettivi per il cancro al colon-retto

-        HRT per le donne

-        Una buona dieta abbondante di frutti e verdura

-        Una buona dieta con restrizioni riguardo la carne rossa

-        Uso a lungo termine di aspirina e o di antinfiammatori non steroidei

 

l'aspirina il cancro al colon retto

Parecchi studi hanno indagato se l'aspirina possa aiutare contrastare il cancro al colon retto. Ciò che è particolarmente incoraggiante riguardo la sua interazione con questo particolare cancro è che ci sono forti indicazioni che può aiutare sia nella prevenzione primaria che nella prevenzione secondaria.

 

prevenzione primaria

La ricerca di laboratorio ed epidemiologica suggerisce che l'aspirina e altri infiammatori non steroidei hanno un effetto antitumorale sull'intestino crasso. Un trial pubblicato nel New England Journal of Medicine nel 2003 ha stabilito che questo potrebbe essere il caso.

È stato svolto uno studio randomizzato in doppio cieco sull'aspirina come sostanza chimica preventiva della formazione di polipi adenomatosi. Un polipo adenomatoso è benigno, non maligno. L'importanza di essere in grado di prevenirli, naturalmente, risiede nel fatto che molti cancri al colon retto si sviluppano da un polipo adenomatoso.

Un polipo adenomatoso può diventare un adenocarcinoma (tumore maligno) in ogni momento. Non sappiamo quando capita. In alcune persone non capita mai. In altre può capitare immediatamente. Ecco perché un polipo deve essere rimosso, nel caso che sia canceroso. Se lo è, allora la persona ha il cancro e necessita una cura. Se non lo è, allora necessita solo un trattamento di follow-up per essere sicuri che non sviluppi ulteriori polipi. 1.121 pazienti furono arruolati per il trial, tutti con un polipo che era stato riscontrato nel loro intestino. Furono randomizzati per ricevere un placebo, una bassa dose di aspirina (81 mg), una dose standard (325 mg). Una colonscopia fu eseguita come follow-up dopo tre anni.

I ricercatori hanno trovato che l'incidenza di uno o più adenomi era:

-        47% nel gruppo placebo

-        38% nel gruppo con l'aspirina a basse dosi.

-        45% nel gruppo con la dose standard di aspirina

Hanno concluso che l'aspirina in basse dosi a un moderato effetto nel prevenire i polipi adenomatosi nel colon.

 

prevenzione secondaria

Un altro trial si è svolto per vedere se l'aspirina può prevenire la formazione di polipi adenomatosi in pazienti che sono stati trattati in precedenza per cancro al colon retto. Questa è una questione molto importante. I ricercatori hanno condotto un trial randomizzato in doppio cieco sull'effetto dell'aspirina sull'incidenza dei polipi al colon. Furono arruolati 635 pazienti, che erano stati diagnosticati e trattati per cancro al colon retto. Furono randomizzati per ricevere 325 mg di aspirina al giorno o un placebo. Il trial è terminato prima della data prevista perché risultati statisticamente significativi furono trovati in una analisi intermedia. Si trovò che l'incidenza di uno o più polipi era:

-        17% nel gruppo che assumeva aspirina

-        27% nel gruppo placebo

-        Si scoprì anche che il tempo di sviluppo di un polipo adenomatoso era molto più lungo nel gruppo che prendeva l'aspirina

In conclusione, l'uso giornaliero dell'aspirina e associato con una significativa riduzione dell'incidenza dei polipi adenomatosi pazienti che hanno una storia clinica pregressa di cancro al colon

 

studi a lungo termine

Queste sono scoperte sorprendentemente importanti, tuttavia erano studi portati avanti solo per pochi anni. Ciò che era necessario era uno studio che scoprisse cosa capitava in un periodo di tempo molto più lungo.

Un'analisi dei risultati ottenuti da due larghi trial sull'uso di aspirina nella prevenzione di eventi vascolari che era stata successivamente monitorata per parecchi anni fornì qualche idea. I risultati del follow-up dal BDAT e dall'UK-TIA hanno mostrato che una dose giornaliera di aspirina (500 mg o più) per più di cinque anni era associata con una riduzione dell'incidenza del cancro al colon-retto dopo un periodo di latenza di circa 10 anni. In altre parole sembravano essere necessari 10 anni prima con effetto si manifestasse.

 

la questione del dosaggio

Ciò che non è stato ancora determinato in modo conclusivo era il dosaggio richiesto per stimolare una risposta positiva in un paziente. Questa è una preoccupazione particolarmente importante nel caso dell'aspirina perché si sa che il rischio di avere un sanguinamento significativo è collegato alla dose. Maggiore è la dose, maggiore è il rischio di emorragia.

Dunque si voleva sapere qual era la dose minima che avrebbe avuto un effetto positivo. In più era desiderabile sapere se l'effetto benefico era correlato alla dose l'effetto migliorava con le dosi più alte?

 

una grossa analisi

Nell'ottobre del 2010, una notevole ricerca fu pubblicata su The Lancet da Peter Rothwell e colleghi. La ricerca fu chiamata "Long-term effect of asprin on colorectal cancer incidence and mortality: 20 years follow-up of five randomized trials".

Essi seguirono con follow-up quattro grossi studi randomizzati sull'aspirina utilizzata per la prevenzione primaria e secondaria di eventi vascolari, e uno studio sulle differenti dosi dell'aspirina. Lo scopo era vedere se l'aspirina poteva ridurre o no l'incidenza del cancro al colon retto durante il trial e in un periodo di vent'anni susseguente. L'analisi dei dati aggregati da tutti e cinque trial rivelò che:

-        Il 2,8% di 14.033 pazienti sviluppò un cancro al colon retto durante il follow-up di vent'anni.

-        Essere stato posto nel gruppo con l'aspirina riduceva a rischio ventennale di cancro al colon ma non di cancro al retto.

-        Laddove l'informazione sulla posizione del cancro era disponibile, l'aspirina appariva ridurre il rischio di cancro al colon prossimale ma non al colon distale.

-        Con l'uso di cinque anni o più dell'aspirina l'aspirina riduceva il rischio di cancro al colon prossimale del 70% e anche il rischio di cancro al retto

-        Nessun beneficio era collegato a dosi più alte di 75 mg

-        C'era un rischio di cancro al colon retto fatale quando l'aspirina era solo di 30 mg

In conclusione, l'aspirina ha un importante effetto positivo nel ridurre il rischio del cancro al colon retto quando presa in una dose 75 mg per almeno cinque anni

 

riassunto del capitolo

Lo studio del 2010 rappresenta una prova scientifica incredibilmente importante, del fatto che una bassa dose di aspirina per un lungo periodo può recare beneficio ai pazienti riducendo il rischio di cancro al colon retto, e per certi tipi di esso fino al 70%.

Esso fornisce anche un modo di prevenire il cancro al colon retto prossimale, che è difficile da diagnosticare perché non è facile da vedere attraverso la sigmoidoscopia o la colonscopia, mentre cancri distali sono più facili da osservare. Questo è significativo perché un cancro che è difficile da diagnosticare potrebbe non essere trattato in tempo.

L'uso dell'aspirina ha mostrato anche un effetto nel ridurre l'incidenza dei polipi adenomatosi, che possono condurre al cancro del colon retto. Si è notata una moderata prevenzione primaria e un significativo successo della prevenzione secondaria per pazienti che avevano già avuto dei polipi.

Dunque esiste una ragione molto buona perché chiunque sia a rischio consideri la possibilità di prendere regolarmente una bassa dose di aspirina.

Qualsiasi persona sopra i 50 anni dovrebbe considerare l'uso di una dose bassa di aspirina regolarmente come mezzo di ridurre il rischio al cancro al colon retto.

 

 

capitolo 12. il cancro ai polmoni

 

back to Index

 

il cancro ai polmoni è il cancro più comune e pericoloso. Purtroppo, tre quarti di tutti i pazienti con cancro ai polmoni muoiono dopo 12 mesi dal momento della diagnosi. Il cancro che comincia nei polmoni è chiamato cancro ai polmoni primario, in contrapposto al cancro secondario che è un cancro originato da un altro organo.

 

tipi di cancro ai polmoni

Ci sono due tipi di cancro primario ai polmoni, che sono classificati in relazione al tipo di cellule in cui si sviluppano:

-        Carcinoma da cellule non piccole. L'80% del cancro ai polmoni, di cui ci sono tre tipi: carcinoma delle cellule squamose, adenocarcinoma, e carcinoma delle grandi cellule

-        Carcinoma delle piccole cellule. Rappresenta il 20% dei cancri ai polmoni. È conosciuto anche come cancro delle cellule avena. Tende a essere più aggressivo e a diffondersi più velocemente

 

alcuni dati riguardo il cancro ai polmoni

-        È il secondo più comune cancro in Inghilterra

-        E la seconda causa più comune di morti correlate al cancro per Uomini e donne

-        Nel 2007 ci sono state 29.600 morti per cancro ai polmoni nel Regno Unito

-        Fumare tabacco è la singola causa determinante più grande per il cancro ai polmoni nel 90-95% dei casi

-        Persone che fumano 20 o più sigarette al giorno hanno 20 volte più probabilità di sviluppare un cancro ai polmoni dei non fumatori

-        Solo il 25% delle persone a cui stato diagnosticato un cancro ai polmoni vivrà più a lungo di un anno

 

aspirina e cancro ai polmoni

fino ai primi anni 90, sebbene le notizie sull'aspirina e le altre forme di cancro fossero incoraggianti, c'era poca informazione riguardo l'uso dell'aspirina contro il cancro ai polmoni.

 

new york women's health study

Nel 2002 uno studio è stato pubblicato sul British Journal of Cancer, che appariva promettente. La relazione tra uso dell'aspirina cancro ai polmoni fu esaminata attraverso uno studio di controllo. Fu trovata una relazione inversa tra chi usava l'aspirina tre volte a settimana per sei mesi e più rispetto a chi non usa l'aspirina. Questo significa che quelli che hanno usato aspirina avevano un rischio molto più basso di sviluppare un cancro ai polmoni

 

bmc cancer study

un altro studio pubblicato sulla rivista BMC nel 2003. Cancer i ricercatori condussero uno studio dei casi degli ospedali per valutare se un uso regolare dell'aspirina poteva essere protettivo contro lo sviluppo del cancro ai polmoni. Nel corso dello studio, 868 pazienti svilupparono cancro ai polmoni. Ad essi furono associati con 935 pazienti che erano stati curati per condizioni patologiche diverse dal cancro. A tutti fu somministrato un questionario comprensivo riguardo la famiglia, la storia occupazionale e dell'ambiente, l'uso del tabacco, dell'alcol e le caratteristiche della dieta. Inoltre, risposero a domande sull'uso dell'aspirina, su quanta era la dose, quanto spesso la prendevano e quanto durava l'uso. L'età media era 62 anni. Il 60% erano uomini al 40% donne

I ricercatori trovarono che coloro che usavano aspirina regolarmente (almeno una volta a settimana per almeno un anno) avevano un tasso significativamente più basso di cancro ai polmoni, sia per i carcinomi delle piccole cellule che per i carcinomi delle grandi cellule.

 

il grande studio

Il più grande studio sugli effetti dell'aspirina sul cancro ai polmoni fino ad oggi condotto è stata la meta-analisi pubblicata su The Lancet nel gennaio 2011, dal titolo "Effetti dell'aspirina giornaliera sul rischio a lungo termine di morte dovuta cancro: analisi di dati di pazienti individuali da trial randomizzati". Lo studio ha trovato che c'era una riduzione del rischio di morte per cancro ai polmoni, ma impiega cinque anni per manifestarsi.

Per la adenocarcinoma la riduzione del rischio di morte era del 30%. Non ci fu riduzione notata per i carcinomi delle piccole cellule o delle cellule squamose.

 

riassunto del capitolo

Esiste una sicura evidenza che l'aspirina riduce il rischio di cancro primario è polmoni, ma principalmente si tratta dell'adenocarcinoma, che è più comune in non fumatori. La più recente ricerca suggerisce una riduzione del tasso di morte del 30% per gli adenocarcinoma.

 

 

capitolo 13. il cancro al seno

 

back to Index

 

alcune statistiche

Secondo il Cancer Research UK:

-        Il cancro al seno è il più comune cancro nel regno unito

-        Il rischio di sviluppare un cancro al seno nel corso della propria vita per le donne è di una probabilità su otto

-        Il tasso di incidenza del cancro al seno femminile in Gran Bretagna si è incrementato di più del 50% negli ultimi 25 anni

-        Ogni giorno 130 donne nel Regno Unito ricevono una diagnosi di cancro al seno

-        L'80% del cancro al seno si verifica in donne di età superiore ai 50 anni

-        Ogni anno 340 uomini sviluppano cancro al seno

-        A livello globale ci sono circa 11,38 milioni di casi di cancro al seno diagnosticati ogni anno

-        I tassi di sopravvivenza del cancro al seno sono migliorati negli ultimi quarant'anni.

-        Le donne con la diagnosi di cancro al seno hanno due volte la probabilità di sopravvivere di almeno 10 anni rispetto a quarant'anni fa

 

l'aspirina il cancro al seno

Ci sono stati molti studi nel corso degli anni che suggeriscono un ruolo per l'aspirina nella prevenzione del cancro al seno.

Nel 2008, ricercatori del Guy's and St Thomas' Hospital Trust hanno pubblicato un articolo  sull’International Journal of Clinical Practice (IJCP) che analizzava 21 studi che erano stati condotti nel corso di 27 anni. In totale avevano coinvolto 37.000 donne

Essi conclusero che l'aspirina può ridurre il rischio di cancro seno del 20%. Hanno anche suggerito che altri antinfiammatori non steroidei potevano offrire una analoga protezione. I ricercatori non furono in grado di stabilire dei parametri per il dosaggio o la durata del trattamento necessario.

Essi comunque, sulla base dei dati, non si sentirono di poter raccomandare alle donne di cominciare ad assumere antinfiammatori non steroidei per la prevenzione del cancro al seno, a causa dei possibili effetti collaterali, prima di ulteriori ricerche.

Nel 2010 fu pubblicato un articolo sul Journal of Clinical Oncology da un gruppo di ricercatori guidato da Michele Holmes da Harvard, negli USA. Lo studio si occupava del possibile uso dell'aspirina nelle donne che erano state già diagnosticate di cancro al seno. È stato il primo studio a ricercare riguardo l'uso dell'aspirina come aiuto nella cura del cancro al seno.

Tra il 1976 e il 2006, 4.164 infermiere a cui era stato diagnosticato cancro al seno furono arruolate nello studio. Nel corso del follow-up, 341 pazienti morirono di cancro al seno.

I ricercatori giunsero le seguenti conclusioni:

-        L'uso dell'aspirina era associato a un diminuito rischio di diffusione del cancro al seno, i morti per cancro al seno e di morte da qualsiasi altra causa

-        In dipendenza dal dosaggio settimanale di aspirina, i pazienti furono in grado di ridurre il rischio di diffusione delle metastasi dal 43 al 60%

-        Confrontati con coloro che usavano l'aspirina, coloro che ne facevano uso ebbero da 64 a 71% di riduzione del rischio di morte legata al cancro al seno.

Tuttavia i ricercatori affermarono chiaramente che questo è uno studio di osservazione e non era possibile dire se l'aspirina avesse migliorato la sopravvivenza. Suggerirono ulteriori ricerche.

Essi affermarono anche chiaramente che tutti i pazienti avevano avuto delle cure convenzionali per il loro cancro e l'aspirina era qualcosa che fu somministrata in aggiunta. Non fu un trattamento alternativo.

 

riassunto del capitolo

-        Tutte le donne dovrebbero approfittare degli screening per il cancro al seno e dovrebbero farsi delle mammografie.

-        Se una donna trova un bozzo nel suo seno, dovrebbe farsi visitare da un dottore, perché una diagnosi tempestiva è sicuramente preferibile

-        La ricerca sul ruolo dell'aspirina per la cura la prevenzione del cancro al seno è promettente, ma ancora priva di dati concreti. È richiesta altra ricerca.

-        I primi studi suggerirono che l'aspirina poteva ridurre il rischio di cancro al seno del 20%. In pazienti con cancro al seno è stato dimostrato che l'aspirina riduce il rischio della metastasi tra i 43 60%, e ci fu anche una riduzione tra il 64 71% del rischio di morti collegate al cancro al seno. Comunque, non c'è ancora sufficiente ricerca per suggerire che le donne assumono aspirina con rischio di sanguinamenti, perché non è stato provato in modo conclusivo che l'aspirina sia un agente preventivo primario nel cancro al seno. Non è neanche raccomandato il suo uso per pazienti che hanno già avuto la diagnosi di cancro al seno.

-        Se tuttavia paziente sta considerando la possibilità di prender aspirina per prevenire eventi cardiovascolari come attacco cardiaco o ictus, è probabile che possa beneficiare di una qualche misura di protezione contro il cancro al seno.

 

 

capitolo 14. il cancro alla prostata.

 

back to Index

 

Mentre il cancro al seno è la principale paura delle donne, il cancro alla prostata ha lo stesso ruolo per gli uomini.

 

la prostata

La prostata è una ghiandola che hanno solo gli uomini. Si trova alla base della vescica e di fronte al retto. Essa possiede migliaia di piccole ghiandole che producono un fluido che aiuta a proteggere e a nutrire lo sperma. Il fluido forma una grossa parte del fluido seminale. Quando c'è un orgasmo maschile, questo fluido è espulso dalla prostata nell'uretra, e contribuisce all'uscita dell'eiaculato.

Il cancro alla prostata è normalmente causato da cellule cancerose (principalmente tumori maligni chiamati adenocarcinoma) che si formano con le piccole isole nel tessuto della prostata.

 

alcune statistiche

-        Il cancro alla prostata è il più comune dei nuovi tumori negli uomini della Gran Bretagna (24% dei nuovi casi di cancro)

-        Attualmente, 101 nuovi casi di cancro alla prostata sono diagnosticati ogni giorno

-        Il rischio di sviluppare un cancro alla prostata per gli uomini nel corso della loro vita è di una probabilità su nove

-        Il rischio di sviluppare il cancro alla prostata è collegato all'età. È raro prima di cinquant'anni

-        Il 75% di coloro che hanno avuto una diagnosi di cancro alla prostata hanno un'età superiore a 65 anni

-        10.000 morti ogni anno sono dovute al cancro alla prostata.

Si stima da analisi post mortem che circa 50% di tutti gli uomini tra i 50 e i sessant'anni avranno una qualche forma di cellula cancerosa nel loro prostata. Questa cifra aumenta all'80% all'età di ottant'anni.

Per molti uomini il cancro è semplicemente quiescente edessi non se ne accorgono. Questo è coerente con i dati che indicano che solo 1 su 26 uomini morirà di cancro alla prostata. Più precoce è l'età della diagnosi più probabile è che il cancro si sviluppi in forma maligna.

Se gli uomini sperimentano problemi con l'urinare (potenza del getto, flusso rallentato, ritardo nell'inizio del flusso) dovrebbero chiedere il parere di un medico. La diagnosi più probabile sarà l'ipertrofia prostatica, ma solo i test possono escludere o confermare il cancro alla prostata

 

i problemi degli anziani

Nel caso di ipertrofia prostatica benigna, la ghiandola prostatica si ingrossa finché non comprime l'uretra, un canale che va dalla vescica fino al pene. Questo intralcia il flusso dell'urina e produce caratteristici sintomi di perdita di potenza del getto eccetera.

 

l'aspirina e il cancro alla prostata

Questa è un'area di ricerca che sta cominciando a dare frutti, ma è ancora agli inizi, con la maggioranza degli studi chiave che cominciano a essere pubblicati solo nel 2010. Solo ulteriori ricerche e altro tempo ci diranno al vero potenziale dell'aspirina in questo caso. Tuttavia nel complesso i segni sono promettenti

 

riduzione del rischio

Uno studio di controllo pubblicato sull'American Journal of Epidemiology nel 2010 da un gruppo di persone che lavorava in diversi centri medici gli Stati Uniti si è focalizzato sugli effetti dell'aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei e sul rischio di sviluppare un cancro alla prostata. 1.001 pazienti con diagnosi di cancro alla prostata sono stati confrontati con 942 pazienti senza diagnosi. I risultati sono stati i seguenti:

-        Gli uomini che stavano prendendo normalmente aspirina avevano il 21% in meno di probabilità di quelli che non sanno aspirina di sviluppare un cancro alla prostata.

-        Gli uomini che avevano preso aspirina per cinque anni o più avevano il 24% in meno di probabilità rispetto a quelli che non avevano usato aspirina di sviluppare un cancro alla prostata

-        Gli uomini che assumevano una bassa dose giornaliera di aspirina (81 mg) avevano una probabilità più bassa del 29% di sviluppare un cancro alla prostata.

 

l'uso dell'aspirina dopo che un cancro alla prostata è stato diagnosticato

Alla fine del 2010 è stato presentato uno studio in cui i ricercatori hanno studiato l'uso di farmaci anticoagulanti e anti-piastrine, inclusa l'aspirina, su 5.275 uomini a cui era stato diagnosticato cancro alla prostata che non aveva avuto una diffusione oltre il glande e che erano stati trattati con radioterapia o chirurgia. 1982 pazienti ricevettero anticoagulanti. In questi pazienti rischio di morire per cancro alla prostata in 10 anni si riduceva dal 10 al 4%. Il rischio di metastasi era considerevolmente ridotto. Coloro che avevano cancro alla prostata ad alto rischio furono quelli che mostrarono più benefici. L'aspirina offrì benefici maggiori rispetto ad altri anticoagulanti.

 

riassunto del capitolo

L'aspirina si è dimostrata efficace nel ridurre il rischio di cancro alla prostata.

In uno studio, gli uomini che assumevano una bassa dose giornaliera di aspirina avevano il 29% in meno di probabilità di sviluppare un cancro alla prostata.

L'ultimo grande studio sull'aspirina e il cancro, citato nel capitolo 10, indica che il rischio di cancro alla prostata scende solamente dopo che l'aspirina è stata assunta per 15 anni.

Dopo 20 anni di uso dell'aspirina il tasso di morte per cancro alla prostata cada del 10%

in uno studio l'aspirina sembra ridurre considerevolmente il rischio di metastasi del cancro dopo che il cancro è stato diagnosticato.

Vale la pena notare che i problemi alla prostata è più probabile che si verifichino in tarda età,   una età in cui le persone hanno un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, così, se l'aspirina è stata già prescritta per migliorare questo rischio, potrebbe esserci come bonus una riduzione del cancro alla prostata.

 

 

capitolo 15. l'aspirina e il diabete.

 

back to Index

 

Il diabete mellito è un disordine del metabolismo dei carboidrati che dipende da scarsità di insulina, o da una scarsità di reazione del corpo alla propria insulina.

Le caratteristiche del diabete non è diagnosticato e non curato sono la sete eccessiva e l'aumentata tendenza urinare.

 

i due tipi di diabete

-        Diabete di tipo uno o diabete mellito insulino-dipendente (IDDM). E' chiamato talvolta "diabete della giovane età". È dovuto a insufficienza nella produzione di insulina. Normalmente interviene in un'età precoce e richiede l'uso dell'insulina per tutta la vita.

-        Diabete di tipo due o diabete mellito non insulino-dipendente (NIDDM). È chiamato talvolta "diabete della tarda età". È dovuto alla mancanza di reazione all'insulina prodotta dal corpo. Il controllo del peso della dieta e di farmaci orali ipoglicemizzanti potrebbero essere richiesti.

 

complicazioni del diabete

Una buona cura del diabete richiede il controllo della glicemia. Ci sono diverse possibili complicazioni:

●  Complicazioni metaboliche: problemi con i livelli di glicemia, che si originano o dalla malattia o della sua cura.

●  Complicazioni vascolari:

- Complicazioni macro vascolari: patologie a carico dei grossi vasi, es. arterie coronariche (angina e attacchi cardiaci), delle arterie periferiche (claudicazione intermittente), delle arterie cerebrali (ictus).

- Complicazioni micro-vascolari: patologie dei piccoli vasi, es. retinopatia diabetica (vasi sanguigni nelle retine degli occhi), nefropatia (vasi nei reni), e neuropatia (vasi nei piccoli tessuti e nei nervi), insufficienza del sistema immunitario, che ha come conseguenza un incremento delle infezioni.

- Cataratta

- Disfunzione erettile e perdita di libido

 

le persone con diabete devono assumere aspirina?

Per chi è sotto i 16 anni, la risposta è no. Per soggetti più anziani, fino al 2008 le raccomandazioni erano chiare: l'aspirina a basse dosi era raccomandata per diabetici di età superiore ai 50 anni, o per coloro che avevano una patologia diabetica da dieci anni o più, e per i diabetici che erano in cura per ipertensione. L'ipertensione doveva essere il sintomo da affrontare per primo.

E tuttavia, come tante altre cose nella scienza e nella medicina, le cose non sono come uno si aspetterebbe. Non c'era nessuna solida evidenza che fosse necessaria nei pazienti diabetici una prevenzione primaria di un attacco cardiaco di un ictus, se questi erano comunque soggetti a basso rischio.

 

il trial popadad

Nel 2008 fu pubblicato un articolo sul British Medical Journal, che riguardava il trial "Prevention fo Progression of Arterial Desease etes" (POPADAD). I ricercatori cercarono di capire se l'aspirina gli antiossidanti, insieme o separatamente fossero superiori al placebo nella cura di pazienti diabetici che erano a rischio di sviluppare un disturbo asintomatico alle arterie (cioè una patologia agli arti, alle coronarie, o alle arterie cerebrali, ma senza che esse causasse alcun sintomo). Essi condussero un trial randomizzato in doppio cieco, fattoriale, con l'impiego di un gruppo di controllo a cui era somministrato un placebo.

Essi non trovarono alcuna prova a supporto dell'uso dell'aspirina degli antiossidanti nella prevenzione primaria della mortalità cardiovascolare in pazienti diabetici. In altre parole l'aspirina non riduceva il rischio di pazienti diabetici di sviluppare una patologia arteriosa e neanche il loro rischio di morte a causa di essa.

 

raccomandazioni riguardo il diabete nel regno unito

Le raccomandazioni attuali tengono conto del fatto che non è stata riscontrata nessuna apparente differenza tra diabetici e non diabetici in pazienti con nessuna manifestazione di patologie cardiovascolari.

Le autorità responsabili della politica riguardo il diabete nel Regno Unito raccomandano che:

-        i diabetici che non hanno una storia clinica di rischio cardiovascolare dovrebbero discutere questo rischio con loro medico.

-        Le persone senza una storia clinica di disturbi cardiovascolari potrebbero non aver bisogno di aspirina

-        Le persone con una storia clinica di disturbi cardiovascolari dovrebbero probabilmente assumer aspirina, purché non vi siano controindicazioni.

 

meta-analisi

Una volta ancora, la tecnica della meta-analisi (che mette insieme ciò che è emerso da trial indipendenti di buona qualità e attribuisce ai risultati di questi il giusto peso per stabilire l'effetto di una cura) di parecchi trial si è rivelata utile.

Una meta-analisi pubblicata sul British Medical Journal nel 2009 ha preso in considerazione 6 trial sull'impiego dell'aspirina nella prevenzione primaria delle complicanze cardiovascolari nei diabetici con nessun disturbo cardiovascolare preesistente. I ricercatori non hanno trovato nessuna significativa riduzione del rischio di eventi cardiovascolari nei diabetici che prendeva un'aspirina.

Un'altra meta analisi è stata pubblicata nel 2009 nella rivista Diabetes Care, da un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic che cercavano di stabilire se i diabetici fossero a rischio di eventi cardiovascolari primari più che le persone non diabetiche. Due ricercatori analizzarono nove trial randomizzati e controllati che confrontavano i benefici dell'aspirina tra pazienti diabetici e pazienti non diabetici riguardo la mortalità, gli attacchi cardiaci e l'ictus. Non fu trovata nessuna differenza significativa tra i due gruppi. I ricercatori hanno concluso che i benefici dell'aspirina sono simili in entrambi i gruppi di pazienti.

 

riassunto del capitolo

-        Come abbiamo visto nel capitolo 6, l'aspirina presenta benefici incerti per quanto riguarda la riduzione del rischio di un evento cardiovascolare (attacco cardiaco o ictus) in persone che sono a basso rischio. Qualsiasi beneficio dovrebbe essere confrontato con rischio di avere un sanguinamento grave. Per questa ragione, i diabetici senza una storia pregressa di disturbi cardiovascolari e che hanno un buon controllo del loro diabete non dovrebbero aver bisogno di aspirina.

-        Le complicazioni vascolari sono più comuni nei diabetici, in particolare se il controllo del diabete non è eccellente. Per questa ragione, le persone con diabete mal controllato potrebbero aver bisogno di considerare la possibilità di basse dosi aspirina, sempre che non vi siano controindicazioni.

-        Molte persone col diabete, in particolare col diabete di tipo I, sono al di sotto dei 16 anni. L'aspirina non dovrebbe essere usata in bambini o adolescenti sotto l'età di 16 anni, a causa del rischio della sindrome di Reye.

-        Secondo l'opinione dell'autore, ogni caso deve essere considerato individualmente e la persona del proprio medico e nella posizione migliore per dare consigli su potenziali benefici o meno di un basso dosaggio di aspirina.

 

 

capitolo 16. la depressione

 

back to Index

 

La depressione è estremamente comune. Certe volte capita dopo un evidente evento scatenante nella vita di una persona, ma in molti casi sembra capitare come se all'improvviso un lenzuolo nero sia tirato sui sentimenti della persona.

-        La depressione interessa 2,3 milioni di persone in Inghilterra

-        Nel 30-50% dei casi la depressione non è diagnosticata

-        Il 60% dei soggetti con depressione dicono che sono troppo imbarazzati per cercare aiuto da parte del conduttore

-        La depressione è potenzialmente pericolosa per la vita delle persone. Circa il 15% delle persone depresse commettono suicidio ogni anno

-        Occorrono circa 10 anni e 350.000.000 di sterline per sviluppare un nuovo farmaco antidepressivo

-        Il mercato mondiale dei farmaci psicotropi è stimato di 2012 in 15.000.000.000 di dollari.

 

la psichiatria nel 20º secolo

Il 20º secolo ha visto lo sviluppo di tre correnti principali di pratica psichiatrica

1. Psicoterapia a seguito dei lavori di Sigmund Freud, Carl Jung e Alfred Adler essenzialmente, l'approccio psicoterapeutico è basato sulla comprensione dei processi di pensiero dei meccanismi mentali che hanno portato ad un certo stato o condizione. Le terapie comportano la risoluzione dei problemi mediante una cura discorsiva.

2. Psicologia comportamentista. A seguito dei lavori di Ivan Pavlov e di altri. Essenzialmente, si tratta dell'uso di vari metodi psicologici per aiutare gli individui ad alterare il loro comportamento e quindi a migliorare il modo in cui si rapportano con le cose e si sentono emozionalmente.

3. Psichiatria neuro-organica. Questa corrente sottoscrive il punto di vista che l'attività mentale un prodotto della funzione cerebrale. Condizioni come la depressione dunque possono essere il risultato di cambiamenti organici nel cervello, o di uno squilibrio nei neurotrasmettitori. Le cure includono tranquillanti, antidepressivi, terapia eletro-convulsiva.

 

le categorie di antidepressivi

 

 

le teorie biochimiche della depressione

Sono state sviluppate parecchie teorie principali sulla natura biochimica della depressione, tra cui:

-        L'ipotesi delle mono-amine

-        L'ipotesi delle citochine

 

l'ipotesi delle mono ammine

Nel 1965 Joseph Schildkraut postulò che una deficienza dei trasmettitori mono-ammine, ovvero dei naturali messaggeri chimici nel cervello, aveva un ruolo significativo nella depressione. L'ipotesi delle mono-ammine sembra spiegare il modo in cui molti degli antidepressivi che vengono comunemente prescritti funzionano.

Essa ha avuto comunque i suoi critici, dal momento che questi antidepressivi non funzionano per tutte le persone depresse, e tale ipotesi non sembra poter spiegare l'azione di alcuni dei farmaci di ultima generazione.

 

l'ipotesi delle citochine

Le citochine sono piccole molecole proteiche che si trovano nel cervello, nel sistema nervoso centrale e nel sistema immunitario. Sono coinvolte nello scambio di segnali tre cellule, cioè trasmettono informazioni tra le cellule e possono essere coinvolte nelle istruzioni di svolgere particolari funzioni o azioni.

Alti livelli di citochine si riscontrano in persone con condizioni infiammatorie. Si riscontrano anche nei depressi, il che ha condotto i ricercatori a pensare che ci potrebbe essere un legame tra infiammazione depressione. Questo è abbastanza importante, perché suggerisce che in alcune persone la depressione è un sintomo di un processo infiammatorio che sta nascostamente interessando il cervello. Questa ipotesi potrebbe anche spiegare perché gli antidepressivi non funzionano sempre.

 

citochine e infiammazione

È stato giustamente osservato che certi gruppi di persone hanno una maggiore probabilità di diventare depressi:

-        Persone con patologie autoimmuni, come il lupus

-        Persone con condizioni degenerative, come la sclerosi multipla una patologia coronarica

-        Persone anziane con condizioni di infiammazione

-        Persone che ricevono una cura di immunoterapia a base di citochine

Insieme a quest'osservazioni ci sono le scoperte che le infiammazioni e i marker dell'infiammazione sono legati con seri episodi di depressione.

Questo ha condotto alla teoria che l'infiammazione stessa causa il rilascio di citochine, che possono provocare depressione.

L'ipotesi delle citochine è un'idea potenzialmente molto importante, dal momento che potrebbe offrire un altro modo di curare la depressione, diverso dai farmaci di ricaptazione della serotonina (SSRI) o un altro modo di coadiuvare gli antidepressivi in persone che potrebbero avere una condizione infiammatoria.

 

l'aspirina può avere effetto sulla depressione?

Alcuni ricercatori australiani, partendo dal presupposto che la depressione sembra essere un disturbo comune di persone con condizioni infiammatorie degenerative e che quindi potrebbe avere una base infiammatoria hanno ipotizzato che due agenti antinfiammatori potrebbero avere un effetto nel ridurre la depressione. Questi due agenti sono:

-        Aspirina

-        Statine (farmaci che sono utilizzati per abbassare il colesterolo)

I ricercatori hanno selezionato un gruppo di pazienti che erano stati precedentemente selezionati per il Geelong Osteoporosis Study del 1994-1997 e hanno condotto uno studio di controllo dei casi. 1.494 donne sono state reclutate a caso in questo studio. 837 avevano un'età superiore a cinquant'anni. 386 furono valutate dopo 10 anni di follow-up e acconsentirono a un'intervista psichiatrica.

Il gruppo di ricercatori utilizzò una specifica tecnica di intervista per diagnosticare episodi di depressione maggiore MDD) e l'età in cui questo si era verificata dopo cinquant'anni. Erano interessati in particolare all'uso delle statine e dell'aspirina, ma raccolsero anche informazioni riguardo altri farmaci antinfiammatori non steroidei (paracetamolo, ormoni, antidepressivi e farmaci per il diabete). Effettuarono uno studio retrospettivo su un gruppo di controllo che non aveva una storia clinica di depressione, nello stesso periodo di tempo.

I ricercatori scoprirono che 63 pazienti avevano una storia clinica di depressione, ma 41 furono esclusi perché la depressione fu diagnosticata prima di cinquant'anni, che era il criterio per l'inclusione nello studio. Questo lasciò solo 22 casi da studiare. Delle altre donne del gruppo originale di 383 persone, 323 non poterono essere incluse nel gruppo di controllo, perché non avevano depressione

I ricercatori trovarono che:

-        L'uso delle stradine e dell'aspirina era più basso nelle donne che avevano avuto una storia di depressione.

-        Solo una donna su 22 depresse stava usando statine (4,4%) in confronto a 93 donne su 323 (29% circa) prive di depressione.

L'uso dell'aspirina (prima della storia di depressione) era di una sola donna su 22 di quelle che erano depresse, ma di 103 donne su 323 tra quelle che non erano depresse.

Gli autori pubblicarono le conclusioni sul Journal of Psychotherapy and Psychosomatics nell'autunno del 2010. Suggerirono che c'è una riduzione altamente significativa nel rischio di sviluppare episodi di depressione maggiore se una persona sta assumendo aspirina o statine. Le differenze non potevano essere spiegate sulla base dello stile di vita o gli altri farmaci assunti. Sembrerebbe che la riduzione dell'infiammazione sia il punto cruciale della materia. Questo è completamente in accordo con l'ipotesi delle citochine e con i fatti conosciuti riguardo la capacità dell'aspirina delle statine di ridurre l'infiammazione.

Sebbene necessario compiere altro lavoro, è chiaro che c'è una sufficiente prova in questo studio per giustificare ulteriori indagini riguardo l'ipotesi delle citochine e l'uso sia dell'aspirina che delle statine sia nel trattamento che nella prevenzione primaria di questo condizione altamente importante. Ma prima occorre che sia svolta ulteriore ricerca.

 

in che modo aiuta l’aspirina?

Sembra plausibile che l'aspirina possa esercitare un effetto antinfiammatorio attraverso due meccanismi

1. Attraverso i suoi effetti sul COX-2, riducendo in tal modo la produzione di prostaglandine, che a sua volta riduce la risposta infiammatoria

2. Inducendo la formazione di radicali di ossido nitrico, che è un altro meccanismo dell'aspirina che i ricercatori hanno scoperto. Questi radicali impediscono ai globuli bianchi di aggregarsi, e così possono aiutare il corpo a combattere le infezioni.

 

riassunto del capitolo

Alcuni ricercatori hanno teorizzato che depressione e infiammazione possono essere collegate con in quanto farmaco antinfiammatorio l'aspirina potrebbe dunque essere capaci di prevenire la depressione o ridurne l'intensità. Comunque, non c'è sufficiente evidenza al momento poter dire che una persona dovrebbe assumer aspirina per ridurre il rischio di depressione. L'unico studio discusso in questo capitolo suggerisce che vi possa essere una riduzione del rischio di sviluppare una depressione maggiore se si sta assumendo aspirina, ma ha preso in considerazione solo un campione molto piccolo di persone.

Ciò che può essere detto e che se voi avete una condizione che ha una componente infiammatoria e vi sentite depresso, allora l'aspirina potrebbe essere d'aiuto. L'autore ritiene che attualmente l'idea di aiutare a combattere l'aspirina con la depressione è semplicemente un'idea interessante, ma tuttavia merita ulteriori ricerche in trial accuratamente controllati.

 

 

capitolo 17. la pelle.

 

back to Index

 

Sebbene l'aspirina abbia un ottimo effetto antinfiammatorio, non si è riscontrato che il suo uso orale sia molto efficace per alleviare le patologie dermatologiche. Di fatto, al contrario, tra gli effetti collaterali riconosciuti dell'aspirina ci sono delle sintomatologie cutanee come rash e orticaria.

 

l'aspirina le patologie della pelle

Comunque l'aspirina può essere di beneficio quando viene usata con uso topico dell'acido salicilico. L'acido salicilico è la forma base dell'aspirina, che essa ha prima di essere "bufferizzata" con l'aggiunta di un gruppo acetilico. L'acido salicilico è stato usato ampiamente in dermatologia nel corso degli anni.

L'acido salicilico è un cheratolitico, il che significa che ammorbidisce rimuove lo Stato esterno corneo della pelle. Fa questo disgregando la cheratina, una proteina che forma parte del rivestimento più esterno. Questo fa sì che la pelle morta possa essere rimossa.

L'acido salicilico anche un lieve effetto antinfiammatorio sulla pelle

L'acido salicilico è anche una cura tradizionale per la psoriasi

L'acido salicilico è utile in diverse condizioni patologiche, quando c'è una produzione di uno strato corneo della pelle (callosità, ittiosi, verruche, porri)

 

trattamenti con la forma base dell'aspirina

-        Pasta di Lassar: è una pasta fatta di ossido di zinco e acido salicilico. Lo zinco ha proprietà astringenti, il che significa che aiuta i tessuti a contrarsi in modo tale da permettergli di liberarsi della pelle morta. È un trattamento di lungo termine per la psoriasi e altre patologie dove si crea uno strato esterno anormale della pelle.

-        Acido salicilico e acido lattico: sono comunemente usati come trattamento topico per verruche porri e callosità. La presenza di acido lattico rende maggiormente disponibile l'acido salicilico.

-        Linimento a base di acido salicilico, dithranol e catrame di carbone: è una mistura di preparati topici che è utile per la psoriasi. Il dithranol rallenta il processo di produzione delle cellule della pelle, e l'acido salicilico agisce come cheratolitico, in grado di ammorbidire e rimuovere la pelle morta.

-        Acido salicilico e resina di podofilla: è usato per il trattamento di condilomi. La podofillo-tossina è mortale per le cellule infettate dal virus del condiloma, è l'acido salicilico aiuta la loro rimozione con la sua azione cheratolitica.

-        Acido salicilico e betametasone: è una miscela di acido salicilico e di uno steroide usato in certi tipi di eczema, specialmente laddove la pelle si ispessisce. Lo steroide betametasone aiuta a ridurre l'infezione dell'acido salicilico aiuta a liberarsi della pelle morta.

-        Acido salicilico e shampoo allo zolfo: è usato per la forfora e per i casi di prurito al cuoio capelluto.

 

quando non usare aspirina

Nessuna delle preparazioni che è stata elencata dovrebbe essere usata se:

-        Il paziente allergico all'aspirina

-        La pelle ha delle soluzioni di continuità

-        La pelle è infiammata, e/o infettata

-        C'è un'arteriopatia periferica (si tratta essenzialmente di un indurimento delle arterie che riguarda gli arti)

-        C'è un neo o una lesione della pelle non diagnosticata

 

rimedi casalinghi

Questo capitolo ha esaminato l'uso dell'acido salicilico in medicina. Comunque ci sono vari rimedi casalinghi per i quali le persone utilizzano l'aspirina che analizzeremo nel capitolo successivo

 

riassunto del capitolo

Quando è usata nella sua forma base di acido salicilico e applicata con uso topico, l'aspirina può aiutare in un certo numero di affezioni della pelle, inclusa la psoriasi, i calli, Ittiosi, verruche, condilomi, forfora, prurito del cuoio capelluto, come pure alcuni tipi di eczema. L'acido salicilico può essere combinato con altre sostanze per produrre paste creme per uso medico.

Come al solito, chiunque abbia un'allergia all'aspirina una qualsiasi altra controindicazione non dovrebbe usare l'aspirina neanche per uso esterno.