Crea sito

S M A R T    D R U G S

 

back to Index

 

 

prima di leggere questo documento, l'autore avverte che a suo giudizio il consumo di smart drugs è sconsigliabile e sostituibile con grande vantaggio con the o caffè, che sono straordinarie droghe naturali, senza praticamente effetti collaterali (se usate propriamente) che stimolano la concentrazione, la memoria e l'umore. anche la vitamina c è un potente tonico e potenzia la memoria.

 

 

smart drugs: che cosa sono

Le smart drugs sono preparati di origine naturale o sintetica, che contengono principi attivi di estratti vegetali e sostanze psicotrope (efedrina, caffeina, mescalina, ecc.). Esiste una grande confusione in merito alle smart drugs: in certi casi si intendono bevande energetiche e pastiglie stimolanti, in altri casi droghe di origine vegetale. La traduzione letterale di smart drugs - "droghe furbe" - si riferisce al fatto che, sebbene sia in vigore una legge che proibisce il consumo, la detenzione e lo spaccio delle sostanze stupefacenti, tuttavia è possibile acquistare e detenere prodotti di origine vegetale che contengono quei medesimi principi attivi, poiché non sono ancora inclusi nelle tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope di cui al DPR 309/90. L'associazione "naturale = buono" in questo caso è più che mai ingannevole! Infatti, anche se di origine vegetale, le smart drugs possono avere gravi conseguenze sulla salute psico-fisica.

 

smart drugs: classificazione

Le smart drugs possono essere classificate o in base alle modalità di consumo, oppure per classi chimico-fisiche. Tra i prodotti in commercio si trovano pillole, gocce, bevande, oppure decotti ed infusi da preparare, oltre che misture concentrate, i cui effetti possono essere ancora più dannosi. Si possono distinguere i prodotti caffeinici, i prodotti efedrinici, gli afrodisiaci e le eco-drugs.

 

eco-drugs

Vengono definite eco-drugs quelle sostanze psicoattive di origine naturale (vegetale), ossia che non vengono sintetizzate in laboratorio. L'uso di questi prodotti fa riferimento all'antropologia e alla medicina tradizionale, riabilitando e riproponendo sostanze vegetali ricavate da erbe e piante al centro di riti e cerimonie di culture passate. Tuttavia l'utilizzo voluttuario (e non curativo) di questi prodotti espone i consumatori a gravi conseguenze psicofisiche, poiché non si hanno conoscenze certe relative alla tossicità e alla farmacologia dei principi attivi di questi prodotti. Si pensi ad esempio alla Salvia Divinorum, un potente allucinogeno naturale la cui assunzione può provocare allucinazioni, distorsioni delle percezioni sensoriali, di spazio e tempo, perdita di contatto con la realtà, depressione e fenomeni di dissociazione, inserita recentemente nelle tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope di cui al DPR 309/90.

Recentemente l'Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato una rassegna completa delle nuove smart drug di origine vegetale con tutti i dati relativi alla loro composizione chimica e azione (clicca qui per scaricare il file).

 

prodotti caffeinici

La caffeina è un alcaloide naturale presente nelle piante di caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate, che svolge un'azione stimolante sul sistema centrale nervoso. Viene utilizzata come ingrediente base di numerosi prodotti, tra i quali anche caramelle e bevande. Sul mercato sono numerose le bevande che contengono caffeina e taurina (Energy drinks), il cui consumo talvolta è associato anche all'alcol. La caffeina è una delle sostanze psicoattive più diffuse; l'uso prolungato comporta tolleranza.

 

prodotti efedrinici

L'efedrina è un alcaloide naturale presente nelle piante dell'Ephedra, con una struttura chimica molto simile a quella delle metamfetamine. Viene utilizzata in numerosi integratori alimentari commercializzati per perdere peso o migliorare le prestazioni atletiche, oppure associata ad altri prodotti contenenti caffeina per ottenere preparati dagli effetti eccitanti. L'efedrina, infatti, agisce sul sistema nervoso simpatico provocando eccitazione, ma anche stati di ansia e confusione, irrequietezza, insonnia e stati psicotici, attacchi cardiaci e ictus. In seguito ad overdose si possono manifestare psicosi paranoiche ed allucinazioni. La Food and Drug Administration (FDA), sulla base dei dati scientifici relativi alla farmacologia dell'efedrina e agli effetti avversi riportati a seguito dell'assunzione di integratori dietetici a base di questa sostanza, ha deciso di proibire la commercializzazione di tutti i prodotti che contengono derivati dell'efedrina.

 

afrodisiaci

Erbe ed estratti vegetali con effetti psicoattivi cui sono attribuite proprietà afrodisiache, come nel caso della Damiana (Turnera aphrodisiaca Urban), una pianta originaria dell'America centrale e dell'Africa. Gli estratti della pianta sono utilizzati per la preparazione di composti naturali e afrodisiaci. Altre sostanze vegetali psicoattive cui sono attribuite proprietà afrodisiache sono l'Acanthea virilis, il Lepidium mejenii e la Corynenthe yohimbee.

 

smart drugs: effetti

Gli effetti avversi più comuni delle “smart drugs” sono nausea, vomito, ansia, palpitazioni; in alcuni casi provocano anche crisi epilettiche, episodi psicotici, sintomi da astinenza. Nonostante le informazioni in merito agli effetti farmacologici (tossicità, farmacocinetica, farmacodinamica) e alle conseguenze psicofisiche delle smart drugs siano limitate, è ormai appurata la loro capacità di indurre dipendenza. Mentre nella medicina tradizionale determinati principi attivi contenuti in erbe e piante vengono utilizzati per specifici scopi terapeutici, l'uso voluttuario (quindi l'abuso) degli stessi principi psicoattivi comporta conseguenze avverse ed effetti nocivi a breve e lungo termine, talvolta imprevedibili.

 

nootropi

I Nootropi, conosciuti anche come "smart drugs" (farmaci intelligenti) e smart nutrients, sono sostanze che aumentano le capacità cognitive dell'essere umano (abilità e funzionalità del cervello). La parola nootropo deriva dal Greco, noos (mente) e tropein (sorvegliare). Generalmente, i nootropi lavorano aumentando il rilascio di agenti neurochimici (neurotrasmettitori, enzimi e ormoni), migliorando l'apporto di ossigeno al cervello o stimolando la crescita nervosa.

Molte delle presunte sostanze nootrope sono alimenti o parti di piante (erbe, radici, fagioli, cortecce, ecc.), disponibili nei negozi di alimentari e usate come complementi nutrizionali (ad es. aromatizzanti). In altri casi si tratta invece di medicinali usati per curare persone affette da difficoltà di apprendimento, malattie degenerative (Alzheimer, Parkinson), e in casi di deficit di ossigeno in modo da prevenire condizioni patologiche come l'ipossia. Sono molto vendute su internet, ed utilizzate da migliaia di persone per migliorare le proprie abilità di pensiero.

Con certi nootropi gli effetti sono lievi e graduali, come con gli induttori della crescita nervosa, e possono impiegare settimane o mesi prima di dare gli effetti desiderati a chi li utilizza. Dall'altra parte invece ci sono i nootropi ad effetto profondo ed immediato. È comunque da considerare che mentre gli studi scientifici supportano alcuni di questi presunti benefici, è noto che buona parte degli effetti attribuiti ai nootropi non sono ancora stati testati formalmente.

 

meccanismo generico di funzionamento

Una sostanza nootropa offre supporto alla produzione dei neurotrasmettitori fornendo al corpo i precursori e i cofattori di cui ha bisogno. Portare ad alti livelli la presenza di neurotrasmettitori nel cervello migliora concentrazione, abilità di calcolo, memoria, creatività, umore e previene o in alcuni casi cura, la depressione. I quattro neurotrasmettitori principali sono acetilcolina, dopamina, norepinefrina e serotonina.

Nonostante questo è anche risaputo che l'esercizio cardiovascolare effettuato regolarmente ha effetti nootropi, aumenta infatti la capacità del corpo di fornire ossigeno alle cellule cerebrali. L'esercizio ha inoltre un potente effetto sinergico se accoppiato ad una dieta sana ed equilibrata.

 

sostanze nootrope

I medicinali ad effetto nootropo sono generalmente disponibili soltanto previa prescrizione medica o importazione personale. Le altre sostanze nootrope elencate qui sotto sono invece già presenti in natura, sono dunque alimenti o componenti della pianta disponibili nei negozi di alimentari e usate come supplementi nutrizionali. L'effetto di queste sostanze è soggettivo varia cioè da individuo ad individuo.

 

rifornimento ed aumento dei neurotrasmettitori

Il pensiero è un processo biologico molto esigente. Implica l'uso di neuroni che a loro volta richiedono l'uso di svariati neurotrasmettitori, e anche se questi ultimi sono riutilizzabili sino ad un certo limite, possono esaurirsi. L'esaurimento di neurotrasmettitori porta ad una inevitabile riduzione delle prestazioni mentali, che può includere:

difficoltà di concentrazione

rallentamento dei processi ragionativi

difficoltà di apprendimento

alterazione del richiamo mnemonico

problemi di coordinazione

disturbi dell'umore

impossibilità di fronteggiamento

diminuzione della velocità di risposta

fatica mentale

I neurotrasmettitori hanno bisogno di essere alimentati, e di questo se ne occupa il corpo utilizzando le sostanze assunte nella dieta alimentare. Mantenere l'equilibrio neurochimico a livelli ottimali ha i suoi corrispondenti benefici sulle prestazioni cerebrali, permette infatti il miglioramento della resistenza e dell'agilità mentale portandola anche oltre i limiti dell'individuo.

Relativamente all'età del cervello, l'abilità di produrre e mantenere rispondente il livello dei neurotrasmettitori diminuisce. Così, la teoria è quella di sostenere il cervello con un ampio rifornimento delle sostanze necessarie alla produzione di neurotrasmettitori in modo da ristabilire nell'individuo i livelli ottimali e aiutare il cervello a mantenere reattive e funzionali le abilità cognitive.

 

colinergici

I colinergici sono sostanze che riguardano il neurotrasmettitore acetilcolina o i componenti del sistema nervoso che ne fanno uso. L'aceticolina è fondamentale per la memoria, la concentrazione, e molto utilizzata in processi come il pensiero astratto, il calcolo, la creatività ecc. Aumentare la disponibilità di questo neutrasmettitore nel cervello migliora queste funzioni e ne accresce la durata di lavoro prima che queste decadano in rallentamenti o vengano fermate. Il sovradossaggio di acetilcolina può invece indurre gli effetti opposti, riducendo temporaneamente le prestazioni mentali. I nootropi colinergici includono i precursori dell'acetilcolina, i suoi cofattori e gli acetilcolinesterasi inibitori:

Acetil-L-carnitina - Amminoacido. Precursore dell'acetilcolina. Ha effetti sinergici con l'acido lipoico. Attenzione: da non confondere con la L-carnitina. Sono simili ma l'effetto è differente.

Centrofenossina (Lucidril) - Medicinale. Colinergico.

Colina - Precursore dell'acetilcolina.

Alpha-GPC (L-alpha glutarilfosfatidilcolina) - Precursore della colina, può attraversare la barriera ematoencefalica.

CDP-Colina o Citicolina (citidina-5-difosfatocolina) - Precursore della colina, induce effetti simili al precedente ma il suo costo di produzione è ridotto.

Colina bitartrato - Precursore dell'acetilcolina, nootropo generico, antidepressivo.

Colina citrato - Precursore dell'acetilcolina, nootropo generico, antidepressivo.

DMAE (2-dimetilaminoetanolo) - Trattamento per ADD/ADHD. Precursore dell'aceticolina. Agente colinergico. Usato per la rimozione della lipofuscina dalle cellule neurali. Antidepressivo.

Huperzine A - Potente inibitore dell'acetilcolinasterasi, l'enzima che distrugge l'acetilcolina.

Lecitina (fosfatidilcolina) - Contiene colina.

Derivati del pirrolidone:

Piracetam (Nootropil) - Distribuito solo con ricetta (in Europa). È il primo e il più usato medicinale nootropo. È un agente colinergico, ha effetti sinergici con DMAE, centrofenossina, colina e idergina. Aumenta il metabolismo ed il livello energetico delle cellule cerebrali e velocizza il flusso interemisferico dell'informazione (corpo calloso). Migliora la capacità di concentrazione e di memorizzazione. Protegge i neuroni dall'ipossia e stimola la crescita dei recettori di acetilcolina. Può inoltre portare alla rigenerazione dei nervi. Decresce ed ostacola il formarsi della lipofuscina. In America è possibile acquistare Piracetam liberamente.

Aniracetam (Ampamet, Draganon) - Medicinale. Analogo del piracetam e dalle 4 alle 8 volte più potente. Protegge dall'indebolimento dei processi chimici utilizzati per la memoria. Migliora la memoria nei soggetti anziani aumentando il livello di monoamine (noradrenalina, dopamina e serotonina), neurotrasmettitori essenziali per apprendimento e processi mnemonici. Possiede possibili proprietà terapeutiche nel trattamento della sindrome fetale alcolica (FAS). Aumenta la vigilanza.

Etiracetam - Medicinale. Aumenta la vigilanza. Utilizzato recentemente come anti-epilettico.

Nefiracetam - Medicinale. Analogo del piracetam, facilita la neurotrasmissione ippocampica.

Oxiracetam (Neuromet) - Medicinale. Analogo del piracetam e dalle 2 alle 4 volte più potente. Migliora memoria, concentrazione e vigilanza.

Pramiracetam (Neupramir, Pramistar)- Medicinale. Analogo del piracetam e dalle 8 alle 30 volte più potente.

Vitamina B5 (acido pantotenico) - cofattore nella conversione della colina in acetilcolina, agente colinergico, aumenta la resistenza (compresa la resistenza mentale).

Attenzione: Un eccesso di acetilcolina può essere nocivo; vedere colinesterasi inibitore.

 

dopaminergici

I Dopaminergici sono sostanze che riguardano il neurotrasmettitore dopamina o i componenti del sistema nervoso che ne fanno uso. La dopamina è prodotta nella sintesi del neurotrasmettitore catecolamina. I nootropi dopaminergici includono i precursori della dopamina, i suoi cofattori e gli inibitori del riassorbimento della dopamina (DARI):

L-dopa - Disponibile solo con prescrizione medica. Precursore della dopamina, nootropo generico, anti-depressivo, usato nella cura della malattia di Parkinson

Fenilalanina (richiede Vitamina B6 e Vitamina C) - Amminoacido essenziale. Precursore della dopamina, nootropo generico, anti-depressivo, riduttore del sonno.

Teanina - Amminoacido presente nel . Aumenta il livello di serotonina e dopamina nel cervello.

Tirosina (richiede Vitamina B6 e Vitamina C) - Amminoacido essenziale. Precursore della dopamina, nootropo generico, anti-depressivo, riduttore del sonno

Vitamina C- migliora l'elasticità e l'integrità del sistema cardiovascolare. Antiossidante e stabilizzante (protegge le cellule cerebrali e ne previene la morte), cofattore nella produzione di serotonina e dopamina.

Vitamina B6 - Cofattore nella produzione di dopamina

Yohimbina - Corteccia. Aumenta i livelli di dopamina sino all'80%, ma non è tuttora risaputo il suo meccanismo di azione. Afrodisiaco. Possiede svariati effetti collaterali.

 

serotoninergici

I serotoninergici sono sostanze che riguardano il neurotrasmettitore serotonina o i componenti del sistema nervoso che ne fanno uso. I nootropi serotoninergici includono i precursori della serotonina, i suoi cofattori e gli inibitori del riassorbimento della serotonina:

5-HTP(Natrol) - forma maggiormente biodisponibile del triptofano, precursore della serotonina.

Griffonia simplicifolia Pianta. Una risorsa naturale per il 5-HTP (acquistabile liberamente al contrario del 5-HTP sintetico)

Triptofano (richiede Vitamina B6 e Vitamina C) - Amminoacido essenziale. Precursore della serotonina, si trova in alta concentrazione nelle banane, nei polli e nel latte.

 

anti-depressione, adattogenia e stabilizzazione dell'umore

La depressione clinica interessa negativamente le prestazioni cognitive. Sentimenti quali tristezza, sensi di colpa, disperazione, ansia e paura sono causati dall'effetto che la depressione ha sul pensiero produttivo, mentre l'apatia (che può essere causata dalla depressione stessa) è la mancanza di motivazione, curiosità, interesse, determinazione ecc. Altri sintomi includono disturbo del sonno, fatica mentale, mancanza di energia, problemi nel prendere decisioni, difficoltà di concentrazione e difficoltà di memorizzazione. Ovviamente, la riduzione di questi effetti migliora l'intelligenza e le prestazioni mentali, dunque curare e prevenire la depressione è a tutti gli effetti una strategia nootropa. C'è una forte relazione tra la depressione e la riduzione (o in casi estremi l'esaurimento) dei neurotrasmettitori (dopamina, acetilcolina e serotonina) nel cervello, l'aumento di questi può dunque curare (o eventualmente ridurre i sintomi di) molti casi di depressione Lo stress è un'altra causa (o conseguenza) della diminuzione dei neurotrasmettitori, e le cure anti-stress hanno solitamente degli ottimi effetti nootropi.

Tutti i "nergici" elencati qua sotto sono stati trovati di ottimo utilizzo nel trattamento di stress e depressione specialmente se usati nelle combinazioni precursore/cofattore.

 

nootropi contro lo stress e la depressione:

Ashwagandha (Withania somnifera) - Radice. Conosciuta anche come Ginseng Indiano. Adattogeno usato come tonificante per normalizzare il metabolismo e ridurre il livello di ansia e stress.

Inositolo - Ansiolitico simile alle vitamine del gruppo B. Si pensa che l'effetto di ansiolitico sia dovuto alla sua capacità di collegare i GABAergici ai recettori GABAA. È uno zucchero ed è dunque una sorgente energetica alternativa per il cervello e per i tessuti muscolari. Offre supporto alle membrane cellulari rafforzando ed aiutando a proteggere i neuroni.

Melissa officinalis (Erba cedrina) - Erba. Antidepressivo.

Rhodiola Rosea - Erba. Adattogeno, antistress, antidepressivo, dimagrante. Aumenta l'energia e la resistenza mentale, riduce la fatica.

Hypericum perforatum (Erba di San Giovanni) - Erba. I suoi principi attivi, ipericina e iperforina, sono indicati nei casi di lieve e media depressione.

Ginseng, siberiano (Eleutherococcus senticosus) - Radice. Adattogeno ansiolitico atto a normalizzare le conseguenze dello stress fisico e mentale.

Selegilina (Deprenyl) - Riduce il formarsi di lipofuscina (pigmento dell'invecchiamento) nel cervello migliorando l'attività di riciclaggio cellulare.[10]. La Selegilina può dunque rallentare il formarsi delle malattie cerebrali.

Sutherlandia Frutescens - Erba. Adattogeno, purificatore sanguigno.

- Erba. Contiene teofillina e teanina. Anti-stress

Teanina - Amminoacido. Presente nel tè. Aumenta il livello di serotonina e dopamina nel cervello. Anti-stress.

Vasopressina - Medicinale. Ormone prodotto dai neuroni magnocellulari dell'ipotalamo (neuroni principalmente raggruppati nei nuclei sopraottico e paraventricolare) e successivamente veicolato alla neuroipofisi, da cui viene immesso in circolo. Migliora i processi di elaborazione della memoria. Usata come trattamento nei casi di apatia cronica.

Vitamina B3 (Acido nicotinico) - Nutriente essenziale. Aumenta memoria e concentrazione. Vasodilatatore. Stabilizzatore dell'umore con un potente effetto ansiolitico; Effetti collaterali: Disturbi gastro-intestinali, riduzione della pressione sanguigna, sensazione di prurito alla pelle causato dal rilascio di istamina.

 

energia cerebrale e miglioramento dell'apporto di ossigeno al cervello

Acetil-L-Carnitina - Amminoacido. Utilizzato per il trasporto degli acidi grassi dal citosol al mitocondrio, dove verranno utilizzati per produrre ATP. Effetto sinergico con l'acido lipoico.

Cromo - Stabilizza i livelli di glucosio nel sangue agevolando la concentrazione.

Coenzima Q-10 (Ubichinone) - Aumenta il trasporto di ossigeno attraverso il mitocondrio della cellula.

Creatina - Aumenta l'energia cerebrale agevolando la produzione di ATP.

Acido Lipoico - Effetto sinergico con Acetyl-L-Carnitina.

Piracetam - Migliora l'attenzione, il flusso sanguigno, l'apporto di ossigeno e il recupero dopo Ictus.

Piritinolo (Pyritinol) - Medicinale. Aumenta l'assorbimento di ossigeno e glucosio da parte del cervello, e permette al glucosio di passare più rapidamente attraverso la barriera ematoencefalica. Migliora le funzioni generali del cervello. È riconosciuto come un potente anti-ossidante.

Vinpocetina - Migliora la microcircolazione cerebrale. Aumenta l'apporto di ossigeno al cervello.

 

agilità mentale, concentrazione, resistenza e attenzione

Pemolina. La pemolina è un farmaco con azioni farmacologiche simili a quelle della amfetamina e del metilfenidato. La pemolina agisce in senso eccitatorio sul sistema nervoso centrale, anche come stimolante della respirazione, e possiede una debole attività simpaticomimetica. Il farmaco può incrementare l'attività motoria, lo stato di allerta, diminuire il senso di fatica e provocare una leggera euforia. La pemolina sembra inoltre, apparentemente, possedere effetto anoressante. Altri studi hanno mostrato come potenzi notevolmente la memoria. Alle dosi terapeutiche usuali, il farmaco non mostra effetti significativi sul sistema circolatorio periferico.

Nel 2005 la Food and Drug Administration (FDA) ha ritirato l'approvazione al commercio della pemolina (Cylert) a causa dei suo effetti epatotossici. Da quando ricevette l'approvazione della FDA nel 1975, la pemolina è stata associata a 21 casi di insufficienza epatica, di cui 13 hanno portato al trapianto epatico od alla morte.

Adrafinile (Olmifon) - Medicinale. Stimolante del SNC

Caffeina - Migliora la concentrazione e l'inventiva ma ostacola i processi di memorizzazione. La caffeina è la sostanza psicoattiva più usata in tutto il mondo.

Caffè - Contiene caffeina. il caffè fermentato è riconosciuto come un potente antiossidante.

Nicergolina - Medicinale. La nicergolina è un derivato dell'ergoloide mesilato. Utilizzata per curare la demenza senile. Può inoltre aumentare l'agilità mentale e la percezione attraverso i 5 sensi. Aumenta la vigilanza.[8] Aumenta il flusso del sangue all'interno delle arterie e l'uso di ossigeno e glucosio da parte del cervello.

Nicotina - Aiuta la concentrazione. Possiede svariati effetti collaterali. Provoca un elevato tasso di dipendenza.

Cocaina - Aumenta la concentrazione e la lucidità. Provoca un elevato tasso di dipendenza e molti effetti collaterali, anche gravi.

Metilfenidato (Ritalin) - Medicinale principalmente usato nella cura dell'ADHD

Destroamfetamina - (Adderall, Dexedrine) - Medicinale.

Piracetam - Migliora l'attenzione, il flusso sanguigno, l'apporto di ossigeno e il recupero dopo Ictus

Teofillina

Amfetamina

Norvalina

 

aumento della memoria e stimolanti dell'apprendimento

Tutti i "nergici" elencati più in basso, sono agenti sospetti nell'aumento della memoria (codifica e richiamo), e come ogni nootropo migliorano le funzioni generali del cervello offrendo un supporto maggiore di sangue, ossigeno, e funzionano da stimolanti e protettori.

Bacopa monnieri - Erba. Aumenta la curiosità, migliora memoria e concentrazione, Protegge dall'amnesia introducendo agenti chimici come la scopolamina e dalle perdite di memoria dovute a intensi shock elettrici.[11]

Piracetam - Vedere Colinergici

Rosmarino - Erba. Il rosmarino ha una buona reputazione come agente stimolante della memoria (gli effetti non hanno veridicità scientifica)

Vasopressina - Ormone. Vedere Colinergici

Destroamfetamina - Stimolante cognitivo

 

stimolatori della crescita nervosa, e agenti protettivi

Acetil-L-carnitina (ALCAR) - Amminoacido. Inibisce la formazione di lipofuscina.

Idebenone - Stimola la crescita nervosa, e possiede gli stessi effetti del Coenzima Q10 senza conservarne i pericolosi effetti collaterali.

Inositolo - Rafforza i neuroni, rendendoli più resistenti a possibili danni.

Vitamina C - Vitamina coinvolta nella sintesi del collagene. Rafforza i neuroni, rendendoli meno esposti a possibili danni. La Vitamina C partecipa inoltre come co-fattore nella produzione di dopamina. Recenti studi hanno mostrato come contribuisca al rafforzamento della memoria.

 

droghe con possibili effetti nootropici

Amfetamine - Prescritta per il trattamento di ADHD (Sindrome da deficit di attenzione e iperattività), narcolessia, e in certi casi di obesità. È utilizzata come pillola anti-fatica dai piloti nelle forze armate. Aumenta attenzione, concentrazione, vigilanza, resistenza e desiderio sessuale. Hanno numerosi effetti collaterali, e l'uso ricreazionale di questa sostanza è vietato nella maggior parte del mondo.

LSD - Droga allucinogena. A bassissime dosi (1 microgrammo) ha effetti simili a quelli dell'Idergina. Il sovradosaggio comporta Allucinogeno e Enteogeno. Può inoltre causare distorsioni della coscienza, psicosi e sinestesia.

Pemolina (vedi sopra)

Psilocibina

Psilocina

MDPV

 

cibi nootropi

Esistono anche cibi normalmente consumati nella dieta, che contengono sostanze ad effetti nootropici.

Pesce, come il salmone o il tonno fresco (non quello conservato sott'olio[senza fonte]), sono ricche sorgenti di Omega-3 come l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaexaenoico (DHA). Al deficit di tali sostanze nell'uomo è associato l'aumento del rischio di depressione, aggressività, schizofrenia o l'iper-attività nei bambini.

Olio di Cannabis o semi di Cannabis è uno degli alimenti più ricchi che si possono trovare in natura[senza fonte]. Contiene tutti e 8 gli amminoacidi[senza fonte] oltre a una vasta gamma di proteine, vitamine e i rari acidi linoleici (Omega3 e Omega6) in un rapporto che gli studiosi definiscono perfetto: 3:1.

 

 

allarme sulle smart drugs

(ANSA) - ROMA, 19 Marzo 2014 - Le cosiddette 'smart drugs', o 'potenziatori di memoria', sono sostanze utilizzate allo scopo di aumentare alcune funzioni mentali quali l'attenzione, la memoria, la concentrazione, la motivazione, la pianificazione, l'autostima e la capacità di prendere decisioni. Se da un lato aumentano le capacità cognitive e riducono la sensazione di fatica, il sonno e la fame, dall'altro ''causano però danni al pari delle vere e proprie droghe, sebbene le smart drugs apparentemente non siano sempre illegali e pertanto perseguibili dalla legge''. A lanciare l'allarme è l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa).
Negli ultimi anni, sottolinea inoltre l'Aifa sul proprio sito, ''Internet e l'acquisto illegale hanno sicuramente cannibalizzato il mercato delle sostanze stupefacenti, ma non solo. Nel nostro Paese sono stati individuati circa 500 portali in lingua italiana (o con base in Italia) che vendono questo tipo di sostanze e il 64% di questi siti è stato definitivamente chiuso. La rete di finte farmacie, drugstore, siti di e-commerce fa sì che procurarsi sostanze illecite risulti drammaticamente veloce ed economico. Non servono prescrizioni mediche, non c'è monitoraggio dei rischi, e in generale delle conseguenze della loro somministrazione''. Secondo un recente studio, afferma l'Aifa, ''molte nuove sostanze vengono commercializzate come 'sballo legale', anche quando le indicazioni riportano la dicitura 'Non destinato al consumo umano'; in alcuni casi, infatti, per evitare i controlli, nei laboratori clandestini europei e mondiali si producono nuove droghe che vengono vendute direttamente sul mercato con etichette contenenti informazioni ingannevoli, per esempio 'sostanze chimiche destinate alla ricerca' o 'fertilizzanti'''. L'Aifa mette in guardia anche dall'eccessivo uso di bevande energizzanti: ''Studi hanno dimostrato che l'elevato consumo di energy drink tra gli studenti delle scuole superiori - avverte - può rappresentare un marker per altre attività che potrebbero influenzare negativamente lo sviluppo, la salute e il benessere degli adolescenti''.(ANSA).

nuove droghe

Con il termine “nuove droghe” ci si riferisce a sostanze di recente scoperta e introduzione sul mercato illegale, i cui effetti provocano esiti sul piano fisico e comportamentale della persona che ne fa uso. In realtà, ciò a cui questa definizione si riferisce è il sempre più articolato panorama di nuovi consumi che si distaccano dalle classiche dipendenze e fa leva più sui nuovi modelli di comportamento a rischio e sulle nuove modalità di consumo. Infatti, molte delle sostanze che sono comunemente definite nuove droghe, in realtà, sono state scoperte già da molto tempo. Si tratta di un gruppo eterogeneo di sostanze che eccitano o inibiscono il Sistema Nervoso Centrale e che vengono assunte generalmente per via diversa da quella endovenosa. Inoltre, non sono considerate pericolose da chi le consuma e spesso sono associate ad altre sostanze, con il rischio di overdose.

Le più diffuse e conosciute sono le Designer Drugs, che racchiudono al loro interno un elevato numero di composti sintetici per lo più derivati dalle anfetamine, le Smart Drugs, il Khat, i Gas esilaranti, il Popper e le nuovissime cyber-drugs.

 

designer drugs

"Designer-drugs" è un termine usato per descrivere droghe che sono create o commercializzate, qualora già esistessero, per raggirare le vigenti norme di legge. Generalmente vengono sintetizzate modificando la struttura molecolare di altre droghe o, meno frequentemente, creando sostanze con strutture chimiche completamente differenti che producono effetti simili a quelli causati dalle droghe illegali.

Preparate clandestinamente da “chimici” dilettanti, conosciuti come “cookers”, queste droghe possono essere iniettate, fumate, inalate e ingerite.

Le tre maggiori droghe utilizzate come base per le designer-drugs, sono la fenciclidina, le anfetamine/metanfetamine e il fentanyl.

 

smart drugs negli smart shops

Le smart drugs (droghe "furbe") sono sostanze che, solitamente, sul web vengono pubblicizzate come sostanze naturali e, quindi, “scivolano” tra le maglie della legislazione, per finire direttamente sugli scaffali degli smart shops, dove vengono vendute sotto forma di incensi, pasticche o erbe, i cui effetti, molto spesso sconosciuti, sono proposti dai media attraverso il racconto di episodi di sempre maggiore gravità

I prodotti commercializzati negli smart shop si suddividono fondamentalmente in funzione del fatto di essere pronti o meno all’uso. Tra i primi si annoverano un’infinita gamma di pillole, gocce, bevande (alcoliche od energetiche), “canne” preparate con erbe aromatiche, “snuffs” vegetali, etc. I secondi, invece, comprendono  dei veri e propri “preparati”, quali decotti o infusi. A tale tipologia, che si può definire “al naturale”, bisogna aggiungere la presenza di prodotti “in misture” che possono rivelarsi ancor più dannose proprio in virtù del fatto che il principio attivo è stato estratto e riapplicato facendo si che venga concentrato rispetto al prodotto “naturale”.

Diverse sono le modalità di assunzione di tali sostanze: alcune vengono consumate con il supporto di strumenti quali pipe ad acqua (bong), vaporizzatori, etc., altre vengono assunte per via orale. La maggior parte delle smart drugs sono vegetali e sono sostanze stimolanti. Possono genericamente essere suddivise in:

• Prodotti caffeinici

• Prodotti efedrinici

• Afrodisiaci (Damiana etc.)

• Eco-drugs (Semini hawaiani o messicani, khanna, assenzio).

Alcuni esempi di droghe “furbe” possono essere: il ginseng indiano, la menta magica, la malva bianca, la torcia peruviana, o il fungo ovulo malefico, il tribolo, il cactus di San Pedro, etc.

 

aspetti neurologici

Si distinguono in nootropi colinergici, che riguardano il neurotrasmettitore dell’acetilcolina e hanno influenza sulla memoria, sulla concentrazione e sul pensiero astratto in generale; nootropi dopaminergici, che interessano la produzione di dopamina; nootropi serotonergici, che riguardano la serotonina; nootropi contro lo stress e la depressione che favoriscono l’attività cognitiva agendo direttamente sul tono umorale; nootropi che aumentano l’energia cerebrale e la quantità di ossigeno nel cervello; nootropi che agiscono per migliorare l’agilità mentale, la concentrazione, la resistenza e l’attenzione (per es. la caffeina); nootropi che favoriscono la crescita nervosa.

 

alcune smart drugs

 

Smart drugs

Principio attivo

Fungo ovulo malefico

Muscimolo

Noce di betel

Arecolina

Hawaiian baby woodrose

Ergina

Ginseng indiano

Witanolidi

Assenzio

Absintina

Tribolo

Protodioscina

Trichocereus

Mescalina

Cactus di San Pedro

Mescalina

Torcia peruviana

Mescalina

Trichocereus validus

Mescalina

Trichocereus bacbg

Mescalina

Biak

Mitraginina

Yohimbe

Yohimbina

Badoh

Ergina

Menta magica

Salvinorina

Kanna

Mesembrina

Malva branca

Efedrina

Tribolo

Protodioscia

Torcia peruviana

Mescalina

 

cosa sono le smart drugs

Smart Drugs o Herbal drugs significano letteralmente droghe furbe (smart) droghe vegetali, di origine naturale (Herbal); tra queste troviamo sostanze ottenute dalla mescola o dagli estratti di particolari piante. Gli effetti di questi composti sono riconducibili a quelli di stimolanti come Ecstasy o più in generale alle amfetamine, anche se con potenziale più blando. Le piante che contengono principi chimici psico-attivi sono moltissime pertanto le molecole ed gli effetti derivanti dal loro utilizzo possono variare molto ed il loro utilizzo risale alla "notte dei tempi" sia per usi medicamentali che per motivi divinatori (gli stregoni ne fecero una professione e vi costruirono sopra un ruolo fondamentale nella cultura tribale).

 

come si consumano comunemente le smart drugs

Le forme con cui più comunemente si incontravano questi composti erano unguenti o pomate, infusi, filtri e mazzetti secchi per la fumigazione (inalazione dei vapori).
Oggi si possono trovare sotto forma di:

pastiglie (Ecstacy, Sexstacy, Hexstacy, Explore, ClimaXX, X Tablets, etc...), che contengono differenti percentuali di Efedrina e altre sostanze (vitamine, aminoacidi, altri stimolanti naturali);

in polvere da cui è possibile ricavare un infuso.

capsule, bevande (Final-E, Yellow Jacket, Kriptonite, Blow-Up, Eclipse, etc...) che contengono mescole di Efedrina, Creatina, Taurina e altri elementi (vitamine, aminoacidi, altri estratti, etc...). La combinazione di efedrina e diverse vitamine, oltre ad avere un effetto marcatamente stimolante, produce sensazioni di sensualità (2-3 capsule sono più che sufficienti...);

barrette, chewing-gum, caramelle, sigarette, etc....

 

effetti delle smart drugs

Le smart drugs producono un senso di euforia che può durare per alcune ore (3-6 mediamente). L'effetto euforico è spesso accompagnato da eccitazione, aumento dell'attività e della loquacità, espansione mentale e diminuzione del senso di fatica, fame e sonno. Inoltre diverse di queste sostanze sono considerate afrodisiache.

 

effetti indesiderati

Queste sostanze possono provocare seri problemi se non si riesce a gestire il consumo e soprattutto a regolare correttamente le dosi. I rischi possono variare dalla rigidità muscolare, crampi, nausea, vomito, ansia, tachicardia, ipertensione e anche collasso nei casi più gravi. Il consumo protratto può provocare insonnia e diminuzione dell'appetito.

Un altro rischio è perdere il controllo, diventando aggressivi e violenti a causa del senso di eccitazione.

Gli infusi di alcune piante come Belladonna, Stramonio e Mandragora, possono avere proprietà allucinogene, sono tossici e un piccolo quantitativo in più (o una concentrazione maggiore) può determinare l'avvelenamento, che può essere fatale.

L'Efedrina non è una sostanza innocua e produce tolleranza.

Molti dei principi attivi contenuti nelle smart drugs rientrano nella categoria delle sostanze "dopanti".