Crea sito

ANTOLOGIA DI BRANI SPIRITUALI

medio oriente antico

 

back to HomePage

 

 

 

     

Zoroastro, Il quadruplice consiglio

Dal Viaggio di Ishtar  (poema mesopotamico)

Da La discesa di Inanna nel mondo inferiore (poema sumero)

Dal Dialogo tra padrone e servitore (testo babilonese)

Dal Dialogo sulla miseria umana (testo babilonese)

Inno babilonese al dio sole

Inno sumero-accadico al dio luna

Gli dei delle costellazioni che reggono la notte con i loro influssi (testi divinatori babilonesi)

 

 

 

 

 

 

 

Zoroastro, Il quadruplice consiglio

back to index

 

Scire. Potere

Audere. Tacere

 

 

Dal Viaggio di Ishtar  (poema mesopotamico)

back to index

 

Quando gli dèi crearono l’umanità

le donarono la morte;

la vita la tennero nelle loro mani.

 

 

Da La discesa di Inanna nel mondo inferiore (poema sumero)

back to index

 

Verso l’oscura dimora…

verso la dimora ove l’entrata è senza uscita

verso la strada il cui percorso è senza ritorno

verso la dimora ove quelli che entrano sono privi di luce

dove la polvere appaga la loro fame, e il loro pane è

l’argilla

 

 

Dal Dialogo tra padrone e servitore (testo babilonese)

back to index

 

Sali sui cumuli di antiche rovine e percorrili avanti e indietro; guarda i crani degli uomini di un tempo e di quelli del tempo presente: chi è il malfattore, chi l’amabile filantropo?

 

 

Dal Dialogo sulla miseria umana (testo babilonese)

back to index

 

Ho forse trascurato l’oblazione?

Ho pregato gli dèi, ho presentato alle dee i sacrifici previsti.

Fin dall’infanzia mi sono sforzato di comprendere il pensiero del Dio; con umiltà e pietà ho cercato la dea.

Ma il dio mi ha elargito la miseria anziché la ricchezza.

Il malfattore è giustificato e il giusto è cacciato.

Il bandito riceve l’oro, e il debole resta affamato.

La potenza del malvagio viene rafforzata, mentre l’infermo è mandato in rovina, il debole è abbattuto.

La folla loda la parola di un uomo eminente, esperto nel crimine, ma avvilisce l’essere umile che non fece violenza

Forse che il fiero leone, che mangia la carne migliore, presenta la sua offerta di incenso per placare l’afflizione della sua dea?

 

 

Inno babilonese al dio sole

back to index

 

Shamash! O tu che illumini la Terra, giudice dei cieli,

che rischiari le tenebre, pastore dell’alto e del basso!

 

I tuoi raggi, senza sosta,

ci fanno conoscere ciò che è segreto

 

O Shamash, quando tu sorgi

i popoli si prostrano davanti a te!

 

Tu ti chini sulle montagne e guardi la Terra,

tu rimani in equilibrio nel cerchio cosmico

in mezzo ai cieli.

 

O Shamash, la tua luce brillante

discende fin nel profondo dell’Abisso,

i mostri marini contemplano la tua luce!

 

Dei popoli di ogni paese, la cui lingua è diversa,

tu conosci i pensieri, tu osservi la condotta.

Prostrata innanzi a te è l’intera umanità,

o Shamash, l’ordine universale aspira alla tua luce!

 

 

Inno sumero-accadico al dio luna

back to index

 

Fiero toro dalle grandi corna,

perfetto nelle proporzioni,

dalla barba di pietre preziose,

colmo di virilità e di ogni perfezione,

Gemma da se stessa creatasi,

che incessantemente rinnova

l’accrescersi della sua potenza,

 

Fonte d’ispirazione, universale genitrice

che con i viventi abiti una superba dimora,

 

O Signore, La tua divinità

come i cieli insondabili ed il vasto mare,

infonde un grande sacro timore

 

Tu che dirigi il fuoco e le acque, che vegli sui viventi,

quale dio è più potente di te?

 

Quando la tua parola si diffonde sulla Terra

allora nasce la vegetazione!

Tu, la cui parola rende fecondi i recinti del bestiame e

gli ovili, rendi fecondi i grembi dei viventi!

Tu, la cui parola è fonte di giustizia e di equità, fa’ si che

gli uomini possano parlare secondo giustizia!

Tu, la cui parola è il cielo immenso e la limitata Terra

che nessuno può vedere!

 

 

Gli dei delle costellazioni che reggono la notte con i loro influssi (testi divinatori babilonesi)

back to index

 

La notte ha indossato il suo velo,

il palazzo è immobile, il platano è silenzioso

 

Che i grandi dei della notte,

il risplendente Girru, la bellicosa Era,

La stella-dell’arco, la Costellazione-del-giorno,

la Stella Shitaddaru, la Stella del Dragone,

la stella del Carro, la stella della Capra,

la stella dell’Uro e la stella del Serpente,

siano presenti!