Crea sito

 

POESIA OCCIDENTALE, SECOLI XV-XVIII

 

 

back to HomePage

 

 

   Shakespeare, Sonnets

   Juana Ines de la cruz, il ritratto della poetessa

   Juana Ines de la cruz, parlando all'oggetto del suo amore

   Juana Ines de la cruz, Silvio

   Juana Ines de la cruz, riferendosi a Maria Luisa Manrique

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Shakespeare, Sonnets, 87

back to index

 

Io ti ho avuto come un sonno lusinghiero

nel sonno un re, un niente da sveglio.

 

 

 

 

 

Juana Ines de la cruz, Versi d'amore..., Dove la poetessa si riferisce ad un suo ritratto

  back to index

 

      (...)

questo, in cui la lusinga ha persistito

a sottrarre degli anni i grandi orrori,

e vincendo del tempo i bui rigori,

trionfar su oblio e vecchiezza riverito:

è un artificio vano ed accurato,

è un fiore esposto al vento più inclemente,

è un fragile scudo contro il fato,

è una premura errata e inconsistente,

è un affanno caduco e, ben guardato,

è cadavere, è polvere, è ombra, è niente.

 

 

 

 

 

Juana Ines de la cruz, Versi d'amore... Dove parla all'oggetto del suo amore

back to index

 

(...)

Ma vantarti non puoi, senza sospetto,

che vinta mi abbia la tua tirannia:

ché pur fuggendo via dal laccio stretto

che serrava la bella tua malia,

poco importa fuggire a braccia e petto

se ti è prigione la mia fantasia

 

 

 

 

 

Juana Ines de la cruz, Versi d'amore..., Silvio

back to index

 

Il mio errore e la tua viltà vedendo,

contemplo, Silvio, del mio amore errato,

che grave è la malizia del peccato,

che un desiderio sa esser ben violento.

Per quanto ci rifletta, credo a stento

che la mia attenzione abbia badato

a quel che c'è di più disistimato,

a quel che più finisce in detrimento.

Io vorrei, allorché sto lì a vederti,

vedendo questo infame amor, negarlo;

ma poi capisco ad occhi bene aperti

che c'è rimedio solo a dichiararlo;

perché del gran delitto di volerti,

solo è bastante pena il confessarlo.

 

 

 

 

 

Juana Ines de la cruz Versi d'amore..., A Maria Luisa Manrique

back to index

 

Nacque dove l'oriente il rosso velo

distende quando nasce l'astro biondo,

e morì dove, con ardente anelo,

dà sepolcro alla luce il mar profondo:

ché dovette il suo volo in tutto il cielo

girare come il sole intorno al mondo.