Crea sito

H  A  I  K  U

 

 

 

 

 

 

la scacchiera rovesciata

dalla mia amante; fuori

il canto dei primi uccelli

 

 

 

 

 

soffia il vento:

si tengono forte

i boccioli di pruno

 

 

 

 

 

primo giorno dell'anno:

tra i castagni soffiano

venti antichi

 

 

 

 

 

silenzio:

graffia la pietra

la voce delle cicale

 

 

 

 

 

una tomba.

la mia voce di pianto,

nel vento dell'autunno

 

 

 

 

 

in quest'autunno

perché sono così vecchio?

tra le nuvole, un uccello

 

 

 

 

 

inverno:

nel mondo di un solo colore

il suono del vento

 

 

 

 

 

nei giorni di quell'estate

le strida assordanti delle rondini

e la tua bellezza

 

 

 

 

 

capodanno:

nel cielo sereno si parlano

i passeri

 

 

 

 

 

vado nella brughiera vasta:

verso di me vengono

torri di nubi

 

 

 

 

 

all'uomo solo,

ancora più amica,

la luna

 

 

 

 

 

un prete solitario

legge una pietra incisa

nel vento invernale

 

 

 

 

 

guardo il fumo della tua sigaretta

cerco di leggere i tuoi pensieri inquieti

 

 

 

 

 

tristezza:

per il bambino ammalato

un piccolo orsetto bianco

 

 

 

 

 

falò d'autunno:

fumo e scintille

i nostri destini brevemente intrecciati

 

 

 

 

 

sul vecchio becchino

che smuove le tombe

un cappello storto

 

 

 

 

 

un filo di fumo

disegna adesso

il primo cielo dell'anno

 

 

 

 

 

nella sera di primavera

quale lettura per l'uomo senza compagna?

 

 

 

 

 

di me scrivete

che ho amato i versi

e le mele rosse

 

 

 

 

 

vento d'autunno:

ci guardiamo l'un l'altra

tu ed io

 

 

 

 

 

Nessun telegramma oggi

– Soltanto

Altre foglie che cadono

 

 

 

 

 

Da solo, a casa, rileggo

ciò che ti ho scritto

e bevo the

 

 

 

 

 

Silos pieni di fieno

in un mare

di foglie spazzate dal vento

 

 

 

 

 

per chi indossi vesti di seta

stasera?

 

 

 

 

 

Pomeriggio d'inverno:

troppo buio

per leggere un'altra pagina

 

 

 

 

 

Splendide ragazze corrono

sui gradini della biblioteca

 

 

 

 

 

Perfetta notte di luna

rovinata dal nostro litigio

 

 

 

 

 

Solitaria notte d'estate:

il gatto gioca

con i tuoi orecchini

 

 

 

 

 

Splendente nella notte

il tetto del granaio

pieno di neve

 

 

 

 

 

Aspetto che cadano le foglie:

eccone una!

 

 

 

 

 

Scende la sera –

la ragazza dell'ufficio

si slega la sciarpa

 

 

 

 

 

Venti di febbraio

corrono verso ovest

sotto la luna

 

 

 

 

 

Dolce notte di primavera

una giovane ragazza dice

"Buona sera" nell'oscurità

 

 

 

 

 

La falena addormentata

non sa

che ho acceso di nuovo la lampada

 

 

 

 

 

La vacca si fa una grande

favolosa cacata, e si volta

A guardarmi

 

 

 

 

 

Scalzo in riva al mare,

mi gratto la caviglia

con un dito del piede

 

 

 

 

 

Alba – lo studioso non s'è

ancora rasato

Riflette sui suoi quaderni

 

 

 

 

 

Lampadina fulminata,

basta leggere Heidegger,

non ci ho capito niente

 

 

 

 

 

Guardando in alto per vedere

le stelle

ho visto le antenne della TV

 

 

 

 

 

Non ci credereste quant'ero ignorante ieri –

questo l'ho scritto pure tre giorni fa –

o cinque anni fa?

 

 

 

 

 

Acqua in una pozza

che osserva

i cieli fradici

 

 

 

 

 

Sono uscito per chiederti di non lasciarmi

era troppo freddo

sono rientrato

 

 

 

 

 

Le pinete

si muovono

nella foschia

 

 

 

 

 

Io e tre formiche

che si affannano con una mosca morta

chi è più importante nel velo di Maya?

 

 

 

 

 

Sono sceso dalla mia

torre d'avorio

e non ho trovato alcun mondo

 

 

 

 

 

Perbacco. Ieri notte

ho sognato Mao Tse-tung

Stava scopando. Che uccello!

 

 

 

 

 

Un calcio al tavolo

mi sono fratturato un dito

Rabbia

 

 

 

 

 

Sesso –

quanta fatica fa la Provvidenza

per farci procreare!

 

 

 

 

 

I giorni non ci ascoltano

Non possono fermarsi

Ora me ne rendo conto

 

 

 

 

 

Ho fatto l'autostop per mille

miglia e ti ho portato

un fiore un po' stropicciato nella mia tasca

 

 

 

 

 

Gelatina di lamponi color rubino

Preparata al tramonto

Che meraviglia!

 

 

 

 

 

Treni in corsa

tutta la notte

Riviera adriatica

 

 

 

 

 

Erba di maggio

Non ha bisogno di nessuno per crescere

La guardo invidioso

 

 

 

 

 

Leggo Hegel.

La moglie del barista flirta

con il mio vicino analfabeta

 

 

 

 

 

Cristo si è scusato –

doveva andare in bagno a cagare –

e non è più tornato

 

 

 

 

 

Notte d'autunno

la moglie di Roberto

suona la chitarra

 

 

 

 

 

Pioggia notturna – i vicini

Litigano ad alta voce

Nella casa accanto

 

 

 

 

 

Di colpo non hanno senso i nostri baci,

Rivolgi in alto il tuo viso illuminato, lì dove siamo,

Più sola e dura della luce del sole, muta e folle e cieca come il cielo

 

 

 

 

 

Di notte

Una ragazza che non sa dove andare

Chiede di venire con me

 

 

 

 

 

Sbriciolo il tabacco di una Gaulois

In una pipa di tutolo

 

 

 

 

 

Ti sembro un tipo strano

cornacchia, che mi

guardi così fisso?

 

 

 

 

 

Finalmente ho catturato il topo:

era furbo,

ma non conosceva il trucco del vischio

 

 

 

 

 

Un'auto sfreccia sull'autostrada

marito e moglie

con lo sguardo fisso davanti a sé

 

 

 

 

 

Troppo caldo

per scrivere haiku

meglio una Pepsi e un rutto

 

 

 

 

 

Raffiche di vento primaverile

I nidi dei colombacci

Sono tutti caduti

 

 

 

 

 

Un foruncolo

tra i tuoi seni

faccio finta di non notarlo

 

 

 

 

 

Ogni tuono fa tremare la terra,

disturba mio padre

nella sua tomba dicembrina

 

 

 

 

 

Gli storni schiamazzano

fra gli alberi

Il mio gatto è tornato

 

 

 

 

 

Haiku un corno,

è ora di cena!

 

 

 

 

 

Smetti di parlare!

Non ti capisco! Non mi capisci!